Beni italiani: la lista Patrimonio dell’Unesco

L’UNESCO è l’Organizzazione Internazionale che promuove il patrimonio artistico e culturale a livello mondiale e quindi anche in Italia. Scopriamo insieme la lista italiana Patrimonio dell’Unesco.

Beni italiani: la lista Patrimonio dell’Unesco

L’Italia è entrata a far parte dell’UNESCO l’8 novembre del 1947 e detiene il record per maggior numero di siti UNESCO. Ecco la lista italiana Patrimonio dell’Unesco, in ordine cronologico di iscrizione:

  1. L’arte Rupestre Della Valle Camonica (1979)
  2. La Chiesa E Il Convento Domenicano Di Santa Maria Delle Grazie Con Il Cenacolo Di Leonardo Da Vinci A Milano (1980)
  3. Roma – La Città Storica (1980-1990)
  4. Il Centro Storico Di Firenze (1982)
  5. La Piazza Del Duomo Di Pisa (1987)
  6. Venezia E La Sua Laguna (1987)
  7. Il Centro Storico Di San Gimignano (1990)
  8. I Sassi Di Matera (1993)
  9. La Città Di Vicenza E Le Ville Del Palladio Nel Veneto (1994-1996)
  10. Il Centro Storico Di Napoli (1995)
  11. Crespi D’Adda – L’insediamento Industriale (1995)
  12. Il Centro Storico Di Siena (1995)
  13. Ferrara, Città Del Rinascimento E Il Suo Delta Del Po (1995-1999)
  14. Il Centro Storico Di Pienza (1996)
  15. Castel Del Monte (1996)
  16. I Monumenti Paleocristiani Di Ravenna (1996)
  17. I Trulli Di Alberobello (1996)
  18. Le Residenze Della Casa Reale Di Savoia In Piemonte (1997)
  19. L’orto Botanico Di Padova (1997)
  20. Porto Venere – Le Cinque Terre E Isole Di Palmaria, Tino, Tinetto (1997)
  21. L’area Archeologica Di Agrigento (1997)
  22. La Cattedrale, Torre Civica E Piazza Grande Di Modena (1997)
  23. La Costiera Amalfitana (1997)
  24. Pompei, Ercolano E Torre Annunziata – Le Aree Archeologiche (1997)
  25. Su Nuraxi Di Barumini (1997)
  26. La Villa Romana Del Casale Di Piazza Armerina (1997)
  27. Il Palazzo Reale Di Caserta Con Il Parco, L’acquedotto Vanvitelliano E Il Belvedere Di San Leucio (1997)
  28. Il Parco Nazionale Del Cilento E Vallo Di Diano Con Le Aree Archeologiche Di Paestum E Velia E La Certosa Di Padula (1998)
  29. Il Centro Storico Di Urbino (1998)
  30. L’area Archeologica E La Basilica Patriarcale Di Aquileia (1998)
  31. Villa Adriana A Tivoli (1999)
  32. Isole Eolie – Lipari, Vulcano, Salina, Stromboli, Filicudi, Alicudi E Panarea (2000)
  33. La Città Di Verona (2000)
  34. Assisi, La Basilica Di San Francesco E Altri Siti Francescani (2000)
  35. Villa D’este A Tivoli (2001)
  36. Le Città Tardo Barocche Del Val Di Noto (2002)
  37. Sacri Monti Del Piemonte E Della Lombardia (2003)
  38. Val D’Orcia (2004)
  39. Le Necropoli Etrusche Di Cerveteri E Tarquinia (2004)
  40. Siracusa E Le Necropoli Rupestri Di Pantalica (2005)
  41. Le Strade Nuove E Il Sistema Dei Palazzi Dei Rolli Di Genova (2006)
  42. La Ferrovia Retica Nei Paesaggi Di Albula E Bernina (2008)
  43. Mantova E Sabbioneta (2008)
  44. Le Dolomiti (2009)
  45. Il Monte San Giorgio (2010)
  46. Siti Palafitticoli Preistorici Nell’arco Alpino (2011)
  47. I Longobardi In Italia. I Luoghi Del Potere (568-774 D.C.) (2011)
  48. Ville E Giardini Medicei In Toscana (2013)
  49. Il Monte Etna (2013)
  50. I Paesaggi Vitivinicoli Del Piemonte: Langhe – Roero E Monferrato (2014)
  51. Palermo Arabo-Normanna E Le Cattedrali Di Cefalù E Monreale (2015)
  52. Opere Di Difesa Veneziane Tra XVI E XVII Secolo: Stato Da Terra-Stato Da Mar Occidentale (2017)
  53. Foreste Primordiali Dei Faggi Dei Carpazi E Di Altre Regioni D’Europa (2017)
  54. Ivrea, Città Industriale (2018)
  55. Le Colline Del Prosecco Di Conegliano E Valdobbiadene (2019)

Ivrea , il 54esimo sito Patrimonio Unesco italiano

Ma cos’è esattamente l’UNESCO?

L’UNESCO è l’Organizzazione Internazionale delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura – United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization – che promuove il sinergismo culturale, etnico ed artistico su scala mondiale, con progetti volti alla tutela dei diritti umani e al contrasto dei conflitti.

Fondata a Parigi nel 1945, conta ad oggi più di 200 Stati sostenitori, tra cui appunto l’Italia. L’UNESCO incentra il suo lavoro sulla promozione dell’educazione scolastica, della scienza, del rispetto tra popoli di diversa etnia, religione e cultura, il tutto attraverso la valorizzazione del patrimonio artistico mondiale.

Alla scoperta di Matera: la città, gli abitanti, cosa visitare e mangiare

I Beni del Patrimonio Mondiale

Un Bene del Patrimonio Mondiale è un prodotto dell’uomo o della natura che possiede un eccezionale valore universale per l’intera umanità. Può essere un habitat naturale o un’opera d’arte, un monumento o un paesaggio culturale che esibisce una determinata interazione tra l’uomo e l’ambiente.

Sono compresi:

  • monumenti, opere architettoniche, plastiche o pittoriche monumentali, elementi o strutture di carattere archeologico, iscrizioni, grotte e gruppi di elementi di valore universale eccezionale dall’aspetto storico, artistico o scientifico;
  • gli agglomerati, gruppi di costruzioni isolate o riunite che, per la loro architettura, unità o integrazione nel paesaggio hanno valore universale eccezionale dall’aspetto storico, artistico o scientifico;
  • siti, opere dell’uomo o opere coniugate dell’uomo e della natura, compresi i siti archeologici, di valore universale eccezionale dall’aspetto storico ed estetico, etnologico o antropologico.

Alla scoperta della Lombardia, tradizioni e numeri della regione ricca di siti Unesco

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo. E tu? 
  • In base alla Convenzione l’UNESCO ha fino ad oggi riconosciuto un totale di 1121 siti (869 siti culturali, 213 naturali e 39 misti) presenti in 167 Paesi del mondo.
  • Attualmente l’Italia e la Cina sono le nazioni che detengono il maggior numero di siti inclusi nella lista dei patrimoni dell’umanità.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Designer e Dottoressa in Lingue Moderne per il Web