Vai al contenuto
Come vendere mobili usati online

Come vendere mobili usati online?

Condividi L'articolo su

Come vendere mobili usati online? Si sa, in ogni casa ci sono svariati oggetti di cui volersi sbarazzare. I mobili ereditati dalle nonne, per esempio, a volte non rispecchiano lo stile dell’abitazione e l’ideale sarebbe quello di sostituirli con qualcosa di esteticamente più moderno. I metodi per farlo sono tanti, oltre ai soliti mercatini delle pulci, è possibile vendere i mobili usati online! Ecco come.

Vendere mobili usati online

Divani, credenze, sedie e tavoli anche se datati interessano a molti, specialmente agli appassionati del fai-da-te. Il trucco sta nel preparare i mobili alla vendita, definirne il prezzo e rivenderli online. Negli ultimi anni i siti che offrono la possibilità di vendere mobili e oggetti per la casa sono diventati tantissimi. Inoltre, alcuni di questi offrono anche la possibilità di mettersi in contatto con dei veri e propri collezionisti.

Pertanto, prima di metterli in vendita, per promuoverli al meglio e aumentarne la visibilità è bene pulirli da cima a fondo. Solo successivamente è necessario fotografare ogni mobile mettendone in risalto i pregi, e gli eventuali difetti come graffi, parti usurate e ammaccature. Inoltre, fornire un’accurata descrizione del mobile, contenente le misure, i materiali di cui è fatto, i pregi e lo stato in cui si trova ne aumenta le possibilità di vendita.

Per stabilirne il prezzo è utile vedere a quanto vengono venduti i pezzi simili e fissare una cifra leggermente più alta in vista di un eventuale sconto. In ogni caso, alcuni siti offrono la possibilità, specialmente a chi ha fretta di sbarazzarsi di un certo mobile, di fissare un prezzo molto basso o addirittura di regalare l’articolo.

Come vendere mobili usati online
Come vendere mobili usati online – shutterstock foto di gowithstock

Stabilire il metodo di pagamento

Stabilire il metodo di pagamento è una delle cose fondamentali da non dimenticare. Alcuni siti offrono la possibilità di ricevere un pagamento in contanti, solo nel caso in cui la consegna del mobile avvenga di persona. Tuttavia, il metodo di pagamento più comune è tramite PayPal. In questo caso è necessario aprire un conto PayPal personale.

La cucina in stile retrò: consigli d’arredo

I siti migliori per vendere mobili usati online

Per vendere i propri mobili la soluzione migliore è quella di utilizzare i siti con un’apposita bacheca dove i privati possono pubblicare annunci in modo gratuito. Eccone alcuni:

Subito.it

Subito.it è un portale che consente ad aziende e privati di pubblicare molteplici annunci, da quelli immobiliari e di lavoro, fino agli annunci per vendere oggetti. La pubblicazione degli annunci è gratuita, ma è possibile pagare una piccola somma per mettere in evidenza il proprio annuncio e avere la possibilità di vendere in tempi più brevi.

Kijiji.it

Su questo sito è possibile pubblicare gratuitamente annunci per mettere in vendita mobili, abbigliamento, libri, immobili e tanto altro. Su questa bacheca basta pubblicare l’annuncio, che tuttavia, ha una durata di 60 giorni. Infatti, se la vendita non va a buon fine, occorre ripubblicarlo. Di proprietà di eBay, funziona in maniera molto semplice come Subito.it

Shpock.com

Shpock è una piattaforma per la compravendita di oggetti tra privati non ancora disponibile in italiano, ma comunque molto utilizzata anche qui in Italia. Qui i privati possono entrare in contatto tra loro e concludere la vendita in maniera del tutto autonoma. Anche in questo caso, sulla piattaforma, i privati possono entrare in contatto tra loro e concludere la compravendita di un oggetto in modo indipendente.

Facebook marketplace

La nuova sezione marketplace di Facebook dà la possibilità agli utenti privati di vendere oggetti di diverso tipo, tra cui mobili, oggetti decorativi per la casa e complementi d’arredo. Gli utenti interessati hanno la possibilità di rispondere all’annuncio per concordare ritiro e pagamento.

IKEA

Ikea da quando ha avviato il servizio “Dai una seconda vita ai tuoi mobili” offre la possibilità di restituire i pezzi del brand inutilizzati in cambio di voucher per nuovi acquisti. Tutto quello che bisogna fare è selezionare la categoria a cui appartiene il mobile da vendere, e successivamente il prodotto preciso, descriverne le condizioni in cui si trova e ottenere la stima del valore di riacquisto del mobile usato da parte di IKEA.

Deesup

È un marketplace dedicato agli arredi di design second hand. Su questa piattaforma è possibile vendere solo pezzi autentici firmati da designer noti. Inoltre, si possono acquistare a prezzi ribassati gli arredi provenienti dalle esposizioni degli showroom.

Il soggiorno in stile retrò

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Subito.it conta 2,3 milioni di utenti che lo visitano ogni giorno.
  • Tutto il second hand – dalle automobili ai mobili – sta vivendo in questo periodo di grave crisi economica, una grande rinascita. Infatti, se per molti italiani comprare e vendere usato era già un’abitudine (39%), l’avvento del Covid-19 e i suoi effetti sulla vita quotidiana durante tutto il 2020 sono stati una leva di cambiamento anche per gli acquisti, tanto che la second hand è stata introdotta come nuova abitudine anche per il futuro dal 67% degli italiani.
  • L’usato in un momento di incertezza economica ha assunto il significato di risparmio sia in termini di vendita di oggetti e articoli di cui si aveva più bisogno (28%), sia di acquisto al posto del nuovo (33%). Ciò conferma il ruolo di economia partecipativa, una green economy, che genera e ridistribuisce ricchezza insito nella second hand.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News