Unesco Italia: alla scoperta del centro storico di Pienza

Per questo appuntamento con la rubrica Unesco Italia, andiamo in Val d’Orcia, precisamente a Pienza, località in provincia di Siena, Toscana. Il suo centro storico entra a far parte della Lista Beni Unesco nel 1996, per il genio creativo nella sua opera urbana.

Il centro storico di Pienza: il progetto di Papa Pio II

La sua fondazione risale al Medioevo e con il nome di Corsignano. Fino al 1462, quando poi, l’eletto Papa Pio II, al secolo Enea Silvio Piccolomini (1405-1464), prima importante umanista, decide di ridisegnare e riprogettare l’aspetto urbano del borgo e anche il nome della località viene ribattezzato in Pienza.

Unesco Italia: alla scoperta del centro storico di Siena

Il progetto voluto da Pio II è quello di rimodellare il borgo, farlo rivivere, avendo osservato la povertà dei suoi abitanti nella sua città natale. Così sceglie di adattarlo come sua residenza estiva. Questa idea porta sia alla nuova costruzione di 40 edifici, pubblici e privati, ma vede anche la ristrutturazione di molti degli stessi già presenti sul territorio. Le nuove edificazioni includono:

  • edifici per i cardinali.
  • Più di 12 case per il popolo, edificate vicino le mura.
  • Porta al Giglio.

Per la sua intera costruzione ci sono voluti 4 anni.

L’importanza data a questa città e il diritto ad essere inclusa tra i Patrimoni Unesco è da ricondurre sempre all’innovativa urbanistica rinascimentale, nata proprio in seno a questo luogo e messa in pratica dai più grandi maestri e architetti come il fiorentino Bernardo Rossellino.

centro storico Pienza

Unesco Italia: alla scoperta del centro storico di Pienza – Di Manolis Smalios per shutterstock

Lo stile del centro storico di Pienza e il nuovo spazio urbano rinascimentale

Annoverata come uno dei primi esempi di città ideale, per lo sviluppo e l’applicazione dei concetti umanistici nel disegno urbano, uniti ai suoi spazi, Pienza ha contribuito allo sviluppo urbanistico delle città future, sia in Italia che in Europa.

L’aspetto stilistico si divide fra l’interno delle strutture e l’esterno. Come per la Cattedrale di Pienza, gli interni sono in stile tardogotico, tipiche della Germania meridionale, mentre l’esterno è in un puro stile rinascimentale. A far da ponte è lo stile del campanile, che fonde i due caratteri.

centro storico Pienza

Unesco Italia: alla scoperta del centro storico di Pienza – Di Marco Taliani de Marchio per shutterstock

La messa in pratica del Rinascimento in questa località risale al 1459 e risalta nella Piazza Pio II, contornata da altri edifici tutt’intorno. Fra questi troviamo

  • Palazzo Borgia (o Episcopale)
  • la Cattedrale
  • il Palazzo Piccolomini
  • Presbiterio
  • Municipio
  • Palazzo Ammannati.

Nello stesso periodo vengono anche erette le mura medievali della cittadina, dove le porte principali (Porta al Giglio e Porta al Prado) sono state collegate dall’asse stradale Corso Rossellino.

centro storico Pienza

Unesco Italia: alla scoperta del centro storico di Pienza – Di Simona Bottone per shutterstock

Criteri di inserimento tra i Patrimoni dell’Umanità

Il centro storico di Pienza è entrato per la bellezza e il genio creativo degli spazi urbanistici rinascimentali all’interno del borgo medievale. Nello specifico sono elencati i seguenti criteri:

  1. rappresenta un capolavoro del genio creativo dell’uomo.
  2. Mostra un importante interscambio di valori umani, in un lungo arco temporale o all’interno di un’area culturale del mondo, sugli sviluppi nell’architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
  3. Costituisce un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico, o di un paesaggio, che illustri una o più importanti fasi nella storia umana.

Unesco Italia: alla scoperta del Centro Storico di San Gimignano

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo. E tu?

  • Il Comune toscano di Pienza ospita circa i 2.076 abitanti.
  • Questo paesaggio collinare si estende su di una superficie di 122,96 km².
  • Il borgo medievale di Pienza è l’archetipo della città ideale e rinascimentale. Difatti è stato il primo luogo ad aver introdotto concezioni umanistiche nell’architettura degli spazi urbani.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Interior-Garden designer& Web project