Come organizzare la cucina in modo funzionale?

Organizzazione e ordine sono le parole chiave per una maggiore efficienza in casa. Ecco alcuni consigli su come organizzare la cucina al meglio.

La cucina è probabilmente lo spazio della casa più usato e vissuto. Per questo motivo è fondamentale renderla quanto più funzionale possibile per evitare spreco di tempo e anche di risorse. Ecco alcune regole su come organizzare la cucina in modo semplice ma al tempo stesso accurato.

Come organizzare la cucina: regole fondamentali

La preparazione dei pasti è una delle attività che viene svolta quotidianamente e anche più volte al giorno. In una vita abbastanza frenetica scandita da ritmi e tempi stretti è bene ottimizzare gli spazi al meglio. Per farlo ci sono delle regole, o comunque dei consigli, su come organizzare la cucina allo scopo di renderla un ambiente funzionale che, quindi, faciliti e velocizzi le operazione giornaliere.

Come organizzare la cucina

Come organizzare la cucina in modo funzionale? – UNSPLASH

Pulizia e decluttering

Per prima cosa è necessario effettuare una pulizia profonda, quindi, svuotare ogni pensile e cassetto per poterlo pulire al meglio. Nel caso dei cassetti per velocizzarne la pulizia risulta molto comodo usare l’aspirapolvere per eliminare eventuali bricioli o sporco grossolano. Fatto ciò si passa alla pulizia con un detergente specifico e anche igienizzante. In questa fase se la cucina è in legno si consiglia di usare anche un prodotto adatto al trattamento di questo materiale, che vada quindi a nutrire e lucidarne la superficie.

Altro passaggio importantissimo è quello di buttare tutto ciò che è inutile o per qualche motivo non più utilizzabile. Fare decluttering consente di disfarsi di tutte quelle cose che occupano solo spazio ma che nella quotidianità non vengono utilizzate. Lo spazio in cucina non è mai troppo per questo è bene ottimizzarlo e impiegarlo per ciò che realmente serve.

Come organizzare la cucina

Come organizzare la cucina in modo funzionale? – UNSPLASH

Organizzare in modo efficace e funzionale

Una volta svuotati e puliti tutti gli spazi interni ed esterni alla cucina è bene riporli nuovamente in modo efficiente e funzionale. Una delle regole più importanti su come organizzare la cucina è proprio quella di sistemare gli oggetti che si utilizzano con maggior frequenza nelle aree più facilmente accessibili. Per esempio il pentolame che si usa quotidianamente è bene sia sistemato nei ripiani più a portata di mano, ovvero quelli della parte bassa della cucina, mentre quelli usati di rado possono essere riposti nelle parti più alte o addirittura nel ripostiglio. Questa regola vale non solo per gli utensili, le pentole o le stoviglie ma anche per gli alimenti.

Allo scopo di organizzare in maniera efficace possono rivelarsi molto utili cestini, box, divisori, mensole e appositi accessori per suddividere lo spazio. Molto spesso i pensili sono molto alti e suddivisi da poche mensole perciò rimane tanto spazio in altezza inutilizzato. In questo caso sono davvero molto utili delle mensole divisorie che creano un ulteriore ripiano su cui poter appoggiare oggetti o alimenti. Sempre allo scopo di recuperare spazio una buona idea può essere quella di servizi di barattoli e appositi contenitori per alimenti che possono essere impilati tra loro. Questo è sicuramente un atteggiamento sostenibile poiché non solo si eviterà di avere tante confezioni di plastica o cartone nei propri pensili ma sarà possibile acquistare alimenti sfusi.

Per rendere davvero funzionale la propria cucina è poi indispensabile accorciare le distanze. Cosa significa? Vuol dire sostanzialmente avere nelle vicinanze ciò che serve. Per esempio pentole e utensili è bene siano riposti nei ripiani vicini ai fornelli mentre detersivi e pattumiera nel pensile sotto al lavandino.

Come organizzare la cucina

Come organizzare la cucina in modo funzionale? – UNSPLASH

La regola del “simile con il simile” per organizzare alimenti e oggetti vari

Per quanto riguarda l’organizzazione della dispensa, quindi degli alimenti, valgono i consigli sopra indicati ma vale anche la regola del “simile con il simile”. Con ciò si intende riempire cassetti, pensili e armadietti con alimenti simili o appartenenti a una specifico categoria. Per esempio riporre sullo stesso ripiano pasta, riso e pane, oppure tutto l’occorrente per la colazione ma anche per esempio i detersivi impiegati per la pulizia della cucina stessa ecc.

Al contrario avere in un solo cassetto alimenti tra loro eterogenei può contribuire a rendere la cucina caotica, dispersiva e anche fonte di perdita di tempo. Mentre organizzare secondo questa regola, tanto gli alimenti quanto gli altri oggetti, consentirà di andare spediti quando si cerca qualcosa senza la necessità di dover aprire più scomparti prima di trovare ciò che si sta cercando.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • L’economia italiana è fortemente basata sul settore dell’arredamento. Basti pensare che sul territorio sono presenti ben 18.600 aziende, per un totale di oltre 130.000 dipendenti e quasi 23 miliardi di euro di fatturato. L’Italia è uno dei maggiori esportatori e produttori di mobili al mondo, difatti esporta ben il 60% della sua produzione totale. I principali “clienti importatori” sono la Francia, la Germania, gli Stati Uniti e la Cina.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it 

Scritto da

Biologa