Vai al contenuto
Interior Designer

La professione dell’Interior Designer: è necessaria la laurea?

Condividi L'articolo su

Progettare e organizzare gli spazi interni ed esterni di un’abitazione, questo è il motivo per il quale ci si rivolge a un Interior Designer. Una figura professionale molto ricercata negli ultimi anni. Ma per diventare esperti del settore è necessaria la laurea?

L’ambito dell’interior design è uno di quei settori in cui, se da una parte è molto importante la preparazione teorica, dall’altra è fondamentale una naturale propensione e pratica per il lavoro che si andrà a svolgere. Perciò alla domanda se ci sia bisogno della laurea per diventare Interior Designer la risposta è si e no. Ciò significa che per intraprendere tale carriera è bene che il professionista in questione sia diventato tale in seguito a un percorso formativo che prevede diverse possibilità. Quindi università, ovvero laurea e master, ma anche diplomi, corsi brevi e di formazione specifica, presso istituti pubblici i privati, purché questi siano certificati.

Come diventare Interior Designer

Come anticipato il percorso formativo per diventare Interior Designer non è unico, bensì ci sono diverse strade percorribili in tal senso. Dall’ambito pubblico a quello privato, in base alle proprie esigenze e anche alle proprie tasche è possibile scegliere quella che è la formazione che meglio si addice alla persona. Per esempio per coloro che decidono di optare per il conseguimento di una laurea, presso una università pubblica, è possibile scegliere tra le seguenti opzioni:

  • Scuola del Design presso il Politecnico di Milano
  • Facoltà di Design al Politecnico di Bari
  • Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino
  • Facoltà di Design e Arti presso la Libera Università di Bolzano.

Ci sono poi corsi, che si svolgono presso istituti privati, che si concludono con l’ottenimento di diplomi e certificati. Ne sono validi esempi:

  • Istituto di Design Polo Michelangelo
  • Università Europea del Design di Pescara
  • Poliarte di Ancona
  • Nuova Accademia del Design a Verona e a Milano
  • Istituto Marangoni a Milano
  • Accademia di Design e Comunicazione a Firenze
  • Istituto europeo design (IED) presente in diverse città italiane
  • Istituto superiore per le industrie artistiche (ISIA) presente in diverse province italiane.

10 domande per scegliere un interior designer

Di cosa si occupa nello specifico l’Interior Designer?

L’Interior Designer è una figura professionale che si occupa della progettazione degli spazi interni ed esterni della casa. Perciò si impegna nel trovare soluzioni abitative personalizzate e su misura a seconda delle esigenze del cliente. I servizi offerti sono diversi:

  • dal più classico e noto arredamento d’interni;
  • web project, ovvero la progettazione digitale che fornisce una prima idea al cliente;
  • nell’ambito delle ristrutturazioni fornisce supporto alle altre figure professionali quali per esempio gli architetti, a ciò si collega poi il concetto di home re-styling;
  • il recente settore dell’home staging che consente di mettere in scena quello che sarà il risultato finale della casa;
  • sempre compito dell’Interior Designer è la consultazione del colore per le diverse camere della propria abitazione;
  • e infine il garden design, poiché il lavoro di tale professionista non si limita all’interno della casa ma anche allo spazio outdoor, quindi giardini ma anche terrazzi.
Interior Designer
La professione dell’Interior Designer: è necessaria la laurea? – PIXABAY

Perché affidarsi a un professionista in Interior Design?

Affidarsi al fai da te non è sempre una buona idea soprattutto quando non si possiedono le basi per svolgere una determinata attività. Quindi è bene affidarsi ad un Interior Designer soprattutto per la sua professionalità. In secondo luogo delegare permette di risparmiare tempo e anche responsabilità. Fa poi risparmiare anche in termini economici, poiché se è vero che bisognerà pagare il professionista, è vero anche che grazie alla sua esperienza eviterà di acquistare cose non realmente utili oppure di dover rifare i lavori due volte.

Arredare la casa: quanto costa un interior designer

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Secondo quanto emerge dall’ultima ricerca Houzz&Home, condotta su oltre 3000 persone intervistate in Italia, la cucina è la camera più ristrutturata della casa. Difatti è schizzata a +58% nel 2020 con una spesa media apri a 9.500 euro. Anche gli investimenti nel rifacimento del bagno sono aumentati del 20% e hanno raggiunto una quota di spesa media pari a 6.000 euro.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News