Oltre lo specchio: scegliere il modello di lavabo per il bagno e definire lo stile

Quando si affronta una ristrutturazione, un momento topico è quello in cui si deve scegliere il lavabo in bagno. Sono tanti i modelli e i materiali proposti dal mercato. Combinandoli è possibile realizzare configurazioni differenti e originali. Ad ogni modello e soluzione corrisponde uno stile diverso con cui arredare la stanza da bagno

Come scegliere il modello di lavabo per il bagno

Per scegliere il modello di lavabo occorre innanzitutto tenere presente se si tratta del bagno principale o di un bagno secondario, di servizio o per ospiti. Altro aspetto da considerare è il numero di persone che ne faranno uso.

Uno dei parametri principali in base al quale scegliere il lavabo per il bagno è come sempre, quello di valutare lo spazio disponibile. Per muoversi agevolmente davanti al lavabo è necessario avere a disposizione almeno 60 cm di spazio frontale e 20 cm ai lati del lavandino.

Quindi, considerando che la profondità minima di un lavabo è di 45 cm nella stanza da bagno occorre avere a disposizione una larghezza minima di almeno 105 cm. Per chi ha evidenti problemi di spazio e deve arredare un bagno piccolo, esistono modelli di lavabi ridotti la cui dimensione può essere solo 40 cm. In questi casi, per recuperare spazio una scelta pratica è quella di installare i rubinetti direttamente alla parete

Come scegliere la giusta rubinetteria in casa

Le caratteristiche dei modelli di lavandini per la stanza da bagno

Sono tanti i modelli di lavabo presenti oggi sul mercato. Il più comune è il lavabo sospeso. Viene fissato direttamente alla parete ed offre notevoli vantaggi per la pulizia dei pavimenti. Ma la zona sotto il lavabo, che resta libera, può comunque essere sfruttata per posizionare un mobile basso o una panca.

I lavabi a colonna sono invece quelli che erano di moda negli anni Ottanta, ma che ancora oggi rappresentano la migliore soluzione per chi cerca ambientazioni in stile classico. Sono fissati al muro come il lavabo sospeso. Ma in più hanno la colonna la cui funzione è solo estetica, ovvero nascondere il sifone e le tubature.

La tipologia più diffusa oggi è il lavabo in appoggio. Viene fissato direttamente sul mobile da bagno (a terra o a sbalzo) o più semplicemente su una mensola. Per questa e per tutte le altre tipologie di lavabi, esistono modelli di varia dimensione forma. Ovali, rettangolari, quadrati e circolari. Anche i piani per i lavabi in appoggio possono essere di diverso materiale: legno, pietra, marmo o corian. Sia il lavabo che il piano, vanno scelti in funzione del proprio gusto e della manutenzione richiesta. Il lavabo da appoggio è versatile e adatto a diversi contesti, ma vincola nella scelta della rubinetteria. 

Scegliere il lavabo in bagno in base allo spazio

Scegliere il lavabo in bagno per definire lo stile – Shutterstock Di JenJ_Payless

Il lavabo e la pulizia dei complementi

Nell’indecisione tra lavabo a sbalzo o il lavabo da appoggio, si può optare per il lavabo da incasso integrato con il top.

L’incasso può essere soprapiano, se il lavabo sporge in superficie spezzando la continuità del top o sottopiano, se il lavabo resta incassato nello spessore del mobile o della mensola. Il compromesso tra i due modelli è il lavabo a semincasso. La soluzione prevede una parte del lavabo incassata nello spessore del top e una parte leggermente sporgente in superficie. Questa è la soluzione ideale per chi ha poco spazio. Ma la pulizia di un lavabo semincasso, così come quella di un lavabo soprapiano, richiede qualche attenzione in più rispetto al lavabo ad incasso sottopiano. Perché nel lavabo con incasso soprapiano e nel lavabo a semincasso lo sporco si può annidare negli interstizi.

Bagni spaziosi e ultime tendenze

Per i bagni molto grandi esistono anche i lavabi freestanding. La loro caratteristica è quella di essere composti da un solo blocco. Sono considerati la moderna evoluzione del lavabo a colonna, con la  sola differenza che le tubature partono da terra e gli elementi non sono appoggiati alla parete ma direttamente sul pavimento. Per questo se lo spazio lo consente, il lavabo monoblocco può stare al centro della stanza. Nuova tendenza per il bagno moderno è infine, il lavabo integrato nel top con i due elementi che formano un elemento unico dello stesso materiale. Possono essere in ceramica, vetro, corian o gres porcellanato. Perché nella scelta del lavabo, oltre al modello occorre considerare anche il materiale, e di esso è bene valutare tutte le caratteristiche e la manutenzione.

Pulire casa in modo naturale: 6 prodotti per farlo!

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Il bagno è una delle stanze più importanti della casa. Un sondaggio dell’Osservatorio sulla Casa condotto a campione nel 2019, tra coloro che avevano effettuato almeno un intervento di ristrutturazione nella loro abitazione, ha rilevato che il 33% degli intervistati è intervenuto sul primo bagno e il 15 % sul secondo bagno

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it