Unesco Italia: alla scoperta di Villa Romana del Casale di Piazza Armerina

Siamo a circa metà della Lista dei Beni italiani del Patrimonio Unesco e qui troviamo il meraviglioso sito della Villa Romana del Casale di Piazza Armerina, situata nell’incantevole isola di Sicilia. Decretata Patrimonio dell’Umanità nel 1997, per l’importanza e rilievo dei suoi elementi architettonici e decorativi.

Unesco Italia: alla scoperta dell’ area archeologica di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

La Villa Romana e l’aggiunta del Casale

Villa Romana del Casale si trova vicino alla splendida città di Piazza Armerina, situata in posizione centrale della Sicilia, ricca di storia e cultura antica. La Villa, risalente alla fine del IV secolo d.C., spicca per la rilevanza architettonica e soprattutto decorativa del sito.

Costruita fra il 320-350 d.C., si dice fosse la residenza di caccia di Massimiliano Erculeo, collega di Diocleziano, o appartenente ad un’antica e potente famiglia romana. Si presenta come una dimora rurale, contenente magnifici e affascinanti mosaici, perfettamente conservati.

Inoltre rappresenta il più alto esempio di abitazione di lusso di età tardo – imperiale di stampo romano. Non solo, il sito esemplifica l’utilizzo del centro romano e del suo potere esercitato ai tempi latifondisti dell’epoca.

La Villa del Casale è famosa appunto per i suoi splendidi mosaici raffiguranti lo stile di vita e le scene quotidiane, oltre che eventi significativi, della classe romana dominante. È quindi un’importante testimonianza della cultura civile romana ai tempi.

In principio era unicamente Villa Romana, abitata e frequentata fino al XIII sec. d.C., fin quando venne costruito, tra il XIV e il XV sec., il cosiddetto Casale, da cui deriva la denominazione del sito come area archeologica.

Il sito venne abbandonato in seguito a causa di alluvioni e devastazioni dell’area, ma grazie alla sua ‘sepoltura’, si è perfettamente conservato assieme alle sue incredibili decorazioni interne, giunte fino a noi.

Villa Romana Casale

Alla scoperta di Villa Romana del Casale di Piazza Armerina – Di Restuccia Giancarlo shutterstock

Come è composta la Villa e i dettagli interni

Le principali zone individuate nella Villa sono 4:

  1. ingresso monumentale, con il cortile porticato ed il complesso termale.
  2. La zona centrale della Villa: con stanze e servizi e giardino.
  3. La Basilica e gli appartamenti privati.
  4. Triclinio e peristilio ovoidale.

Altri ambienti presenti e visitabili sono:

  • la stanza della Piccola Caccia ed il corridoio della Grande Caccia.
  • Stanza delle Palestrite.
  • Appartamenti Padronali che ospitano i mosaici di Ulisse e Polifemo, Amore e Psiche, il Mito di Arione  e quello di Eros e Pan.
Villa Romana Casale

Alla scoperta di Villa Romana del Casale di Piazza Armerina – Di Marco Ossino shutterstock

La Villa si estende su una superficie di circa 3500 metri quadri, sviluppandosi in 48 ambienti ricchi di mosaici, in perfetto stato. Questi, in stile figurativo e geometrico, ricoprono le pareti e i pavimenti e sono presenti in tutti gli ambienti della casa.

Lo stile artistico ha evidenti influenze africane, lasciando ipotizzare l’ausilio di lavoratori di origine africana per la realizzazione.

Le immagini rappresentano stili e narrazioni differenti. Dalle comuni scene di vita quotidiana aristocratica, caccia e giochi, alle divinità mitologiche.

Criteri d’inserimento nella World Heritage List

Splendido esempio di architettura romana con un’importante testimonianza figurativa in perfetta conservazione, la Villa Romana del Casale di Piazza Armerina è inclusa fra il Patrimonio UNESCO per le seguenti motivazioni:

  •  rappresentare un capolavoro del genio creativo dell’uomo.
  • Mostrare un importante interscambio di valori umani, in un lungo arco temporale o all’interno di un’area culturale del mondo, sugli sviluppi nell’architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
  • Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.

Unesco Italia: alla scoperta dell’area archeologica di Agrigento

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Gli scavi che hanno portato alla luce l’area archeologica sono iniziati negli anni Cinquanta e soltanto nel 2012 si sono conclusi i lavori di restauro inerenti ai mosaici e alle pitture parietali.
  • I resti della Villa Romana sono a circa 4 km da Piazza Armerina.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post
Written by

Interior-Garden designer& Web project