Quante aziende agricole ci sono in Italia?

L’agricoltura è stata la prima attività svolta dall’uomo per garantire la propria sopravvivenza. Un tempo questa costituiva la principale fonte di cibo e di guadagno per le popolazioni mondiali, ma vediamo nel dettaglio l’attuale situazione italiana: quante aziende agricole sono presenti oggi sul nostro territorio?

Quante aziende agricole ci sono in Italia?

In economia il settore primario è quel settore economico che raggruppa tutte le attività legate allo sfruttamento delle risorse naturali, quindi appartengono a tale gruppo: l’agricoltura, la pesca, l’allevamento, la silvicoltura e l’attività mineraria. Il settore primario rappresenta, quindi, quell’insieme di attività che costituiscono i bisogni fondamentali per la sopravvivenza degli individui.

Agricoltura 4.0 e il consumo responsabile in Italia

I dati dell’ultimo censimento Istat

Secondo l’ultimo censimento Istat in Italia ci sono 413mila aziende agricole, di cui 1 su 3 è a gestione familiare. Inoltre in un Rapporto sulla struttura e caratteristiche delle unità economiche del settore agricolo nel 2017, sempre l’Istat ci dice che le aziende gestite direttamente da persone fisiche (ovvero da famiglie) sono il 30,7%. Queste risultano concentrate soprattutto nelle regioni del Sud (Calabria, Puglia e Campania) e nelle Isole e hanno una dimensione ridotta, circa 1,7 ettari per azienda.

Quante aziende agricole

PIXABAY.COM

In termini di occupazione le 413 mila imprese agricole occupano, complessivamente, circa 815 mila addetti. La prevalenza di micro imprese è confermata dal fatto che oltre 407mila di queste ha meno di 10 addetti che rappresentano il 98,6% del totale ed occupano l’84% degli addetti. Solo lo 0,1% delle imprese impiega più di 50 addetti, assorbendo così il 4,5% dell’occupazione complessiva (oltre 36 mila addetti).

E’ stato stimato che il 61% delle imprese agricole è privo di dipendenti. Il settore agricolo, in Italia, è molto eterogeneo e variegato. Coestistono grandi imprese agricole, caratterizzate da un sistema di management e una struttura organizzativa complessa e piccole realtà che presentano un’organizzazione molto più tradizionale.

Aziende agricole: quali sono i vantaggi della spesa dal contadino?

Chi è a capo delle imprese agricole?

I più recenti dati ci dicono che si tratta per la maggiore di uomini abbastanza avanti con l’età. I titolari delle imprese agricole individuali sono solo per il 31% donne. Nelle gestioni societarie i soci donne rappresentano il 35%; scende tuttavia al 23% la quota femminile degli amministratori, e al 18% la copertura di altre cariche dirigenziali. Resta, invece, abbastanza contenuto il ruolo dei giovani di età inferiore ai 30 anni. Questi sono per il 4% titolari di imprese individuali, per il 6% soci e amministratori delle gestioni societarie e solo l’1,6% di questi riveste altre cariche.

Come vivere in autosufficienza: miniguida

Produzione agricola italiana

Rispetto a qualche anno fa ci sarebbe stata una battuta d’arresto nella produzione totale di frutta e di ortaggi. A causare questo rallentamento sono da imputare soprattutto le condizioni climatiche avverse (estati siccitose). Secondo l’Istat, le singole produzioni che hanno sofferto maggiormente sono state quella del frumento duro (-16,4%), del mais (-11,6%) e delle mele (-18,2%). Un dato positivo si registra, invece, per le produzioni olivicole (+17,3%). Il calo produttivo si è verificato soprattutto al Centro e al Nord-Est, mentre il Sud (escludendo le Isole) è riuscito a mantenere il normale livello di produzione.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo e tu? 

  • L’agricoltura biologica è un tipo di agricoltura che sfrutta la naturale fertilità del suolo favorendola con interventi limitati. Questa tipologia di colture vuole promuovere la biodiversità delle specie vegetali e animali ed esclude l’utilizzo di prodotti di sintesi e degli organismi geneticamente modificati.
  • Il futuro è dato dall’agricoltura sostenibile. Il suo obiettivo è quello di soddisfare il fabbisogno attuale di alimenti e tessuti senza compromettere la capacità da parte delle generazioni future di soddisfare a loro volta il proprio fabbisogno.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Biologa