Gli italiani acquistano sempre più “green”

Il tema della sostenibilità ambientale è finalmente entrato a pieno titolo nella quotidianità, cresce la ricerca e la scelta consapevole dell’acquisto di prodotti green. I dati della ricerca svolta dall’Osservatorio Non Food di GS1 Italy, testimoniano che gli Italiani comprano sempre più prodotti sostenibili.

La scelta di prodotti green è diventata una pratica trasversale, riguarda tutti i settori d’acquisto. Dal bricolage, all’arredamento, ai casalinghi fino alla cosmesi, gli italiani decidono di acquistare prodotti che non abbiamo ricadute negative sull’ambiente. Si scelgono prodotti con confezioni biodegradabili o prodotti con materiali riciclabili o di riciclo.

Acquisti green per la casa

Anche gli acquisti per la casa e per la ristrutturazione sono fatti pensando alla sostenibilità ambientale. Alta è l’attenzione alla scelta dei materiali green in fase di costruzione o di ristrutturazione, come la scelta di vernici e pitture ecologiche per la casa, piuttosto che l’attenzione all’acquisto di elettrodomestici di classe energetica elevata e di lampadine led e a basso consumo oppure smart.

Scelta di cosmetici naturali

Un’altissima attenzione viene posta nella scelta di prodotti “naturali” o ottenuti da materie prime a basso impatto ambientale e controllate. La tendenza green in campo cosmetico è così forte da essere uno dei trend previsti per il 2019 segnalati da Pinterest, che rivela anche la scelta di packaging che sostituiscono la plastica con la cera d’api. La ricerca di GS1 Italy segna una crescita delle erboristerie e parafarmacie del +2,4% con tassi più alti rispetto al mercato totale.

La ricerca dell’Osservatorio Non Food di GS1 Italy

La conferma di questa tendenza arriva dai numeri rilevati dall’Osservatorio Non Food di GS1 Italy, che analizza i consumi, i canali di vendita, le tendenze, il consumatore tipo tra innovazioni e trasformazioni del mercato.

Tutti i tredici comparti presi in esame dalla ricerca mettono in evidenza l’evoluzione green nella scelta dei prodotti da acquistare. Ma in particolare emerge che esistono dei settori in cui questa abitudine è consolidata: il bricolage, l’arredamento, i casalinghi e la cosmesi.

Giardinaggio e bricolage

Come abbiamo documentato più volte, anche attraverso i dati dell’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin, la casa è al centro degli interessi degli italiani, per cui si fanno scelte sempre più consapevoli. Cresce l’interesse alle attività legate al giardinaggio e al bricolage, prendersi cura della propria casa significa anche dedicarsi al verde e riparare o dare nuova vita agli oggetti, attività che aiutano anche a stare bene con se stessi e ad per evitare sprechi. Infatti questo settore è cresciuto del 6% nell’ultimo quinquennio. L’anno scorso ha fatturato 6,1 miliardi di euro, +1,9% annuo, diventando il segmento più importante del fai da te.

Credits Pixabay

Si fa strada l’arredo green

Nel settore mobili e arredamento si fa strada la ricerca di prodotti realizzati con materiali eco sostenibili o riciclati. L’impatto ambientale dei prodotti diventa un punto cruciale nella scelta di mobili e complementi per la casa e per l’ufficio, rimettendo al centro la necessità di acquistare prodotti pensati per essere eterni e non più legati alle logiche dell’usa e getta. Cresce quindi la scelta di arredi che legano artigianalità ed ecosostenibilità, e che valutano nel loro processo produttivo e di smaltimento tutti i fattori legati all’ambiente.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • MATER-BI è una famiglia di bioplastiche completamente biodegradabili e compostabili con cui si realizzano soluzioni e prodotti a ridotto impatto ambientale per la vita di tutti i giorni.
  • Bee’s Wrap è un prodotto per la conservazione di alimenti realizzato in cotone biologico e cera d’api, da utilizzare come alternativa alla pellicola in plastica, lavabile, riutilizzabile e compostabile

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Immagine di copertina credits Photo by Guus Baggermans on Unsplash