Come risparmiare energia elettrica in casa: 3 metodi utili

Ottimizzare l’uso dell’energia elettrica in casa, non solo consente di notare una variazione dell’importo della bolletta, ma permette anche di ridurre il suo impatto sull’ambiente. Vediamo come risparmiare applicando 3 utili metodi.

Come risparmiare energia elettrica in casa

Per risparmiare energia elettrica in casa è fondamentale modificare alcune errate abitudini. I principali fattori che permetteranno di economizzare l’energia elettrica sono:

  • usare gli elettrodomestici nel modo giusto;
  • non esagerare con l’illuminazione della propria abitazione;
  • ottimizzare le fonti di riscaldamento e refrigerazione della casa.

Sprechi energetici: il 77% degli italiani è attento ai consumi

Ridurre l’uso degli elettrodomestici

Gli elettrodomestici, usati nel modo sbagliato, possono costituire la principale fonte di dispendio energetico in casa. Per esempio per quanto riguarda la lavastoviglie è bene assicurarsi di caricarla del tutto, altrimenti meglio lavare i piatti a mano, cercando di non sprecare troppa acqua. Il forno, se non è a gas, richiede tanta energia elettrica, per questo motivo un’idea può essere quella di preparare i tuoi piatti una volta alla settimana, conservali e riscaldarli all’occorrenza. Anche l’aspirapolvere contribuisce al consumo energetico, si può quindi pensare di usare la scopa, tra una passata di aspirapolvere e l’altra, così da diminuirne l’uso.

Un accorgimento utile per risparmiare energia elettrica è staccare i vari dispositivi presenti in casa dalla presa di corrente. Questi, infatti, continuano a consumare anche da spenti. È bene abituarsi a disinserire la spina di computer, televisori, sistemi audio, macchina del caffè, asciugacapelli, caricabatterie del telefono. Infine quando acquistate un elettrodomestico optate sempre per i modelli di classe A, che sono quelli più efficienti e che consumano di meno.

Risparmiare energia elettrica - spina corrente

Come risparmiare energia elettrica in casa: 3 metodi utili – SHUTTERSTOCK di Tiko Aramyan

Illuminazione corretta della casa

Quante volte capita di lasciare la luce accesa anche nelle camere in cui non sostiamo? Una piccola disattenzione che può, però, pesare sulla bolletta e sull’ambiente. L’ideale è, alla sera, tenere accesa la luce di una sola stanza o comunque accendere solo quelle strettamente necessarie. Se per esempio state vedendo un film o una serie TV la luce è addirittura superflua.

Un altro accorgimento può essere quello di sostituire la luce elettrica con delle candele. Da un lato risparmierete in energia e dall’altro potrete beneficiare di un comodo angolo relax direttamente nella vostra casa. Durante il giorno è davvero inutile usare l’illuminazione artificiale quindi è bene usare come fonte primaria di luce quella del sole. Per fare ciò si consiglia di riorganizzare la casa e la postazione di lavoro traendo il massimo vantaggio dai raggi solari.

Inoltre è bene valutare il tipo di lampadina che abbiamo in casa. Si consiglia di sostituire le lampadine a incandescenza, che bruciano la maggior parte della loro energia come calore, con lampadine LED o fluorescenti. Si stima che le lampadine fluorescenti compatte usino circa ¼ dell’energia delle lampadine a incandescenza.

Progettare una casa sostenibile con la lana di pecora: isolanti termici

Riscaldamento e refrigerazione della casa

Lasciare l’aria condizionata sempre accesa è uno spreco di energia e di soldi. Si consiglia di spegnerla quando non si è in casa e di usarla solo nella stanza dove si trascorre più tempo, soprattutto se siamo soli in casa. Inoltre il piccolo accorgimento di chiudere le porte delle varie camere aiuta a mantenere costante la temperatura sia in inverno che in estate. L’isolamento è molto importante per evitare la dispersione del calore o dell’aria fresca. Si consiglia di contattare un esperto che possa valutare le condizioni della casa e decidere se e cosa isolare, per esempio la soffitta, le fondamenta, l’attico e le altre aree.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Ad oggi, in Europa, sono state raccolte e riciclate 2 miliardi di lampadine. L’Italia ha contribuito a tale risultato con la raccolta di circa 170 milioni di sorgenti luminose. Per approfondire leggi QUI.
  • Si stima che le famiglie italiane vedranno nei primi tre mesi del 2021 un aumento della bolletta elettrica del 4,5%.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Biologa