Frigo americano: cosa vuol dire e quali sono le misure

Il frigo americano è un elettrodomestico ormai presente anche nel nostro paese. Vediamo quali sono le sue principali caratteristiche e dimensioni.

Quando si vuole intendere qualcosa di grande e possente si è soliti aggiungere l’aggettivo “americano”. Questo è proprio il caso del frigorifero. Difatti il frigo americano, chiamato anche frigorifero side by side, ne è un esempio e d’altronde non c’è da stupirsene perché in effetti, se confrontati con quelli abitualmente presenti nelle cucine degli italiani, la prima cosa che salta all’occhio è proprio la differenza nelle dimensioni. In realtà sono così chiamati anche proprio per la loro provenienza.

Com’è fatto il frigo americano

Il frigo americano, quello che si vede nelle cucine set di film e serie tv d’oltre oceano e non solo, è costituito da due ante poste una accanto all’altra, un po’ come se fosse un armadio. In pratica è come se fosse diviso in due metà, una che comprende lo scomparto frigo e una quello del freezer. Questi due vani dono quindi affiancati, diversamente dalla versione italiana in cui risultano disposti in colonna. 

Ma non è questa l’unica opzione possibile. Difatti vi sono frigoriferi americani che presentano quattro scomparti. In questo caso si tratta di un mix tra la versione d’oltre oceano e quella di casa nostra. Sono presenti, quindi, due ante superiori che ospitano i ripiani del fresco e due sportelli inferiori che corrispondono a quelli del congelatore. Generalmente poi la zona adibita a freezer è costituita da comodi e spaziosi cassettoni. 

Frigo americano

Frigo americano: cosa vuol dire e quali sono le misure – UNSPLASH

Altre caratteristiche

Altra caratteristica distintiva di questa tipologia di frigorifero è che si tratta sempre di una libera installazione e, quindi, non incassato all’interno della cucina stessa. Inoltre sono tutti dotati di apposito dispenser di acqua e ghiaccio. I modelli più recenti presentano poi un comodo vano, all’interno della porta principale, che può essere aperto indipendentemente dal resto. Questo è molto utile per accedere con estrema facilità agli alimenti che si utilizzano abitualmente. Possono essere presenti anche pannelli in vetro che si illuminano per consentire di vedere cosa c’è all’interno del frigorifero anche con l’anta chiusa. Tutte queste peculiarità hanno lo scopo di ridurre le volte in cui si apre il frigorifero e consentono così di risparmiare anche in termini energetici.

Infine questa tipologia di frigorifero, un po’ come tutti, è caratterizzato da una specifica organizzazione che richiede di sistemare gli alimenti in un determinato modo. Solitamente è presente, nella parte bassa, il vano hyper fresh o zero gradi dove è bene conservare frutta e verdura per garantirne una durata maggiore. Quelli di ultimissima generazione sono dotati poi di una telecamera integrata che consente di vedere l’interno del frigorifero comodamente dal proprio smartphone.

Frigo americano

Frigo americano: cosa vuol dire e quali sono le misure – UNSPLASH

Dimensioni dei frigoriferi americani

Le caratteristiche, precedentemente analizzate, implicano delle dimensioni differenti rispetto a quelle cui si è abituati per quanto riguarda il frigorifero tradizionalmente presente in Italia. Difatti un frigo americano è molto più grande: ha una larghezza di almeno 90 centimetri e un’altezza che superano i 150 centimetri. La capienza totale può superare i 400 litri, raggiungendo anche quota 600 litri. Nella scelta della tipologia di frigorifero da acquistare per la propria casa è quindi fondamentale valutare il volume di spesa, ovvero la quantità di alimenti da mettervi all’interno. Ovvio è che il frigo americano è un’ottima soluzione per le famiglie numerose tanto quanto non lo è per i nuclei familiari più ridotti. 

Vantaggi del frigo americano

Il frigorifero americano, essendo anche in genere un frigo di ultimissima generazione, presenta una serie di vantaggi che sono i seguenti:

  • elevata efficienza energetica e di conseguenza risparmio di energia
  • presenza di luci a LED a lunga durata
  • ampia capacità di stoccaggio degli alimenti
  • automatico sistema anti-sbrinamento
  • grande facilità nelle operazioni di pulizia
  • ottima conservazione degli alimenti
  • bassa rumorosità
  • connessione Wi-Fi e gestione da remoto
  • funzione super freezingsuper cooling
  • tecnologia no frost che evita la formazione di ghiaccio all’interno del frigo
  • segnalazione sia visiva che acustica in caso di sbalzi termici all’interno dell’elettrodomestico.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Si stima che i frigoriferi di classe A++ oppure A+++ consentano di risparmiare più del 50% di energia in un anno di attività rispetto a quelli di classe inferiore, per esempio C o D.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi su
Scritto da

Biologa