Habitante a tavola: packaging sostenibile per alimenti realizzato con foglie d’ulivo

Condividi L'articolo su

La maggior parte degli imballaggi alimentari sono costituiti da materiale plastico altamente inquinante. Da diverso tempo si sta lavorando al fine di ridurne l’utilizzo cercando soluzioni alternative che siano sostenibili per l’ambiente. Gli studi hanno condotto oggi alla formulazione di un packaging sostenibile, ovvero naturale, preparato a partire da foglie d’ulivo.

Alimentazione green: cosa mangiare per essere sostenibili

Packaging sostenibile per alimenti realizzato con foglie d’ulivo

Oggi i consumatori sono sempre più attenti alla tematica ambientale e ormai molto spesso le scelte degli italiani in fatto di spesa sono guidati anche da questo. Quanto è sostenibile ciò che sto acquistando? Questa è la domanda che tutti dovremmo porci prima di mettere un certo alimento nel nostro carrello. Il packaging industriale, cui siamo stati abituati, per anni è stato onnipresente sugli scaffali dei supermercati ma oggi molte aziende stanno cercando soluzioni per risolvere il problema o riducendone l’impiego o lavorando a materiali sostenibili. Tale principio è quello su cui si fonda la logica del packaging per prodotti alimentari realizzato con foglie d’ulivo.

Packaging sostenibile - no plastic

Habitante a tavola: packaging sostenibile per alimenti realizzato con foglie d’ulivo – SHUTTERSTOCK di Roma Zaiets

Packaging organico d’ulivo: una soluzione sostenibile

Negli ultimi anni le ricerche sono state mirate verso la possibilità di realizzare pellicole e rivestimenti alimentari con sostanze naturali o prodotti di recupero. Imballaggi di questo genere non solo sono interamente biodegradabili ma presentano notevoli benefici per gli alimenti stessi. Difatti svolgono un’azione antibatterica, antiossidante e, contrastando la proliferazione di patogeni, preservano la qualità dell’alimento.

Uno studio, pubblicato sulla rivista Food Packaging and Shelf Life, ha dimostrato come sia possibile impiegare le foglie d’ulivo per realizzare imballaggi per alimenti. Condotta dall’Istituto Tecnologico Agrario di Castiglia e Leon, la sperimentazione scientifica ha evidenziato le proprietà benefiche delle foglie d’ulivo la cui efficacia è stata testata negli imballaggi del salmone affumicato fresco.

I ricercatori spagnoli hanno lavorato sulla polvere ottenuta dalle foglie d’ulivo e ne hanno ricavato due composti: l’acronimo OLP (olive leaf powder) identificava la sola polvere mentre OLE (olive leaf ethanol extract) una soluzione di polvere mista ad acqua ed etanolo. I due composti, testati a diverse concentrazioni su vari batteri, hanno mostrato una notevole efficacia. I risultati hanno dimostrato come da una concentrazione di polvere d’ulivo del 5,63% sciolta in acqua ed etanolo, è possibile ottenere un’azione particolarmente forte contro il batterio Listeria monocytogenes, che si sviluppa in modo particolare durante la fase di stoccaggio del salmone. In buona sostanza, quindi, il packaging migliore era quello derivante dalla formulazione chiamata OLE, ovvero la soluzione di acqua, etanolo e polvere di foglie d’ulivo.

Habitante a tavola: pesce vegetale, dai gamberetti veg al salmone stampato in 3D

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Dai dati dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra), pubblicati nel rapporto 2020 sui rifiuti urbani, si nota come la fabbricazione di imballaggi di plastica dal 2015 non sia stata ridotta, anzi è aumentata dell’8,7%. Nel 2019 sono state prodotte 2.315 migliaia di tonnellate di involucri di plastica, pari a 186,5 migliaia di tonnellate in più rispetto al 2015.
  • Il 63% del totale del packaging di plastica immesso al consumo è destinato all’uso domestico, mentre il 37% al commercio e all’industria.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su
Scritto da

Biologa