Quali frutti si raccolgono (e si mangiano) in primavera?

Oggi comprare al supermercato qualsiasi tipo di frutta e verdura è diventata una consuetudine, data la ricca disponibilità che se ne ha per tutto l’anno. Tuttavia, per portare in tavola della buona frutta nutriente è opportuno consumare prodotti di stagione e al giusto punto di maturazione. Volete scoprire quali frutti si raccolgono (e si mangiano) in primavera? Ecco tutto quello che c’è da sapere!

Mangiare frutti di stagione in primavera

Mangiare frutta di stagione, sia in primavera che durante le altre stagioni dell’anno, apporta non solo benefici alla salute ma è un segno di rispetto nei confronti dell’ambiente.

Per di più permette di risparmiare e di assaporare prodotti sempre freschi. Specialmente in primavera, gli alberi fioriscono e si riempiono di colori e tanta frutta fresca come fragole, ciliegie, albicocche e pesche. Ottime sia per un semplice spuntino, sia per preparare marmellate, confetture e fresche macedonie.

Smoothies: un arcobaleno di benessere in primavera

Frutta di Primavera

Ecco un elenco completo della frutta locale coltivata all’aria aperta:

Marzo

  • Arance
  • Avocado
  • Bergamotto
  • Clementine
  • Kiwi
  • Kumquat (Mandarino Giapponese)
  • Limoni
  • Mandaranci
  • Mandarini
  • Pompelmi

Aprile

  • Arance
  • Avocado
  • Fragole
  • Kiwi
  • Kumquat (Mandarino Giapponese)
  • Limoni
  • Nespole
  • Pompelmi

Maggio

  • Albicocche
  • Arance
  • Ciliegie
  • Fragole
  • Kiwi
  • Kumquat (Mandarino Giapponese)
  • Limoni
  • Nespole
  • Pesche

Giugno

  • Albicocche
  • Anguria
  • Amarene
  • Ciliegie
  • Fichi
  • Fragole
  • Frutti Di Bosco (Corbezzolo, Corniolo, Fragoline Di Bosco, Gelso Bianco e Rosso, Lamponi, Mirtilli Rossi e Neri, Marasca, More, Sambuco Nero, Uva Spina)
  • Limoni
  • Melone
  • Nespole
  • Pesche
  • Prugne
  • Ribes
  • Susine

Frutta che si trova tutto l’anno

  • Mele
  • Pere
  • Frutta a guscio
  • Frutta secca

Frutta e verdura del mese di aprile

Fare la spesa dal fruttivendolo

Nei supermarket si trova sempre più spesso frutta fuori stagione o esotica, che dopo un lungo viaggio viene conservata per molto tempo in celle frigorifere. Proprio per questo è importante fare la spesa dal fruttivendolo e scegliere prodotti solo italiani.

Oltre alla frutta, la primavera segna l’inizio della fioritura di erbe selvatiche e ortaggi di vario tipo come cicorie, denti di cane, tarassaco, asparagi selvatici. Tutti prodotti ricchi di sostanze antiossidanti e purificanti che aiutano l’espulsione delle scorie accumulate durante l’inverno e apportano molti benefici all’organismo.

Frutta e verdura del mese di maggio

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Anche i fiori si possono mangiare! Attenzione però a consumare solo i petali, senza gambo e pistillo. I fiori edibili sono i fiori eduli primaverili come l’acacia, l’ibisco, l’iris, la lavanda, la rosa, il tarassaco, il trifoglio, i fiori degli agrumi e quelli degli ortaggi come aglio, aneto, basilico, cicoria, cipolla, coriandolo, erba cipollina, finocchietto, finocchio, zucca, e zucchina.
  • In Italia, meno di 5 adulti su 10 consumano 1-2 porzioni di frutta o verdura al giorno, 4 su 10 ne consumano 3-4 porzioni, mentre appena 1 su 10 ne consuma la quantità raccomandata dalle linee guida per una corretta alimentazione, ovvero 5 porzioni al giorno (five a day). Una piccola quota di persone (meno del 3%) invece, non consuma né frutta né verdura.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.