5 motivi per acquistare design di seconda mano

Acquistare design di seconda mano può offrire molteplici vantaggi. Infatti, unisce alla sostenibilità il fascino della ricerca e la possibilità di acquistare oggetti unici. Ecco 5 motivi per acquistare design di seconda mano.

Arredo di design di seconda mano

Tutti desiderano per la propria casa dettagli speciali, e oggetti sofisticati che rispecchino i propri gusti. Pertanto, rinnovare la propria casa, anche semplicemente nei piccoli oggetti, con complementi d’arredo, mobili e accessori di seconda mano, rende possibile questo desiderio.

Il design di seconda mano è in grado di aprire le porte a mondi incredibili, mai considerati prima.

Antiquariato, modernariato, design o mobili di pregio. I mobili usati di grande qualità per arredare la propria abitazione sono tanti.

Acquistare seconda mano

5 motivi per acquistare design di seconda mano – Unsplash di eugenivy now uses

5 motivi per acquistare design di seconda mano

I motivi validi per acquistare design di seconda mano ed essere soddisfatti sono tanti.

1. Risparmio e convenienza

Primo tra tutti il risparmio! Acquistare mobili usati conviene! Non solo perché costano molto meno a pezzi di design nuovi, ma anche perché se si cerca bene è possibile trovarli di ottima qualità, senza difetti e resistenti.

Nel mondo del design di seconda mano, i range di prezzo sono molto variabili. Infatti, è possibile trovare oggetti anche particolari e rari a cifre molto basse. L’importante è avere pazienza e continuare a cercare il pezzo dei propri sogni. Che sia un compromesso tra prezzo e aspettative.

2. Unicità

Spesso quando si è alla ricerca di un mobile dal design particolare i negozi d’arredamento non fanno altro che proporre di continuo le stesse cose in serie.

Nel vasto mondo dell’usato è possibile trovare accessori, mobili o complementi d’arredo ormai fuori produzione, talvolta molto rari e super ricercati.

Per qualcosa di davvero unico, in grado di rispecchiare il proprio stile, il design di seconda mano è l’ideale.

Come vendere mobili usati online?

3. Ecosostenibilità

Nonostante oggi la produzione di mobili che rispetta determinati criteri di ecosostenibilità sia in aumento, anche il mercato del mobile produce sul pianeta un certo impatto ambientale. Ciò a causa di legno, vernici, plastica, metallo, trasporto, imballaggi e smaltimento

Pertanto, acquistare mobili usati è un gesto responsabile. Grazie all’acquisto di design di seconda mano è possibile prolungare il ciclo di vita degli oggetti e contribuire a cambiare l’approccio del sistema produttivo.

4. Seguire le tendenze del momento

A proposito di trend, arredare una casa di tendenza è possibile mixando arredamento moderno e contemporaneo a quello più antico e vintage. Infatti, ci sono oggetti e mobili usati, che nel tempo hanno acquisito l’appellativo di “icona”. Ciò perché per quanto i grandi marchi continuino a produrre le loro creazioni, le prime versioni originali hanno sicuramente un valore più alto. Valore non solo economico, ma soprattutto storico.

5. Una forma di investimento

Quindi, acquistare design di seconda mano, non è altro che una forma di investimento. Specialmente se si tratta di edizioni limitate o di elementi d’arredo fuori produzione, i conseguenti guadagni, possono essere realmente interessanti.

La cucina in stile retrò: consigli d’arredo

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • In uno studio condotto in collaborazione con BCG, la piattaforma di vendita dell’usato di lusso Vestiaire Collective i partecipanti cercano innanzitutto l’accessibilità, incluso il pagamento a un prezzo scontato. Inoltre, anche perché si compra oggi per rivenderli domani. Infatti, gli intervistati cercano anche di progettare gli acquisti come investimento. Il 44% delle persone si assicura quindi di potersi permettere di più per l’acquisto di articoli di lusso attraverso il mercato dell’usato.
  • Un altro motivo per investire nel mercato della moda di seconda mano: è possibile trovare pezzi unici o in edizione limitata. Pertanto, il 73% afferma di trovare pezzi affilati per migliorare il proprio stile, mentre il 62% cerca articoli esauriti/edizioni limitate. In ogni caso, il rispetto per l’ambiente rimane la principale motivazione dei consumatori per gli acquisti etici.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.