Arredare l’outdoor con stile: I consigli green per una casa sostenibile

Per arredare l’outdoor con stile bastano poche e semplici idee. Ecco alcuni consigli green per una casa elegante, accogliente e sostenibile.

Da dove iniziare per arredare l’outdoor con stile

Scegliere di arredare l’outdoor rispettando l’ambiente è una pratica entrata in voga negli ultimi anni anche in Italia. Per arredare il giardino in stile green è necessario partire dall’utilizzo di materiali biodegradabili ed altri elementi sostenibili per preservare l’ambiente naturale e le piante. La scelta d’arredamento per l’outdoor deve essere indirizzata verso il recupero e il riutilizzo di oggetti usati, l’uso di vernici ecologiche e materiali sostenibili e certificati. In questo modo potrete migliorare la vivibilità e il comfort degli spazi esterni rispettando la natura.

arredo outdoor

Unspalsh foto di stella-de smit

I materiali più utilizzati per un tocco di stile in più

Date libero sfogo alla vostra creatività per arredare l’outdoor. Orientare la vostra scelta verso un design sostenibile diventa un momento magico. Utilizzare materiali ad impatto zero donerà uno stile green agli spazi e agli arredi che diventeranno unici. Per uno stile inconfondibile il bambù, la pietra e il legno, che sono materiali già presenti in natura sono un must have. Grazie al riutilizzo di questi materiali potrete realizzare un arredamento particolare. Il legno rappresenta il materiale simbolo dell’arredamento green. Ha rifiniture sempre diverse e grazie ai suoi difetti tipici e ai segni dell’usura regala uno stile vintage al giardino. Anche il riutilizzo dei pallet o il riciclo del metallo e della plastica può essere sorprendente. Questi materiali si prestano molto bene ad un arredamento innovativo e creativo. Tuttavia, il materiale prediletto per arredare l’outdoor con stile è il bambù, utilizzato per sedie da esterno, tavolini intarsiati, amache e lampade.

Come arredare il giardino con le pietre

Consigli green per una casa sostenibile

Dare una seconda vita ai materiali utilizzati tutti i giorni è una scelta che permette di inquinare meno e risparmiare di più nel rispetto dell’ambiente. La creatività è il primo passo per una casa sostenibile. Gli oggetti con i quali reinventare gli spazi sono infiniti. Dai tappi di sughero, ad esempio, si possono creare tappetini, lampade e vasi per piante dal design esclusivo. I barattoli di latta, le vecchie bottiglie, i pneumatici e le bobine in legno sono solo alcuni dei mille oggetti che possono essere riutilizzati per dare un tocco green all’arredo. Questi possono diventare tavoli, sostegni per divani da esterno, sedie e pouf rustici, in grado di ispirare anche i vostri vicini. L’arredamento green aiuta a vivere meglio perché sensibilizza a rispettare l’ambiente partendo dalla propria casa.

Coltivare il Glicine per arredare il giardino

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo. E tu?

  • Il giardino assume diversi significati da cultura in cultura. In ambito cristiano ci si riferisce al Giardino dell’Eden simbolo di abbondanza, letizia e purezza. Invece, nella cultura orientale il giardino zen rappresenta l’armonia cosmica, concepito per aiutare a vivere in equilibrio con la natura.
  • Il termine “giardino” è collegato alla parola “paradiso”, derivante dal persiano “pairidaeza, poi ripreso in ebraico sotto forma di “pardeš attraverso il greco “παράδεισος”, il cui significato è “giardino recinto” o “parco”.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.