Progetto sostenibile USA-Italia: coinvolte le istituzioni scientifiche triestine in un progetto sostenibile

Un momento importante per il tema della sostenibilità e anche dell’alleanza tra stati, infatti, si tratta dello scambio scientifico USA-Italia: coinvolte le istituzioni scientifiche triestine in un progetto sostenibile. L’iniziativa arriva dal dipartimento di Stato Americano, ed avrà come tramite la Missione Diplomatica degli Stati Uniti in Italia. La quale supporterà un’iniziativa sostenibile guidata dalla Fondazione Internazionale di Trieste.

La vita all’insegna della sostenibilità e della natura raccontata da Benedetta Moccia

Progetto sostenibile USA- Italia: di cosa si tratta?

La collaborazione tra USA e Italia, in un progetto sull’ecologia umana e sulla sostenibilità dichiarata presso la sede della Regione Friuli Venezia Giulia (FVG). Durante la conferenza è stato presentato il progetto e le iniziative che vi stanno dietro, il tutto in presenza del Console degli Stati Uniti: Robert Needham. L’intero finanziamento alla Fondazione Internazionale Trieste aiuterà lo scambio scientifico e anche culturale tra l’Italia e l’America. Verrà altresì coinvolto l’ICTP, vale a dire il Centro Internazionale di Fisica Teorica di Abdus Salam e anche la SISSA. Rappresenta la scuola Internazionale di Studi di Santa Fe a New Mexico. Le figure che verrano coinvolte nel progetto sono le seguenti:

  • Scienziati
  • Politici
  • Leader aziendali
  • Organizzazioni non governative

Il Friuli Venezia Giulia all’interno del progetto

Il governatore della Regione Friuli Venezia Giulia, ha voluto ricordare quanto la sua amministrazione abbia lavorato sodo a livello internazionale. Proprio per consolidare relazioni e creare sempre nuove opportunità. Si sono spesi in particolare sullo sviluppo tecnologico, che è così fondamentale in questi ultimi anni di pandemia. Anche il Vicesindaco della città di Trieste ha voluto esprimere il proprio consenso a riguardo. Felice di poter dare il loro piccolo contributo per la ricerca e anche per l’avanzamento tecnologico sopratutto per quanto riguarda il tema della sostenibilità. In particolare, di quanto sia fondamentale, in un momento come quello che stiamo vivendo, riorganizzare quelle che sono le politiche energetiche. Trieste ha un ruolo importante in questo progetto, che verterà non solo nell’ambito scientifico, ma anche tecnologico. Quindi, si tratta di un salto diretto da Trieste a Santa Fe, in cui sono compresi scambi scientifici e opportunità di finanziamento di progetti culturali. L’annual Program Statement è uno strumento utilizzato da svariate Ambasciate USA nel globo. Esso permette molte opportunità di finanziamento il tutto tramite un processo di selezione.

Gli italiani vogliono una tecnologia sostenibile e per tutti: lo studio di Samsung e PoliMi

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Secondo uno studio condotto dalla Coldiretti, in collaborazione con IBM Italia e Wired, sul tasso di innovazione dell’agricoltura in Italia viene rilevato che l’80% delle aziende intervistate, ritiene che la tecnologia sia uno strumento fondamentale e molto utile nel loro settore. I motivi sono legati al fatto che la tecnologia aiuta gli agricoltori a ridurre i costi, ma non solo, anche a rendere efficienti sia la produzione che la distribuzione dei prodotti. Infine, ultima ma non meno importante ragione, li aiuta a proteggere l’ambiente e a non danneggiarlo. Insomma, è uno strumento irrinunciabile nell’agricoltura 2.0, se si vuole avere una produzione che valorizzi la qualità, la biodiversità e la sicurezza dei prodotti che si va a commerciare. Un’agricoltura più tecnologica è un agricoltura che funziona e rispetta l’ambiente.
  • Ogni volta che si apre la porta del frigorifero, può fuoriuscire fino al 30 % dell’aria fredda. E una doccia di 5 minuti equivale a 20-35 litri d’acqua.
  • A metà degli anni 1820, l’inventore francese Joseph Nicéphore Niépce fece clic su un’immagine con una fotocamera ed è sorprendente il fatto che ci vollero otto ore per ottenere l’esposizione corretta. La foto scattata da lui nel 1826, catturava la vista fuori dalla sua finestra in Borgogna. Ha scattato l’inquadratura con una camera oscura mettendola a fuoco su una lastra di peltro.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post