Top cucina ecosostenibili: la scelta di design ed ecologica che fa per te

Scegliere un top cucina ecosostenibile è la scelta di design che ti permetterà di salvaguardare l’ambiente, casa di ognuno di noi.

Scegliere pensando all’ambiente: top cucina ecosostenibile

Se è giunto il momento di cambiare cucina e stai pensando a quali top e tonalità scegliere per quella nuova è importante fare alcune considerazioni. Oggi è possibile trovare prodotti in grado di offrire design, qualità, durata e allo stesso tempo capaci di salvaguardare l’ambiente.

Scegliere un top cucina ecosostenibile non significa solamente privilegiare materiali naturali. Infatti, esistono prodotti che nella lavorazione si mostrano a basso impatto ambientale, a chilometro zero o ricavati da altri materiali di riciclo. Tutti questi fattori ti possono permettere di fare un scelta, oltre che di gusto, ecologica.

Scopriamo i materiali ecosostenibili.

Riciclo Creativo: 6 idee per riutilizzare le bottiglie di vetro

I grandi classici

Quando si pensa a materiali ecosostenibili automaticamente la nostra mente va su quegli elementi presenti in natura. Esistono, infatti, materiali che aiutano l’ambiente e non passano mai di moda tra cui: le pietre, il legno e l’acciaio.

Le prime, se scelte consapevolmente, possono essere un’ottima soluzione. Le pietre più grezze possono evitare vari passaggi di lavorazione, risultando ecologiche. Inoltre, i top possono essere creati grazie all’utilizzo di resine naturali.

Il secondo materiale è un grande classico e particolarmente sostenibile. Il legno è il prodotto più naturale che si possa scegliere, specialmente se rivestito da oli naturali o vernici all’acqua, che non compromettono la sua bellezza e naturalità.

L’ultimo materiale, infine, si rivela un’ottima soluzione in quanto, oltre che antibatterico, è spesso ricavato da oggetti riciclati.

Materiali innovativi

Esistono poi alcuni materiali innovativi ottimi per realizzare meravigliosi top cucina senza danneggiare l’ambiente. Tra questi troviamo, insieme a molti altri: pietra lavica, resina cementizia e l’okite.

La prima è di origine vulcanica, per questo 100% naturale. Inoltre, può essere unita al vetro riciclato, creando un materiale resistente e duraturo nel tempo. La particolarità di questo materiale è che il colore della pietra varia in base alle zone di estrazione.

Il secondo materiale è realizzato con acqua ed altri prodotti atossici, quindi innocui sia per l’uomo che per l’ambiente. La resina cementizia è stesa a mano con l’utilizzo di una spatola, creando un prodotto finale resistente ed affascinante.

Infine, l’okite è composta quasi totalmente da quarzo, con l’aggiunta di alcune resine naturali. Questo materiale si rivela particolarmente igienico e resistente allo sporco.

Arredare Moderno: il meglio per la casa per un arredamento moderno ed ecosostenibile

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Secondo alcune recenti ricerche, nel 2020 oltre il 38% degli italiani si mostra appassionato al tema della sostenibilità ed il 34% si rivela interessato al tema. In totale, oltre 36 milioni di italiani sono coinvolti da questo attuale argomento.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Dottoressa in Scienze dell'Educazione e della Formazione