Organizzare una mini biblioteca in casa

In molti amano la lettura e spesso ci si ritrova in casa con una vasta collezione di libri. Chi ama leggere sogna anche di avere un proprio posto dove poter riporre e conservare i preziosi volumi raccolti nel tempo. Ecco come organizzare una mini biblioteca in casa.

Come organizzare una biblioteca

Quando si pensa ad una biblioteca la si immagina grande e con tanti ripiani. Tuttavia, le idee sono adatte sia ad appartamenti spaziosi sia piccoli. Le alternative sono infinite, la biblioteca di casa può essere una stanza piena di libri con scaffali fino al soffitto che occupano un’intera parete, oppure si può destinare a questa funzione semplicemente un angolo della propria abitazione con mensole e ripiani perfetti per mettere in bella vista i libri. La sensazione che si prova quando si sfogliano le pagine e l’odore di carta stampata è unica. Per provare queste emozioni insostituibili organizzare una libreria in casa è un sogno che non dovrebbe essere abbandonato a causa delle sue piccole dimensioni.

Organizzare una mini biblioteca in casa

Organizzare una mini biblioteca in casa – shutterstock foto di united photo studio

Idee per disporre i libri

Le idee per disporre i libri sono infinite. Tuttavia, prima di iniziare a mettere giù il progetto è bene rendersi conto di quanti e quali sono i volumi di cui si dispone. Pertanto, è bene stilare un ordine per autore o cronologico per creare una sorta di catalogo, utile nel momento del riordino dei libri negli scaffali.

Per organizzare i libri nella propria biblioteca personale si può scegliere di acquistare una libreria, attrezzare una parete con ripiani, affiancare più mensole o optare per una soluzione modulare. Il risultato sarà diverso, ma ogni soluzione contiene alla perfezione i libri. Le possibilità sono infinite, ma nel progetto è bene ritagliare anche dei piccoli buchi per qualche oggetto decorativo. Infatti, per rendere più cool e vintage la libreria si possono usare anche oggetti dal design particolare e piante grasse.

Cosa leggono gli italiani

1. Libreria open space in cucina

Per valorizzare l’ambiente open space tra cucina e salotto si possono organizzare scaffali aperti o affiancare i pensili e le basi cucina a colonne con più ripiani. Ovviamente dipende dai gusti ma questo può essere il mobile perfetto per i libri, in quanto è in grado di riscaldare lo spazio.

2. Parete attrezzata libreria

Tra le soluzioni più gettonate c’è la parete attrezzata a libreria. L’ideale per questo progetto è una libreria su misura da montare su una parete in cui si sfruttano soprattutto le altezze e tutti gli elementi dialogano alla perfezione. Inoltre, se necessario per raggiungere comodamente i ripiani più alti è bene dotare la libreria di una scaletta scorrevole da spostare da destra a sinistra e viceversa.

Organizzare una mini biblioteca in casa

Organizzare una mini biblioteca in casa – shutterstock foto di Undrey

3. Scaffali biblioteca

Chi non ha troppo spazio in appartamento può scegliere di montare dei veri e propri scaffali porta libri. Questi di solito sono di metallo, ma si possono personalizzare con facilità. Infatti, sono estremamente versatili e si adattano anche ad altre funzioni. Oltre ad essere ottimi espositori per libri, dal design inconfondibile, possono essere usati come soprammobili di vari oggetti. Anche in questo caso la soluzione migliore è una libreria componibile secondo i propri gusti e le proprie esigenze di spazio.

4. Libreria ad angolo

Se lo spazio è davvero ridotto basta qualche mensola per appoggiare i libri. Un modo originale per inserire una libreria in casa per esempio, è quello di sfruttare l’angolo di due pareti valorizzandolo. Questa libreria è l’esempio di come, con un po’ di fantasia e con il giusto gusto, è possibile creare una mini biblioteca ovunque.

Organizzare una mini biblioteca in casa

Organizzare una mini biblioteca in casa – shutterstock foto di Brett Taylor Photography

5. Ricavare una mini biblioteca in camera da letto

I più pigri di solito lasciano i libri sul comodino della camera da letto. Questa è un’idea particolare ma non è troppo funzionale. Per qualcosa di più originale, le nicchie nel muro possono essere trasformate in utili contenitori per i libri.

6. Libreria nascosta dietro le tende

Chi non desidera lasciare i libri su scaffali aperti e a vista, invece di nasconderli all’interno di ingombranti armadi, può riporre degli scaffali dietro le tende, in modo da poterli coprire rapidamente se necessario.

Le iniziative sostenibili nel mondo: la micro-biblioteca realizzata con vaschette di gelato riciclate

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Tsundoku è la parola giapponese che indica “l’arte” di accumulare libri che non saranno mai letti.
  • Nell’ultimo rapporto Istat sulla lettura si ha la conferma di quanto i libri cartacei e gli ebook abbiano accompagnato lettrici e lettori italiani nell’anno della pandemia. Dai dati emerge che i lettori di libri: sono il 40,0% delle persone di 6 anni e più (il 77,2% dei lettori legge solo libri cartacei, il 7,9% solo ebook o libri online). La quota più alta di lettori continua a essere quella dei giovani: 54,1% nel 2019 tra i 15 e i 17 anni, e 56,6% tra gli 11 e i 14 anni.
  • Nel 2019 sono stati pubblicati in media 237 libri al giorno, quasi 1,3 libri ogni mille abitanti; di questi, due terzi sono novità (58,4%) e nuove edizioni (8,5%), mentre il restante (33,1%) è rappresentato dalle ristampe.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post
Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.