Vai al contenuto
Come scegliere il piano a induzione per la cucina in una casa domotica

Come scegliere il piano a induzione per la cucina in una casa domotica

Condividi L'articolo su

I piani cottura a induzione incontrano pienamente il desiderio di avere una cucina moderna e tecnologica. Ecco come scegliere il piano a induzione per la cucina in una casa domotica e tutti i fattori da tenere in considerazione per la scelta di questo importante elemento.

Scegliere il piano a induzione ideale per la propria cucina domotica

Per scegliere il piano a induzione ideale per la propria cucina ci sono tanti fattori da tenere in considerazione, dalla velocità di cottura ai consumi. Il piano a induzione offre minori rischi rispetto ai piani di cottura tradizionali, perché non necessita dell’utilizzo di gas e fiamme. Inoltre, la sua pulizia è più semplice. Tra gli altri vantaggi che offre c’è la sua facilità d’utilizzo, infatti, il suo funzionamento non è assolutamente complicato. Sotto il vetro-ceramica si nascondono una serie di bobine che, alimentate dall’elettricità, generano un campo elettromagnetico. Ecco tutti gli elementi da tenere in considerazione nella scelta di un piano a induzione per la cucina in una casa domotica.

Piano cottura a gas o a induzione? Pro e contro

I consumi energetici

In un piano a induzione i consumi di energia elettrica sono superiori rispetto ad un normale piano di cottura. Ecco perché è necessario abbinare alla scelta un giusto impianto elettrico per evitare che le bollette siano troppo alte. Pertanto, prima ancora dell’acquisto è bene informarsi sull’alimentazione della casa che deve essere in grado di supportare in maniera adeguata la potenza elettrica delle bobine. Non a caso, il miglior impianto è quello smart. Le tecnologie moderne consentono di gestire al meglio anche i consumi. Infatti, i piani di cottura ad induzione sono un gran vantaggio se si dispone già di un impianto fotovoltaico. Ma, come detto, per massimizzare i benefici di una cucina a induzione è importante disporre anche di una tariffa vantaggiosa dell’energia elettrica.

Quali sono i legni migliori per fare una cucina?

La velocità durante la cottura

Un altro elemento fondamentale per scegliere un piano a induzione per la cucina è la velocità di cottura. Normalmente, una buona piastra a induzione non impiega più di 8 minuti per scaldare due litri d’acqua, ma ce ne sono alcune che riescono a ridurre persino questo tempo.

I regolatori di potenza

I piani di cottura a induzione sono caratterizzati spesso dai cosiddetti regolatori di potenza. È molto importante tenere in considerazione questo criterio per una scelta ottimale. La principale funzionalità dei regolatori è quella di regolare la potenza delle zone di cottura. Infatti, sui display appaiono delle indicazioni ben precise che aiutano a capire come gestire i consumi elettrici.

Top cucina ecosostenibili: la scelta di design ed ecologica che fa per te

La sicurezza dei piani a induzione

Scegliere un piano di cottura in base alla sua intrinseca sicurezza è un elemento fondamentale sia per i piani di cottura tradizionali che per quelli ad induzione. Ovviamente, questi ultimi sono meno problematici in quanto mancano gas e fiamme. E le fuoriuscite di metano non rappresentano una preoccupazione. Inoltre, nei piani a induzione è presente anche un dispositivo di sicurezza che blocca qualsiasi accensione causale e raffredda rapidamente la piastra dopo che la cottura è terminata.

L’estetica e l’eleganza dei piani di cottura a induzione

Un altro importante criterio per la scelta di un piano a induzione è dato dall’estetica. È bene preferire modelli che si inseriscano alla perfezione nell’arredamento e che si intonino, per colori e forme, alla cucina nel suo complesso. Oggi si trovano piani ad induzione di ogni tipo. Il loro design è essenziale e molto pulito, proprio per questo rappresenta la scelta ottimale per chi ha un arredamento minimal. Nel caso in cui, invece, l’arredamento sia diverso, si può optare per un piano dal design più complesso e sofisticato.

Come scegliere il piano a induzione per la cucina in una casa domotica
Come scegliere il piano a induzione per la cucina in una casa domotica – shutterstock foto di Dariusz Jarzabek

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Il mercato dei prodotti smart home è in crescita in Europa e anche l’utenza italiana dimostra di apprezzarli. A suggerirlo è un recente studio condotto tra aprile e maggio (2021) dalla società di ricerche Dynata per conto di Netatmo. Il 64% degli italiani tra i 22 e i 55 anni ha dichiarato di possedere almeno un prodotto smart home; l’utenza è a prevalenza maschile (69%)
  • Tra i dispositivi smart home più apprezzati dagli utenti italiani a farla da padrone è lo smart speaker: lo possiedono 6 italiani su 10. Seguono poi i prodotti per l’illuminazione smart, come luci interne ed esterne, e prese, in più anche elettrodomestici e dispositivi di sicurezza ”intelligente”.
  • Lo studio ricorda come il mercato della smart home abbia ricevuto una spinta a causa della pandemia. Pertanto, gli italiani hanno passato più tempo in casa e l’occasione è stata propizia per rinnovarla anche grazie all’impiego di dispositivi smart.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News