6 errori d’arredo che fanno sembrare la casa disordinata

Condividi L'articolo su

Organizzare casa per evitare che sembri disordinata

Ci sono 6 errori d’arredo che fanno sembrare la casa disordinata. Organizzare la casa è un’attività che non ha mai fine e richiede un’attenzione particolare. Tuttavia, molto spesso nell’arredare l’angolo dei propri sogni, per esempio, si finisce per commettere alcuni errori che pregiudicano l’intera atmosfera della casa. Ecco quali sono.

6 errori d’arredo che fanno sembrare la casa disordinata

Nell’arredo di una casa, se c’è, è facile individuare dov’è il problema. Non importa quanto sia pulita, infatti, ci sono alcuni errori di stile che la fanno sembrare più disordinata. Tuttavia, grazie ad alcune piccole accortezze è semplice porvi rimedio.  

L’accumulo di scatole, borse e persino un numero eccessivo di specchi, per esempio, fa sì che la casa sia disordinata e assomigli ad un contenitore da pulire costantemente. Quindi, per avere una casa ben organizzata, funzionale, tranquilla e attraente ci sono 6 errori d’arredo da evitare.

Errori d'arredo

6 errori d’arredo che fanno sembrare la casa disordinata – shutterstock di Undrey

1. Disposizione dei mobili e scelta dei materiali: cosa evitare

In una piccola stanza, disporre i mobili tutti vicini crea un effetto di disordine. Così, come disporli in maniera distante se lo spazio è tanto. Infatti, entrambi i comportamenti rientrano nella categoria di arredamento sbagliato. Inoltre, anche mixare eccessivamente i materiali dei mobili e dei complementi d’arredo sovraccarica l’atmosfera, dando una sensazione finale di caos.

Il consiglio, prima di darsi ad uno shopping pazzo è quello di valutare con cura gli spazi, cercando di sfruttarne al massimo la loro funzionalità. Inoltre, è bene cercare di essere sobri evitando troppi materiali e stili. Già con queste piccole accortezze è possibile riuscire arredare una casa perfettamente ordinata. Ma non è finita!

2. La combinazione errata dei colori

Ci sono alcune combinazioni di colori che non funzionano affatto! Infatti, per arredare con armonia un ambiente è necessario scegliere una palette di colori da abbinare tra loro nel modo giusto.

Il consiglio, per evitare un’errata combinazione di colori, è quello di scegliere 3, 4 tonalità. Con la “Regola dei colori 60/30/10”, una delle regole principali alla base dell’interior design, non si sbaglia! Il tutto sta nell’abbinare 60% di colore principale neutro (bianco, grigio, sabbia…), 30% del colore secondario e 10% di tono più vivace per dare punti d’accento e profondità. Senza rispettare questa semplice regola l’effetto caos è assicurato. L’ideale è scegliere due toni neutri e completarli con uno, due colori più vivaci.

3. Disposizione sbagliata di quadri, foto, e specchi

Appendere quadri, foto e specchi alle pareti molto spesso viene fatto in maniera casuale. Ciò rappresenta un errore molto comune spesso sottovalutato.

Il consiglio è quello di creare dei gruppi di foto e quadri, specialmente se di piccole dimensioni, in modo da realizzare un maggior interesse visivo su una determinata porzione di parete.  In ogni caso, è bene fare una prova per valutarne gli ingombri e valorizzarle al meglio. Solo una volta trovato lo schema ideale si può pensare di appenderli.

Tendenze arredamento 2023

4. Accumulare troppi oggetti e non avere spazi vuoti su librerie e mensole

Accostare tanti oggetti di genere e tipo diverso, anche se perfettamente disposti crea disordine visivo. Pertanto, per evita la sensazione di soffocamento provocata dal vedere una casa piena di complementi d’arredo è bene lasciare spazi vuoti, evitando di riempire tutti gli spazi vuoti.

Ciò specialmente su librerie e mensole dove è bene eliminare tutte quelle cose inutili che non dovrebbero stare lì.

5. Scarsa illuminazione

Se una stanza è poco illuminata, l’occhio facendo fatica a definirne le proporzioni le forme, i veri colori e lo spazio vuoto la vede angusta e disordinata.

Se nell’ambiente manca una buona fonte di luce naturale, ci sono alcuni trucchi da mettere in pratica. Si può, per esempio, appendere uno specchio direttamente di fronte alla finestra o curare nei minimi particolari l’illuminazione artificiale.

Infatti, accostare lampade da terra e lampade da tavolo permette di avere fonti di luce da diversi, il che rendere l’ambiente più confortevole e meno disordinato.

6. Cavi a vista

Con l’avvento della tecnologia e il moltiplicarsi di dispositivi nelle abitazioni, anche i cavi che li collegano sono aumentati e spesso sono lasciati a vista. Ciò crea disordine, per questo è necessario gestirli in maniera efficace e discreta lasciandoli fuori dalla visuale. Magari in un armadio, dove si è predisposta una presa elettrica a cui attaccare una ciabatta.

Qualità Made in Italy per una casa di tendenza

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • A dicembre 2021 l’Istat ha registrato un aumento congiunturale per le vendite al dettaglio dello 0,9% in valore e dello 0,6% in volume. Sono in crescita sia le vendite dei beni alimentari (+1,7% in valore e +1,2% in volume) sia, in misura più contenuta, quelle dei beni non alimentari (+0,3% in valore e +0,2% in volume).
  • Tra i beni non alimentari, si registra una crescita tendenziale per quasi tutti i gruppi di prodotti, ad eccezione di elettrodomestici, radio, tv e registratori (-0,1%). Gli aumenti maggiori riguardano mobili, articoli tessili, arredamento (+26,1%), abbigliamento e pellicceria (+24,7%) e prodotti farmaceutici (+22,0%).

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su
Scritto da

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.