Come sarà la casa del 2022?

La casa del 2022, l’abitazione dei cosiddetti Millennials, sarà ricercata, green e soprattutto smart!

Come sarà la casa dell’anno che verrà

Inquinamento ambientale, cambiamenti climatici, smart working hanno letteralmente mutato il modo di vedere, intendere e quindi anche progettare l’ambiente domestico. Oggi la casa non è esclusivamente un luogo privato in cui dedicarsi alla famiglia, ma diventa anche luogo di lavoro con l’avvento dello smart working (incrementato anche dalla pandemia da Covid-19), luogo di condivisione e posto principale da cui ha inizio il rispetto verso la natura, con l’autoproduzione, la scelta di materiali sostenibili, il riciclo. I Millennials investiranno nella realizzazione di case belle, sostenibili e domotiche!

Il progetto di una casa sostenibile: quali caratteristiche e requisiti deve avere

Come sarà la casa del 2022: la natura in casa

La casa del 2022 muta in funzione di tutti questi cambiamenti. Il trend che si conferma è indubbiamente quello di portare in casa un po’ di natura, attraverso mini giardini domestici, anche verticali, e attraverso gli orti domestici sul balcone.

Come sarà la casa del 2022

Come sarà la casa del 2022 – Canva

Come sarà la casa del 2022: i materiali più trendy

Tra i materiali più utilizzati, nella casa del 2022 ci sarà l’intramontabile marmo, usato non solo per i pavimenti, ma anche per i ripiani della cucina, i tavoli e i rivestimenti della stanza da bagno. Insieme al marmo anche il legno, nell’ottica di una perfetta casa ecofriendly. Anche i tessuti saranno rispettosi della natura: lino e cotone i più utilizzati.

Trend Colori 2022: come la Pandemia ha influenzato il mondo

Come sarà la casa del 2022: i mosaici LED

La casa del 2022 sarà caratterizzata da mosaici interattivi che si attivano con un comando vocale, sono sensibili al tatto e creano infiniti disegni e abbinamenti unici ed originali. I mosaici LED vengono integrati con la musica per dare vita ad un ambiente rilassante e particolarmente accogliente.

Come sarà la casa del 2022: domotica sempre più presente

La casa del 2022 sarà caratterizzata da soluzioni smart ed automatizzate: sistemi per la regolazione automatica dei dispositivi di illuminazione, apparati di climatizzazione, sanitari smart che includono vasche da bagno le cui funzioni possono essere impostate tramite un comando vocale. E ancora sistemi di sicurezza e tanto altro. Una delle prerogative che caratterizzerà maggiormente i più moderni impianti di domotica sarà l’integrazione con funzionalità di comando vocale.

Cosa serve per una casa domotica?

Come sarà la casa del 2022: spazi aperti e condivisi

Nel 2022, come detto, si darà meno importanza allo spazio, preferendo l’efficienza e la tecnologia e proiettando anche all’interno delle mura di casa, uno stile di vita iper connesso, green e social.

Si ridurranno quindi gli spazi della casa, che però assumeranno più funzioni: ad esempio, sempre più Millennials rinunceranno al salotto optando per spazi open space e minimali ma che garantiranno ogni tipo di innovazione e tecnologia per essere sempre connessi con il mondo.

La casa del 2022 prediligerà spazi aperti e condivisi, senza rinunciare mai ad una comoda cucina.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu? 

  • Per il 94% degli italiani la casa è importante. Per 4 italiani su 10 la propria abitazione rappresenta un rifugio dal mondo esterno. A dichiararlo sono i dati dell’osservatorio nazionale “casa Doxa”, che lancia un HUB di condivisione e confronto per tutti gli operatori di settore. Oggi il 50% degli italiani trascorre più tempo in casa rispetto a 10 anni fa e non solo nelle ore serali. Un italiano su 3 lavora da casa. Tendenza diffusa fra tutte le classi d’età, inclusi gli over 54. Il 75% degli abitanti si dichiara sensibile al tema green. E gli over 54 più di tutti, anche in un’ottica di protezione delle generazioni future (come dichiara il 33% del campione). Dai risultati di Casa Doxa risulta che il 78% degli intervistati mantiene in casa una temperatura non superiore ai 20°C e il 71% stacca abitualmente le spine dei dispositivi non in carica, comportamenti a cui si lega anche l’acquisto di elettrodomestici di classe energetica elevata (86% degli intervistati) e lampadine led o a basso consumo (76%).

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post
Written by

Dottoressa in Lingue Moderne per il Web. Giornalista pubblicista. Specializzata in Giornalismo dell’Architettura e dell’Interior Design.