Legno MDF: cos’è, caratteristiche, impiego, pro e contro

L’MDF è una delle ultime soluzioni più innovative per quanto riguarda l’arredo per interno. Di seguito tutto quello che c’è da sapere tra caratteristiche, impiego, pro e contro del materiale MDF.

Questa particolare tipologia di legno si presenta come una valida alternativa al compensato. L’MDF viene utilizzato principalmente per la realizzazione di mobili o altri oggetti in legno. Ecco nello specifico di cosa si tratta e tutte le caratteristiche del legno MDF.

Cosa è l’MDF?

L’MDF è una particolare tipologia di legno. Si tratta, nello specifico, di un pannello di fibre finissime di legno, legate tra loro da collanti innovativi che lo rendono quasi completamente compatto. Tra i pannelli in fibra di legno, oltre all’MDF  che è sicuramente il più diffuso, fanno però parte anche i pannelli LDF e HDF. Le varie tipologie si differenziano per la densità concentrata all’interno delle fibre. MDF, infatti, è l’acronimo di Medium Density Fibreboard che in italiano si può tradurre letteralmente come “pannello di fibra a media densità”.

MDF

MDF: cos’è, caratteristiche, impiego, pro e contro – Foto Canva

Tutte le caratteristiche del legno MDF

Il legno MDF è perfetto per realizzare complementi d’arredo interni con finiture laccate, che siano opache, lucide o satinate. Come prima cosa, si tratta di un prodotto sostenibile e completamente riciclabile: derivato, infatti, dagli scarti di legname, l’MDF riduce in modo considerevole l’impatto ambientale e la deforestazione. L’MDF è un materiale resistente all’umidità e inoltre, durante il processo di lavorazione, è possibile aggiungere sostanze speciali capaci di conferirgli caratteristiche aggiuntive, tra le quali una maggiore resistenza all’apparizione di funghi e muffe. I pannelli MDF sono abbastanza compatti e uniformi: non presentano problemi durante il taglio e possono essere lavorati con facilità.
Si tratta di un buon conduttore termico e acustico e, infine, sempre grazie all’aggiunta di sostanze ignifughe, il materiale ha una buona resistenza al fuoco.

Legno lamellare: caratteristiche e applicazioni nell’arredamento

Pro e contro del legno MDF: ecco cosa sapere

Come ogni tipo di materiale,  l’MDF presenta diversi pro e contro nel suo utilizzo e nelle sue proprietà. Di seguito alcuni vantaggi e svantaggi del materiale, per un utilizzo più sicuro e cosciente. 

Vantaggi dei pannelli MDF

  • Facilità di lavorazione: grazie alla sua struttura realizzata con fibre di legno di piccole dimensioni, le operazioni di taglio o altro sono molto semplici da effettuare. Inoltre, si tratta di un materiale che non necessita l’utilizzo di particolari attrezzi per essere lavorato;
  • Superficie liscia: tale caratteristica rende il materiale ideale per l’utilizzo di vernici, lacche, pitture e fogli di rivestimento;
  • Adatto per l’utilizzo di colla e adesivo: grazie alla sua superficie liscia, l’MDF non ha problemi con lavorazioni che riguardano l’utilizzo di adesivo o colla;
  • Economico:  a differenza di altre tipologie di legno, l’MDF risulta essere meno costoso.

Svantaggi dei pannelli in MDF

  • Scarsa resistenza: il peso leggero diminuisce, di conseguenza, la resistenza del materiale;
  • Bassa resistenza all’acqua: i pannelli in legno MDF sono poco resistenti all’acqua, e questo li rende non idonei per l’arredamento esterno;
  • Tossicità nella lavorazione: poiché l’MDF è un prodotto realizzato con composti chimici tossici, è necessario, durante le varie operazioni, indossare sempre la mascherina e la protezione per gli occhi. Il lavoro, inoltre, è preferibile venga svolto in luoghi all’aperto e ariosi.
  • Bordi delicati: il materiale è abbastanza resistente ai colpi, tuttavia, i colpi ricevuti lungo i bordi e gli spigoli possono rovinare il pannello di MDF.

Impiego del legno MDF: per cosa può essere utilizzato?

In genere, l’MDF viene utilizzato per l’arredamento interno come, per esempio, per le pareti divisorie e i box degli ambienti open space, ma anche per i rivestimenti di vario genere. Il materiale MDF può sia essere lasciato allo stato grezzo, in modo da sfruttare tutte le sue proprietà, sia essere installato sotto forma di pannelli già verniciati. Il legno MDF può essere usato, inoltre, per la realizzazione di mobili, scatole, altri supporti di arredamento, tavoli e così via. In ambito principiante, l’MDF  viene anche usato come elemento decorativo, che sia per interi pannelli o per piccole mattonelle. Infine, il materiale può essere usato come base per vari lavori di decoupage.

Il marrone nell’arredamento: atmosfere accoglienti e naturali con le sfumature del legno

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Nel 2021, sono state esattamente 1.985.251 le tonnellate di legno riciclato. Si tratta di un incremento pari al 7,8% rispetto all’anno precedente. Inoltre è anche aumentata la percentuale degli imballaggi riciclati derivanti dal legno,  pari al 64,75%.
  • Secondo i dati ISTAT, in Italia,  il 21,4% delle famiglie fa uso di legna a fini energetici. In totale,  se ne consumano circa 17,7 milioni di tonnellate, dove il consumo medio di una singola famiglia è pari 3,2 tonnellate. L’utilizzo della legna risulta essere elevato, in modo particolare, nel Nord-est (25% di famiglie) e soprattutto nella provincia di Trento con il 47,4% di famiglie. Stesso discorso per il Centro che raggiunge una percentuale pari al 24,4%.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Share Post
Written by