Milano: hub open source per il riciclo di plastica

L’ hub open source per il riciclo di plastica

A Milano è arrivato l’hub open source per il riciclo di plastica. Si chiama Circool e permetterà il recupero della plastica e il riciclo creativo con pannelli e componenti di arredo urbano.

Circool per il recupero della plastica

Circool è un hub per il riciclo della plastica nato secondo principi di economia circolare e education. Nasce grazie al network di associazioni caratterizzato da professionisti come Il Vespaio e Wau.

L’iniziativa ruota attorno a macchine per triturare i rifiuti in plastica e riciclarli, costruite grazie a Plastic Precious.

Il progetto, ideata dall’olandese Dave Hakkens che le ha rese disponibili in modalità open source consente di costruire macchine piccole ed economiche. Due di esse sono state presenti a Fa’ la cosa giusta, La fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili tenutasi a Milano dal 29 aprile al 1° maggio.

Milano riciclo di plastica

Milano hub open source per il riciclo di plastica – shutterstock di ITTIGallery

Il progetto Circool

Circool è un vero e proprio hub del riciclo, nato dalla collaborazione tra We are urban! Milano e Il Vespaio, un team di creativi che si occupano di ecodesign. Inoltre, i volontari dell’associazione si occuperanno regolarmente di ritirare la plastica. Ogni rifiuto verrà lavato, separato per tipologia di plastica e infine tritato con il trituratore.

Il nuovo progetto è caratterizzato da uno spazio di oltre cento metri quadri, all’interno del Lido di Milano, interamente dedicato all’economia circolare in cui dare nuova vita agli scarti plastici trasformandoli in oggetti di arredo urbano da mettere a disposizione della città. Sono disponibili:

  • sedie,
  • tavoli,
  • panchine.

Complementi d’arredo che possono essere installati nelle scuole e nelle sedi delle associazioni aderenti o in parchi e luoghi pubblici individuati con il Comune di Milano. Oltre al lato creativo e produttivo sono previsti incontri e progetti di sensibilizzazione sulle tematiche ambientali espressamente rivolti ai più piccoli con laboratori e incontri ad hoc.

Nel mondo solo il 9% della plastica viene riciclato

Macchine in open source

Il progetto ruota attorno a due piccole macchine che sono un trituratore di plastica e un iniettore. L’iniettore consente di scaldare la plastica e iniettarla dentro a uno stampo e ottenere così un oggetto di plastica riciclata. Le macchine sono state costruite sulla base del progetto open source disponibile online messo a punto dal designer olandese Dave Hakkens. È proprio lui che ha voluto di creare macchine economiche, piccole e facili da costruire e anziché brevettarle le ha messe a disposizione di tutti. Ciò per creare una comunità internazionale che le usa per piccole produzioni e per migliorare l’educazione su questi temi.

Architettura sostenibile e del riciclo: una green economy

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Dal 2008 Il Vespaio, network di professionisti che si occupano di ecodesign e sostenibilità a 360 gradi, porta le macchine ovunque si possa divulgare l’idea del riciclaggio. Inoltre, dal 2020 con le macchine di Precious Plastic, Il Vespaio organizza percorsi educativi nelle scuole sul riciclo della plastica ed eventi di sensibilizzazione per famiglie, adulti e aziende. E con le macchine Precious Plastic produce Taca Lì, un giunto in plastica riciclata che consente di collegare tubi per creare allestimenti temporanei circolari.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Scritto da

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.