Coltivare il Glicine per arredare il giardino

Coltivare il Glicine è un’ottima soluzione per arredare il tuo giardino, decorando un grigliato o un arco. Questa pianta cresce velocemente e regala delle bellissime e lunghe fioriture, oltre che profumatissime: perfetti per un outdoor di design. Scopriamo insieme come coltivare il glicine.

Coltivare il Glicine per arredare il giardinoIl Glicine è un rampicante rustico e vigoroso, facilissimo da coltivare in giardino, dove avvolge rapidamente pergole, gazebi o archi. La particolarità del glicine è la suggestiva fioritura, che avviene in aprile, prima della comparsa delle foglie: l’albero si riempie di grandi grappoli lunghi anche 90 cm di colore lilla, ma esistono anche varietà rosa e bianche.

Come coltivare il glicine – Le diverse specie della Wisteria

Esistono molte specie di Glicine o per meglio dire Wisteria, come per esempio la Wisteria chinensis, la Wisteria floribunda o la Wisteria brachybotrys. Ognuna di queste comprende molte varietà, che caratterizzano ulteriormente la pianta. Tra le tante varietà, per esempio nel Garden Center abbiamo un vasto assortimento di Wisteria Brachybotrys Showa Beni con i fiori rosa pastello, di Wisteria Brachybotrys Ykoyama Fuji con i fiori blu scuro o di Wisteria Chinensis Prolific con infiorescenze lilla e grappoli lunghi fino a 35 cm.

Coltivare il Glicine per arredare il giardinoSolitamente il Glicine viene coltivato in giardino, poiché è una pianta molto resistente e durevole: in alcuni parchi storici italiani si trovano piante anche di 200 anni.

Il Glicine, facile da coltivare e amante del sole

Adora le posizioni assolute, dove offre fioriture più generose. Attenzione alla coabitazione con strutture murarie, come muri o pavimenti, poiché le radici del glicine possono danneggiarle sollevandole: sono molto robuste e possono piegare anche l’acciaio!

Irrigare regolarmente per i primi due anni, soprattutto d’estate; in seguito la pianta diventa autosufficiente. Per la coltivazione in vaso, annaffiare generosamente in primavera, prima della fioritura.

Per la concimazione è sufficiente somministrare un concime granulare a lenta cessione per piante fiorite, all’inizio della primavera e in autunno. Essendo una leguminosa (ebbene sì) ha bisogno di poco fertilizzante e anzi rilascia sostanze nutritive nel suolo che ne migliorano la fertilità. In caso di coltivazione in vaso occorre invece aiutare la pianta con un concime liquido per piante fiorite aggiunto all’acqua per irrigazione, poiché le sostanze contenute nel piccolo pane di terra sono destinate a esaurirsi rapidamente.

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • Un gruppo di scienziati ha realizzato il primo studio del suo genere che valuta il numero di specie di piante presenti al mondo e il loro stato di salute: Sono 391mila, più o meno, le specie di piante attualmente note alla scienza.
 
  • Il nome scientifico del glicine è Wisteria, genere di piante rampicanti della famiglia delle Fabacee (o Leguminose). Il nome del genere è stato attribuito in onore di Gaspare Wistar (1761-1818), studioso di anatomia di Filadelfia.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Cura del giardino: talea di lavanda