Design e sostenibilità: l’importanza delle piccole scelte quotidiane

Oggi la sostenibilità è al centro del design contemporaneo e nasce dall’urgenza di salvare il pianeta dall’inquinamento e dagli impatti negativi della produzione. Ma quali possono essere le piccole scelte quotidiane di design e sostenibilità? 

La sostenibilità al centro del design contemporaneo

Il design sostenibile non è riferito solo all’utilizzo di materiali naturali e riciclabili ma anche alla capacità di sviluppare processi produttivi in grado di ridurre gli impatti ambientali e sfruttare al meglio le risorse disponibili. Il design sostenibile migliora la qualità della vita dei consumatori e dell’ambiente, attraverso prodotti, servizi e innovazioni sostenibili che aprono la strada verso nuovi stili di consumo responsabili nei confronti del rispetto ambientale.

Architettura sostenibile: alcuni interessanti progetti in Italia

Che cos’è il design sostenibile?

Nel mondo del design è centrale lo sviluppo sostenibile, riferito non solo alla sfera ecologica ma anche a quella economicasociale e politica.  Il design sostenibile, legato al progresso e al benessere, interessa qualsiasi ambito. Ciò che lo contraddistingue è il connubio tra etica ed estetica, ovvero la consapevolezza ambientale ed ecologica.  Quest’ultima si attua grazie all’utilizzo di energie pulite e rinnovabili, materiali riutilizzabili, biodegradabili, riciclabili e non tossici che rendono più lunga la vita del prodotto. Il design sostenibile ha migliorato la qualità della vita e ha elevato lo standard del mercato, infatti, le aziende sono sempre più attente all’impatto della produzione sull’ambiente. Esse sono caratterizzate da cicli di produzione senza rifiuti perché in grado di essere riciclati o smaltiti completamente in natura perché biodegradabili.

Che cos'è il design sostenibile

www.unsplash.com

Il design sostenibile nella progettazione delle città

Il concetto di design sostenibile, per quanto riguarda l’architettura è in continua evoluzione e si è allargato anche al modo con il quale si progettano le città e all’offerta dei servizi pubblici. La sostenibilità in questo caso si riferisce alla disposizione degli edifici e agli spostamenti che gli abitanti devono percorrere per muoversi da un luogo all’altro, infatti è sempre più vasta l’offerta di sistemi e servizi pubblici per sfruttare il territorio in maniera responsabile, ad esempio il car-sharing elettrico, per far sì che l’energia sia uno degli strumenti per accedere al nuovo life-style contemporaneo.

Mobilità sostenibile in Italia: qual è la situazione attuale?

I progetti di design sostenibile per salvare il pianeta

I progetti di design sostenibile sono caratterizzati da una progettazione intelligente e creativa a basso impatto ambientale. L’idea di base che li accomuna è il riciclo degli scarti di produzione, l’utilizzo di prodotti in disuso e di materiali rinnovabiliIl design di riciclo trasforma gli oggetti e li destina a usi diversi, tra questi il sughero per isolare le pareti e le cannucce di plastica trasformate in tende e tovaglie colorate. Tanti gli oggetti sostenibili legati al riuso di materiali di scarto anche al Fuorisalone: arredi per bambini creati con plastica di recupero, sedie prodotte con scarti d’alluminio  e tavoli in cartone pressato. Anche la moda è sostenibile! Predilige la manodopera e prodotti con alto valore estetico, come gli occhiali realizzati con il legno delle Dolomiti e le borse prodotte con teli dei camion e copertoni per valorizzare l’artigianato.

I progetti di design sostenibile per salvare il pianeta

www.unsplash.com

L’importanza delle piccole scelte quotidiane per abitare sostenibile

“Usate solo quello che vi serve” questo è lo slogan del design sostenibile per produrre effetti positivi sull’ambiente. Per realizzare un progressivo cambiamento in chiave green si parte da piccole scelte quotidiane! Bisogna innanzitutto fare la raccolta differenziata in modo corretto ed evitare la plastica. Per iniziare si consiglia l’uso di borracce in metallo al posto delle bottigliette d’acqua. È bene stare lontani dai prodotti “usa e getta” e preferire la riparazione di oggetti usurati soprattutto nell’arredamento e nel vestiario per creare così vere e proprie opere d’arte equilibrate e sostenibili. Fare attenzione alle etichettesostenere i brand che basano la produzione su fonti rinnovabili significa partecipare alla realizzazione di un sistema che ha come obiettivo lo sviluppo di una cultura green.

In poche parole bisogna fare di più con meno per ridurre al minimo i danni e per avere un nuovo modo di vedere le cose.

Arredare casa con il riuso creativo

Il design sostenibile è in espansione e pian piano diventa alla portata di tutti! Solo in questo modo potrà essere garantita la salvaguardia ambientale in equilibrio con la vita delle persone e con l’ambiente circostante.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Ogni anno il 25% dei rifiuti italiani non viene differenziato e il Parlamento europeo impone che, entro il 2035, questo valore scenda al di sotto del 10%.
  • Gli studenti di ingegneria e architettura del Politecnico di Torino sono stati i primi a progettare e a realizzare gli appartamenti di “Casa Solare”. Si tratta di una soluzione a basso impatto ambientale e ad alto risparmio. L’energia elettrica è prodotta con il fotovoltaico e il riscaldamento utilizza la temperatura del terreno come forma di calore.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.