Tessuti vintage per l’arredo: per una casa dal fascino retrò

I tessuti vintage per l’arredo rendono la tua casa originale. Un ritorno al passato per dare nuova vita a oggetti antichi. Dai un fascino retrò alla tua abitazione con stampe di forte impatto.

Quali sono i tessuti di lusso per l’arredamento

Tessuti vintage per l’arredo: dettagli di stile

Con i tessuti vintage si possono impreziosire con accostamenti giocosi tanti angoli della casa. A seconda della pesantezza della stoffa e del tipo di fantasia, questi tessuti dalle fantasie vivaci o molto accese sono perfetti per divani o cuscini, tende, sedie, pouf, letti e tanto altro. Le tantissime trame e fantasie ispirate al passato, talvolta con ricami fatti a mano, applicazioni e pizzi, raccontano epoche passate e lontane.

Le stoffe vintage ricordano proprio il passato grazie a fantasie eclettiche e versatili che ci ricordano determinati periodi storici. Il bello però è che possono essere riutilizzati in chiave moderna in tutti gli ambienti. I tappeti ad esempio, si prestano bene a essere decorati con fantasie d’impatto. O ancora, ci sono modelli molto pregiati, perché appartenenti a un’epoca lontana, ed trasmettono sempre grande fascino.

Per non parlare delle tende da cucina, che danno vitalità all’ambiente conviviale o alle tappezzerie per il letto. Non resta quindi che sperimentare a seconda del proprio gusto personale e con un po’ di fantasia.

tessuti vintage per l'arredo - stile retrò

Tessuti vintage per l’arredo: per una casa dal fascino retrò – Shutterstock 761064199 di Photographee.eu

Come scegliere i tessuti vintage per l’arredo

I tessuti retrò hanno fantasie differenti ma ci sono delle tendenze che ricordano l’anno in cui determinate trame erano più in voga. Tra i più ricercati infatti ci sono:

  • tessuti vintage anni Cinquanta con colori delicati e stampe dalle fantasie floreali;
  • stoffe anni Sessanta, famose per i colori fluo e le decorazioni a pois o psichedeliche;
  • tessuti degli anni Settanta ispirati alla Pop Art, con Andy Warhol o Roy Lichtenstein o con stampe di icone del cinema e tonalità intense fatte di contrasti.

Il fascino dello stile retrò infatti, attraversa le epoche ed è immune al passare del tempo. Tappezzare e decorare casa con dei tessuti vintage la renderà accogliente, di stile e vissuta.

Uno stile che fa la differenza

Con queste stoffe quindi, si può creare uno stile di tendenza, eclettico e vivace molto semplice da adattare ai vari ambienti della casa. In salotto però, fa la vera differenza. Oltre ai tappeti, si può optare per rivestimenti di divani, poltrone, sedie e cuscini. I tessuti vellutati e dai colori vivaci sono il vero simbolo retrò per questa stanza.

Dettagli unici che si fanno notare, colori, trame, fantasie inimitabili: c’è quindi solo da perdersi nella scelta di una stoffa vintage per la casa tutta nuova. Spesso inoltre, possono anche essere combinate tra di loro con gusto, in modo da poter dare una nuova vita anche a vecchi oggetti che meritano di essere valorizzati.

Nuovi tessuti sostenibili ricavati dalla plastica: ora è possibile

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Quello del tessile è un comparto in crescita negli anni e rappresenta oggi quasi il 2% del PIL mondiale. Il 75% di questo mercato si concentra in Europa, Stati Uniti, Cina e Giappone, mentre dal punto di vista merceologico, circa il 28% del valore del settore afferisce al tessile per abbigliamento fashion, il 16% all’abbigliamento sportivo, il 33% al tessile per décor e il 23% all’industrial (dati rapporto “Market Line 8/2015”).

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Sono laureata in giornalismo e lavoro come redattrice, traduttrice e copywriter. Mi piace parlare di tutto con approccio scientifico, soprattutto di enogastronomia. Scrivo di moda e la creo (sono anche ricamatrice e modellista sartoriale).