Wallbox: il sistema domestico per la ricarica delle auto elettriche

La Wallbox è il nuovo sistema domestico per la ricarica delle auto elettriche. Questi dispositivi di ultima generazione sono ideali per l’espansione della mobilità elettrica a zero emissioni. Infatti, sono in grado di garantire un’autonomia adeguata e quindi di sostenere la diffusione dei veicoli green.

Wallbox: l’innovativo sistema di ricarica domestico

Le Wallbox rappresentano uno degli elementi al centro della svolta ecologica del trasporto privato a zero emissioni grazie all’innovativo sistema in grado di ricaricare le batterie delle auto elettriche comodamente da casa. Sembrano le comuni colonnine di ricarica che si vedono per strada, ma in realtà hanno delle dimensioni più contenute. Non a caso, non ingombrano troppo spazio e possono essere fissate a parete. Per l’installazione di una Wallbox l’impianto deve essere certificato da un tecnico abilitato che si accerti del rispetto delle normative CEI EN 61851-1, che indicano i criteri e i parametri da rispettare per la sicurezza. In poche parole, il sistema trasforma una normale presa di corrente domestica in una sorta di centrale per la ricarica di mezzi elettrici. Pertanto, è bene non sistemare il box all’interno dell’abitazione ma in altri luoghi annessi, come il garage o il posto auto coperto.

Wallbox il sistema domestico per la ricarica delle auto elettriche

Wallbox il sistema domestico per la ricarica delle auto elettriche – shutterstock foto di Nakun

I vantaggi della Wallbox nella propria abitazione

Utilizzare la Wallbox nella propria abitazione è abbastanza semplice per l’utente. Infatti, è necessario, prima di ogni cosa, possedere la certificazione dell’impianto e poi collegare il sistema di ricarica. Il trasferimento di energia è sicuro e efficiente, ed è in grado di adeguare la potenza della rete di casa a quella dell’auto. La potenza della Wallbox può raggiungere 7,5 kW in monofase o fino a 22 kW in trifase. Tra i vantaggi che derivano dall’installazione di questo innovativo sistema di ricarica, il più grande è sicuramente quello legato alla possibilità di ricaricare la propria auto elettrica da casa. Inoltre, la ricarica attraverso la rete domestica è sicura e preserva l’integrità della batteria.

Le iniziative sostenibili nel mondo: Corrente il car sharing elettrico a Bologna

Ricaricare l’auto nel proprio garage tramite Wallbox

Utilizzare la Wallbox nel garage per ricaricare la propria automobile è una cosa estremamente semplice. Infatti, è necessario collegare la batteria del veicolo all’impianto, usando il cavo in dotazione. La velocità di ricarica dipende poi sia dalla potenza della batteria della macchina stessa, che da quella del dispositivo scelto. Ciò incide sul costo della ricarica, infatti, ogni Wallbox è caratterizzata da potenza e tecnologia integrata diverse per soddisfare le esigenze di vari utenti. Invece, per quanto riguarda il prezzo dell’energia elettrica, bisogna prendere in considerazione chiaramente quelle che sono le tariffe del proprio gestore.

La mobilità sostenibile e il bonus mobilità

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Le spese sostenute per potenziamento dell’impianto elettrico e per acquisto e installazione della stazione di ricarica effettuate entro il 31 dicembre 2021, godono della detrazione fiscale al 50% con un tetto massimo di spesa di 3.000 euro o, in alternativa, possono essere inserite nel computo delle spese con detrazione al 110% in caso di miglioramento della classe energetica dell’abitazione.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post
Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.