La Clarice Orto Sinergico: un progetto sostenibile per la ristorazione

In due anni, due giovani fratelli under 30, Diego e Davide Narcisi hanno fondato La Clarice Orto Sinergico su mezzo ettaro di terreno lasciato in eredità dal nonno.

Nemo’s Garden l’orto subacqueo più bello nel mondo è in Italia

La storia di La Clarice Orto Sinergico

Dopo una laura in lingue per Diego e una in Agraria per Davide, il loro percorso si è indirizzato verso la valorizzazione del territorio circostante. La missione è semplice: promuovere l’agricoltura attraverso la creazione di un orto sinergico con prodotti al 100% naturali.

Dove prima trovava posto una vignai due ragazzi hanno iniziato a praticare la permacultura, ovvero una tecnica di coltivazione sostenibile che imita il più possibile gli ecosistemi naturali in modo da ridurre il lavoro umano e favorire la salute delle piante attraverso le relazioni tra gli ortaggi, i fiori, gli alberi, gli insetti e il suolo.

Non solo, ma si vuole anche aiutare la microeconomia locale e l’identità agroalimentare umbra, simbolo della storia e cultura della regione, distribuendo i prodotti coltivati nell’orto sinergico a realtà ristorative del territorio attente alla qualità della materia prima, per innescare un circolo di sostenibilità ed economia circolare.

La forza dell’orto sinergico

I punti fondamentali dell’azienda sono i seguenti:

  • Tradizione, attraverso il recupero della cultura contadina e il rispetto e l’ammirazione per i modelli insegnati dai nostri nonni sul legame con la natura e con la terra.
  • Innovazione, grazie alla ricerca di tecniche moderne che valorizzino e non intacchino l’ambiente e la ricerca di prodotti particolari provenienti da diverse aree d’Italia e del mondo per ricreare nell’orto un equilibrio tra specie, sia vegetali sia animali, come un vero e proprio ecosistema.

L’agricoltura sinergica si basa proprio sul concetto scientificamente confermato, che in natura tutto ha sempre funzionato alla perfezione senza la presenza dell’uomo, assecondando ciò che naturalmente accade. Accanto agli ortaggi, vari fiori avranno la funzione di attirare gli impollinatori o di respingere gli insetti dannosi.

Come funziona La Clarice Orto Sinergico

In pochi mesi La Clarice riesce a entrare in contatto e a distribuire i prodotti in alcuni dei migliori ristoranti umbri, riconosciuti anche da Michelin, Gambero Rosso ed Espresso. Ma sono due gli chef umbri con cui intraprendono una collaborazione più stretta:

  • Paolo Trippini del Ristorante Trippini di Civetella del Lago, già chef Ambasciatore del Gusto Italiano e portavoce delle biodiversità dell’Umbria e della cucina sostenibile;
  • Lorenzo Cantoni, chef del Ristorante Il Frantoio di Assisi, proclamato da AIRO Miglior chef dell’Olio 2021.

Davide e Diego non si limitano solo alla fornitura dei prodotti ma realizzano in esclusiva orti privati per ristoranti, gestendo la cura del terreno e curando la parte della semina dei prodotti, tutti studiati in linea con i gusti e le esigenze dei due chef.

Orto e bellezza sostenibile: una scelta a minimo impatto ambientale

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Il 63% degli italiani ha un orto in casae, secondo Coldiretti la “moda” dell’orto domestico è in crescita del 6,3%, infatti le superfici coltivate hanno raggiunto i 174 milioni di metri quadrati.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post
Written by

Sono laureata in giornalismo e lavoro come redattrice, traduttrice e copywriter. Mi piace parlare di tutto con approccio scientifico, soprattutto di enogastronomia. Scrivo di moda e la creo (sono anche ricamatrice e modellista sartoriale).