Normativa per trasporto cani in auto

Qual è la normativa che regola il trasporto degli animali domestici in auto? Ecco le norme del Codice della Strada

La Normativa per trasporto cani in auto è contenuta nel Codice della Strada, in particolare negli articoli 169 e 170 che contengono due commi specifici sull’argomento. Il primo relativo alle automobili e il secondo alle motociclette. Questi contengono le disposizioni di massima per il trasporto e le sanzioni previste in caso di infrazione.

La normativa aggiornata al 3 giugno 2022

L’aggiornamento della normativa per il trasporto dei cani in auto del 3 giugno 2022 presenta nuove sanzioni per chi trasporta animali domestici in auto e moto in modo non idoneo. Inoltre, suggerisce qual è il modo migliore per trasportare cani e gatti durante i viaggi estivi, quando il clima è molto caldo.

Normativa per trasporto cani in auto

Normativa per trasporto cani in auto – Unspalsh di jay wennington

Trasporto animali domestici in auto: la norma del codice della strada

In base all’articolo 169 comma 6 CdS, sui veicoli diversi da quelli espressamente adibiti al trasporto di animali (automobili e mezzi simili) “è vietato il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida”.

Pertanto, un cane può stare ovunque dentro l’abitacolo, purché non disturbi il conducente durante la guida. Ciò significa che nel caso di un controllo gli agenti devono valutare se l’animale stia intralciando il guidatore.

Il consiglio è quello di non lasciarlo completamente libero all’interno della vettura, e neanche di tenerlo in braccio. Ciò è valido anche per i cani di piccola taglia, perché potrebbero divincolarsi e creare un possibile disturbo mentre si guida. Inoltre, in caso di incidente lo si esporrebbe ad un pericolo.

Conosciamo insieme il mondo degli Asili per cani

Le regole per il trasporto di un cane o più di un animale domestico in auto

Nell’ art. 169 comma 6 del Codice della Strada sono considerate anche altre eventualità. Nello specifico l’articolo riporta quanto segue: “è consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore (a uno, ndr), purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri”.

Pertanto, è permesso il trasporto di animali domestici in auto anche in numero superiore a uno, ma in questo caso è obbligatorio sistemarli in una gabbietta o contenitore, per quelli di piccola taglia, oppure sul sedile o nel vano posteriore, per quelli di media o grossa taglia. Inoltre, devono essere necessariamente divisi dal resto dell’abitacolo da una rete o messi in sicurezza da altri dispositivi, che possono essere:

  • gabbietta,
  • contenitore,
  • rete divisoria,
  • cinture di sicurezza da agganciare al collare o alla pettorina.

Le sanzioni per chi viola le norme sul trasporto animali domestici in auto

Chi non rispetta le disposizioni dell’art. 169 comma 6 CdS sul trasporto degli animali domestici in auto, in caso di un controllo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una multa da 87 a 344 euro. Inoltre, è prevista anche la decurtazione di 1 punto sulla patente.

In più, chi installa una rete o barriera divisoria ‘fissa’ senza richiedere regolare autorizzazione all’ufficio competente della Motorizzazione Civile, che deve segnare l’avvenuta modifica sulla carta di circolazione del veicolo, infrange l’art. 78 del Codice della Strada e rischia una ingente multa da 430 a 1.731 euro.

Normativa per trasporto cani in auto

Normativa per trasporto cani in auto – pexels di özgür

Consigli per il trasporto di animali domestici in auto

Al fine di viaggiare in sicurezza con il proprio animale domestico, per la sua incolumità è sempre meglio evitare le ore più calde della giornata.

Allo stesso modo, è preferibile limitare l’uso dell’aria condizionata, in quanto gli sbalzi di temperatura e i colpi di calore potrebbero rappresentare un serio pericolo. Pertanto, il consiglio è quello di tenere il finestrino parzialmente aperto per favorire il ricambio d’aria.

Inoltre, prima di affrontare un lungo viaggio è utile abituare il proprio cane agli spostamenti in auto. Si può iniziare con brevi tragitti per poi aumentare gradualmente le distanze e la durata del viaggio. Durante i viaggi lunghi è bene programmare soste regolari per consentire alle bestiole di scendere dalla vettura e sgranchirsi i muscoli oppure per permettergli di fare i bisognini.

Per garantire l’incolumità del proprio amico a quattro zampe, affinché viaggi in sicurezza e in salute è bene portare una ciotola per l’acqua e un piccolo asciugamano per rinfrescarlo in caso di necessità. Inoltre, per intrattenerlo è bene avere a disposizione il suo gioco o la sua coperta preferita, in modo da rendergli l’ambiente familiare.

Infine, tra i tanti consigli c’è quello di guidare il più dolcemente possibile, evitando accelerazioni e frenate brusche. Infatti, il mal d’auto è un problema che colpisce anche gli animali domestici, soprattutto i cuccioli. In questo caso il veterinario può prescrivere farmaci efficaci, da somministrare al proprio cane prima del viaggio.

Infine una lunga passeggiata, una volta giunti a destinazione può aiutare a ridurre l’ansia e la paura accumulati durante il trasporto.

Come scegliere il cane giusto per noi: semplice guida alla felicità

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • I cani presenti in Italia (animali d’affezione soggetti a registrazione obbligatoria) nel dicembre 2019 oscillavano tra gli 11.630.000 e i 27.300.000. Per l’esattezza, secondo i dati dell’Oipa al 4 febbraio 2022 risultano iscritti nelle Anagrafi regionali degli animali d’affezione 13.209.745 cani, 956.308 gatti e 2.226 furetti.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.