Un bosco bio-sostenibile: alberi per catturare CO2 e api per l’impollinazione

Condividi L'articolo su

Inaugurazione primo bosco bio-sostenibile

Il 29 aprile è stato inaugurato il primo bosco bio-sostenibile nella zona di Montopoli Valdarno. Il taglio del nastro è avvenuto proprio in giornata, inaugurato dalla presidente del Consiglio di Sorveglianza di Unicoop Firenze, Daniela Mori.

Le iniziative sostenibili nel mondo: il Bosco Urbano a Bologna

Il primo bosco bio-sostenibile e partecipato d’Italia

L’inaugurazione del primo bosco bio-sostenibile è avvenuta lo scorso 29 aprile, ed è stata la presidente di Unicoop Firenze Daniela Mori ad inaugurarlo. Prima di essere un bosco bio-sostenibile era un allevamento industriale. Il cambiamento radicale da allevamento industriale ad un vero e proprio polmone verde. Sono serviti circa 2,2 milioni di euro, per realizzare questo progetto all’avanguardia. Questa cifra è raccolta da Unicoop Firenze e dai soci che hanno partecipato al progetto “Abbraccia un albero”. All’interno del bosco bio-sostenibile hanno trovato dimora 475 alberi, facilmente introdotte nel contesto prescelto e le specie sono le seguenti:

  • Pioppo nero e bianco
  • Salice
  • Acero
  • Frassino
  • Farnia
  • Albero di giuda
  • Tiglio
  • Liriodendro
  • Noce
  • Carpino
Bosco bio

Un bosco bio-sostenibile: alberi per catturare CO2 e api per l’impollinazione – shutterstock di Dzmitrock

Il progetto del bosco bio-sostenibile

La bonifica dell’area industriale di Montopoli è iniziata molto tempo prima, per via del fatto che l’area necessitava di un’operazione imponente. Si tratta di 17mila tonnellate di materiali residui, tra cui 5.200 di detriti da costruzione, 8215 tonnellate di cemento e 15 tonnellate di altri rifiuti. Il progetto prevede un’ampia aula didattica-centro conferenze di ben 200 metri quadri, realizzata in vetro e legno con tanto di un impianto fotovoltaico e geotermico. Le api hanno un ruolo fondamentale all’interno di questo progetto, perché verranno installati dei nidi-casette per fare alloggiare le api selvatiche. In particolare si tratta delle osmie, un tipo particolare di ape selvatica. Pronte a svolgere la loro più importante attività, quella dell’impollinazione.

È possibile vivere nel bosco?

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Secondo i dati STEP, solo in Europa il 9,2% delle 1965 specie di api sta per estinguersi. Mentre un 5,2% potrebbe morire in futuro.
  • Ad oggi, si conoscono ben 29 patogeni delle api.
  • I cambiamenti climatici impattano sulla vita non solo delle api, ma di tutti gli insetti impollinatori.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su
Post Tags
Scritto da

Scrittrice, redattrice e agente immobiliare. Esperta del settore casa e sostenibilità. Specializzata in progettazione di giardini e laureata in Comunicazione. Da sempre, scrive e parla di arredamento, case e giardini. Amante del mondo vintage, country e in particolare, dell'arredamento antico inglese.