Come rendere sostenibile una camera da letto

Arredi realizzati con materiali naturali, pareti tinteggiate con pitture atossiche, un angolo dedicato alle piante che purificano l’aria e aiutano a dormire meglio. Carte da parati e materassi ecologici, illuminazione green. Ecco come rendere sostenibile una camera da letto!

Casa sostenibile: anche la camera da letto può esserlo

L’ecologia, la sostenibilità e quindi il rispetto per la natura, si sono fatti strada nel nostro stile di vita, a partire dall’arredamento della casa. Una camera da letto sostenibile non solo è amica dell’ambiente ma stimola il benessere e il rilassamento del corpo e quindi un riposo ideale. Una camera da letto sostenibile è ordinata, pulita, essenziale, ma anche accogliente e confortevole.

Arredare una camera da letto stretta: 5 errori da non fare

Camera da letto sostenibile: la scelta di arredi e texture

Ricerca di nuovi materiali green, riciclo di vecchi prodotti e di materiali di scarto: sono questi i segreti di una camera da letto sostenibile. Alla base di un arredamento sostenibile in camera da letto, ci sono quindi arredi realizzati con materiali naturali, riciclati e riciclabili. La realizzazione dei mobili ecologici si basa su principi di sostenibilità a impatto zero. Per la scelta dei tessuti, la parola d’ordine è: natura, colori neutri e materiali atossici. Tra i più utilizzati sicuramente il cotone, il lino, la canapa, il bambù. Banditi invece i tessuti sintetici.

Camera da letto sostenibile: quale letto scegliere?

Il buon riposo passa dalla scelta del letto. Indispensabile allora scegliere per la testiera materiali naturali come il legno, meglio se proveniente da foreste sostenibili. E il materasso? In commercio ne esistono di numerose tipologie. Tra tutti, quelli ideali per una camera da letto sostenibile sono composti da fibre naturali, salutari ed eco-friendly. Si tratta di materassi realizzati con materiali come il lattice, la lana, il bambù, il cotone o rivestiti con fibra di soia.

Le piante: protagoniste della camera da letto sostenibile

In una camera sostenibile non può mancare un angolo verde, un posto dedicato alle piante, perfette alleate del sonno e del buon riposo. Per dormire bene è necessario creare un ambiente che favorisca il rilassamento psicofisico. Scegliere di posizionare delle piante in camera da letto non è solo una questione di arredamento, ma anche un vero e proprio beneficio per la salute. In una camera da letto sostenibile non possono mancare quelle che, oltre a favorire il sonno, riescono a purificare l’aria, grazie alle loro caratteristiche, alla loro composizione e alle sostanze presenti nelle loro foglie.

Le iniziative sostenibili nel mondo: dormire con le piante in camera da letto

Camera da letto green: vernici e pitture ecologiche

Le pareti, si sa, sono parte fondamentale nell’arredamento di una stanza. Così, anche in camera da letto, è importante scegliere i colori e le fantasie più adatte a questa parte della casa. È possibile orientarsi sia verso la tinteggiatura dei muri che verso la carta da parati. In ogni caso, per una camera da letto sostenibile è necessario scegliere vernici e pitture ecologiche a basso impatto ambientale, prive di sostanze nocive quindi atossiche. Queste pitture hanno una resa ottimale e sono realizzate con sostanze naturali che le rendono sicure e green.

Tendenza carta da parati: il vestito perfetto per le pareti di casa

Illuminazione green

Una buona illuminazione in camera da letto è fondamentale. Le opzioni eco friendly per una camera sostenibile sono tante, come lampade realizzate con materiali riciclati, a impatto zero, e lampadine con tecnologia LED, molto più efficienti ed ecologiche rispetto alle lampadine tradizionali.

Pillole di Interior design: arredare una camera da letto in stile zen

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu? 

  • Secondo i dati raccolti dall’Osservatorio sulla Casa, il 66% degli abitanti ha realizzato almeno un’attività di manutenzione/ristrutturazione/abbellimento in casa. Il 24% ha effettuato dei lavori in camera da letto, il 33% nel primo bagno, il 27% in cucina, il 16% altro.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Dottoressa in Lingue Moderne per il Web. Giornalista pubblicista. Specializzata in Giornalismo dell’Architettura e dell’Interior Design.