Friland: le mini case italiane sostenibili dove soggiornare in mezzo alla natura selvaggia

Se vi è piaciuta la storia di into the wild, amerete questo nuovo progetto della start up friulana Friland. Sono delle mini – case (trasportabili) completamente tecnologiche, ecologiche ed autosufficienti, immerse nella natura della regione friulana.

Mudgee Tower: la cabina di campagna (quasi) indistruttibile

Friland: come è stata realizzata la casa e come funziona

Non si tratta di una semplice “tenda rigida” portabile e montabile. Le mini – case Friland sono dei veri alloggi su ruote, stabili, completamente ecosostenibili. Si possono affittare per brevi periodi, per chi vuole vivere un’esperienza avventurosa e rilassante.

I singoli moduli presenti sul territorio sono costituiti da:

  • pareti isolanti di 7 cm (spessore), biocompatibili 
  • mini cucina: dotata di fornelli, stoviglie e frigorifero
  • letto
  • bagno con WC – non chimico
  • doccia
  • aria condizionata e riscaldamento.
  • piccoli extra, come del sapone biologico e biancheria pulita.

La sosta into the wild è circoscritta in alcune località friulane; tra queste: montagne, vigneti, mare, laghi e lagune e boschi. Sicuramente ci si troverà in luoghi totalmente tranquilli ed isolati.

MADi: la casa pieghevole made in Italy

Com’è integrata la domotica con la sostenibilità?

Oltre ai materiali naturali impiegati per la costruzione del modulo, la casa è autosufficiente e completamente ecosostenibile; importante è la gestione dell’acqua utilizzata all’interno di Friland.

Attraverso vari filtri, si è pensato ad un sistema che può riciclare fino al 90% delle acque bianche utilizzate nella casa. Lo scarto, viene raccolto tra le acque reflue e svuotato periodicamente.

Mentre, il sistema tecnologico vede la presenza di numerosi sensori all’interno del modulo. Questi, servono per l’attivazione di comandi come:

  • celle dei pannelli fotovoltaici sul tetto
  • apertura finestre
  • accensione/spegnimento luci.

Come iniziare questa avventura? Semplice. Dal sito ufficiale, si effettua la prenotazione on – line, self check – in e si è pronti per l’avventura.

L’esperienza offerta è un modo per staccare completamente la spina dalla vita urbana e stressante. Un posto tranquillo dove sostare nel silenzio e circondati dall’incredibile presenza della natura. Il tutto, evitando il minimo impatto ambientale sul territorio.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Il mercato immobiliare varia di regione in regione. Secondo gli ultimi dati di agosto 2021, si evince che: il Trentino Alto Adige è il più costoso nella vendita di immobili, € 2.826 al metro quadro. Contro la più economica Calabria che risulta la più economica in Italia, con € 925 per metro quadro.
  • Mentre, per gli affitti, si riscontra in Lombardia il prezzo più caro, con € 14,30 al mese per metro quadro. I prezzi medi più bassi rimangono quelli in Calabria, con solo € 5,40 al mese per metro quadro.

Dati raccolti da Immobiliare.it, 2021.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post
Written by

Interior-Garden designer& Web project