Rinnovare casa in poche mosse, spendendo poco

“La casa è il vostro corpo più grande. Vive nel sole e si addormenta nella quiete della notte; e non è senza sogni.” K. Gibran.

Come dare una nuova luce e aspetto al vostro “nido”, anche senza metter mano al portafoglio o, perlomeno, senza spendere troppo

È quello che cercheremo di approfondire qui, dimostrando  che cambiare l’arredamento e dare una nuova vita alla casa non è così dispendioso come si possa pensare.

In primis, bisogna fermarsi ad osservare la propria casa e pensare cosa vorremmo ottenere, quali spazi funzionali, suddividendo virtualmente l’ambiente in zone ideali. Se abitiamo in un open-space divideremo virtualmente la zona lettura dalla zona ufficio, la zona living dalla zona pranzo, ecc.. attraverso un “cambio di registro”, ovvero un cambiamento di colore tra  le zone: una libreria, un tappeto, ecc. Se si tratta di un interno già partizionato,  proviamo a pensare allo spostamento di arredi tra gli ambienti.  Teniamo sempre presente la  posizione dei  punti cardinali per poter orientare la zona living a Sud-Ovest, la cucina a Sud-Est, la zona notte a Nord-Est. Ogni ambiente avrà così il giusto livello di illuminamento diurno.

Come seconda mossa: “less is more”, il meno è meglio, per dirla con la celebre affermazione coniata dall’architetto tedesco Ludwig Mies van der Rohe. Si ispira al concetto che il “di più” si ottiene rimanendo ancorati all’essenzialità. Si parte dal “decluttering”, che significa letteralmente “disfarsi delle cose”. Ovviamente inutili.

Decluttering: vivere al meglio il nostro habitat

Iniziamo a togliere, vendere o regalare tutto ciò che non utilizziamo più, o ciò che è troppo rovinato o inutilizzabile; tante cianfrusaglie comprate per impulso,  spesso inutili, iniziando a dare aria nuova e a fare spazio.

Terzo step: il cambiamento effettivo. Qui potete iniziare a dare la forma che volete. Per esempio, tinteggiare le pareti o solo una, del vostro colore preferito,  secondo le tecniche che abbiamo  spiegato su Habitante a suo tempo.

10 errori da evitare nell’uso del colore

Il tappeto, insieme alle pareti, fa da cornice alla stanza, cambiandolo, avrete già una nuova immagine.

Il tappeto, protagonista della casa

Spostate i mobili: cercate di renderla più spaziosa semplicemente muovendo il divano, le poltrone o la pianta. Liberate i passaggi e fate entrare la luce dalle finestre, non ostruitele visivamente.

Sostituire le tende è un ottimo modo per dare una nuova ottica alla casa, e rinfrescarne il look spendendo poco.

Come scegliere le tende per arredare la casa: le ultime tendenze

.

Senza cambiare gli arredi, utilizzate dei copri divano, poltrona e sedie per modificarne il colore e per proteggere il tessuto dall’usura e dal felino, nel caso ne abbiate uno.

Tessuti per l’arredamento: il jacquard per imbottiture e tendaggi

Se vi piacciono e avete delle piante, provate a spostarne la posizione e la stanza; al contrario, acquistatene qualcuna, il verde dà un tocco di naturale e arredano la casa.

Arredare la casa con le piante sempreverdi

Spostate i quadri, intercambiateli o toglieteli, soprattutto se non legano con il resto del mobilio ma sono solo “un regalo importante”.

5 consigli per scegliere e posizionare i quadri in un ambiente

Aggiungete specchi se la casa è poco luminosa, magari di fronte o perpendicolarmente alla finestra principale, i riflessi creeranno dei giochi di luci ed ombre e vi sembrerà molto più spaziosa. E poi si sa: la luce è tutto.

Come donare nuova luce ed energia alla nostra casa, arredando con gli specchi

.

Gli acquisti

Se dopo aver seguito i consigli di cui sopra, non siete ancora soddisfatti, potete acquistare qualche pezzo nuovo, come una lampada, da terra o abat-jour, dei nuovi cuscini colorati o direttamente aggiungere degli arredi (necessari) che non avete; come un poggia piedi o un pouf.

Una idea:  pensate a un pezzo  di design “vintage”; iconici, senza tempo, come ad esempio gli oggetti cult anni 60-70 che  non hanno  mai perso  freschezza e modernità. Alcune idee le potete  trovare anche nei mercatini dall’usato.

Flower Power & Design

Come vedete, basta poco. Ricordatevi sempre di essere fedeli ad uno schema colore e occhio alle fantasie. E per finire, ricordatevi di chiedere consigli agli Interior Designer: professionisti che sono cresciuti in corsi di  formazione  e che conoscono le accortezze che vi permetteranno di creare un vostro piccolo capolavoro.

7 consigli di un’Interior Designer per migliorare l’ambiente di casa

La foto in copertina è di  CandyBox su Shutterstock

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Come si diventa Interior Designer? Come si diventa professionista del design di interni e dell’arredo? Lo sapevate che ci sono corsi in teledidattica che vi permettono di raggiungere questo obiettivo e svolgere una attività professionale?
  • Una recente professione è quella dell’Home Stylist, figura molto conosciuta all’estero, soprattutto nei paesi anglosassoni. Un mestiere sempre più richiesto che si sta diffondendo anche in Italia.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

In generale, sono spinta da una curiosità cronica; come i gatti. Ciò che mi appassiona maggiormente, peró, riguarda la Storia e la vastità degli scenari che racchiudono la parola Arte.