Quali sono le migliori pitture per interni? Guida alla scelta

Per scoprire insieme quali sono le migliori pitture per interni dobbiamo prima conoscere la distinzione tra le diverse tipologie di vernici presenti sul mercato.

Esistono diversi tipi di pittura per interni da scegliere in base all’ambiente che si deve imbiancare e allo stato delle pareti (se sono in buono stato o se presentano dei problemi, e il materiale di cui sono costituite).

Come abbinare le piante al colore delle pareti

Le diverse tipologie di pitture per interni

Le pitture murali

La pittura murale per interni è composta da acqua, resine, pigmenti e additivi (antimuffa, fungicidi) e per questo viene chiamata anche idropittura.

Tempera

La tempera è una soluzione economica perché povera di resine, è traspirante ma poco coprente. La tempera è ideale per dipingere ambienti di uso occasionale o di servizio, come i garage e le cantine.

Pittura traspirante

La pittura traspirante, come dice la parola stessa, permette alle pareti di permeare vapori e umidità. Dunque, è ideale per ambienti molto umidi e soggetti a formazione di condensa come bagni e cucine.

Pittura lavabile e superlavabile

Le pitture lavabili e superlavabili sono ricche di resine e pigmenti, per questo garantiscono un’ottima copertura e resistenza allo sporco e allo sfregamento.

Queste tipologie di pitture sono indicati per tutti gli ambienti della casa, in particolare il soggiorno, le camere da letto e i luoghi di passaggio.

La pittura lavabile e superlavabile è consigliata anche per bagni e cucine, se non sono eccessivamente umidi, perché consente di togliere lo sporco con un panno appena inumidito senza rimuovere la pittura.

Pitture smacchiabili e smalti murali

La pittura smacchiabile e gli smalti murali hanno un’ottima copertura e, una volta asciutto, forma un film dall’aspetto lucido, satinato o opaco.

Sono pitture molto lavabili, anche con detergenti, per questo motivo sono ideali per gli ambienti dove è necessaria la pulizia come negli asili, negli ambulatori medici e nelle sale d’aspetto. Spesso sono certificati HACCP.

Quali sono le migliori pitture per interni Guida alla scelta

Quali sono le migliori pitture per interni Guida alla scelta

Quale pittura scelgo? La distinzione per tipologia di ambiente da imbiancare

Le migliori pitture per interni per ogni stanza:

Abitazioni private con pareti e soffitti sani

Se le pareti della casa non hanno particolari problemi e sono in buono stato, è consigliato usare ogni tipo di pittura murale per rinnovare l’aspetto della stanza, eliminare lo sporco, e coprire vecchi colori.

Abitazioni private con pareti e soffitti con problemi

Per risolvere o prevenire problemi come muffa, condensa, macchie difficili o superfici sfarinanti occorrono delle pitture specifiche, che ti spieghiamo qua sotto.

Come scegliere le migliori pitture per interni adatte ai problemi specifici:

  • pittura antimuffa: contiene additivi biocidi e antivegetativi, previene e risolve la formazione di muffa causata da eccessiva umidità.
  • pittura anticondensa: isola e protegge dagli sbalzi termici. È indicata per tutti i muri perimetrali e per quelle stanze con elevata presenza di vapore, come bagni e cucine. Previene la formazione di muffe causate dallo sbalzo termico.
  • pittura per macchie difficili: copre le macchie tenaci come caffè, pennarelli, grafite, fumo o umidità.
  • pittura per superfici sfarinanti: la pittura 2 in 1 è una soluzione unica che comprende pittura e fondo di preparazione. Aiuta a consolidare i supporti vecchi che tendono a sfaldare.

Attività commerciali e ambienti pubblici o bioedilizia

Negli ambienti pubblici e commerciali è necessario usare pitture che rispondono a esigenze specifiche e alle normative richieste, come l’HACCP e REI.

Altre certificazioni, bio, ecolabel e VOC A+, sono attente alla Sostenibilità, nate per la salvaguardia dell’ambiente e della salute e sono ideali anche per le pareti di casa, soprattutto nelle camere da letto e nelle camerette.

Scegli una Pittura Sostenibile per pareti con la certificazione adatta all’ambiente da dipingere:

  • HACCP: per tutti gli ambienti dove si producono e vendono bevande e alimenti, come bar, ristoranti, negozi alimentari, Bed & Breakfast. È richiesta anche dove sono presenti dispositivi medicali e sanitari, come ambulatori e studi medici.
  • Bioedilizia: le pitture certificate per l’architettura in bioedilizia sono formulate con materie prime naturali, biodegradabili e biocompatibili.
  • REI: le pitture intumescenti, ovvero resistenti al fuoco, sono richieste in tutti i luoghi che devono rispondere a precise normative antifuoco, come gli alberghi, le scuole e gli uffici pubblici.
  • Ecolabel: è l’etichetta ecologica europea che certifica i prodotti che hanno un ridotto impatto ambientale lungo tutto il loro ciclo di vita. Le pitture Ecolabel hanno un’emissione molto bassa, o sono totalmente prive, di sostanze volatili nocive e irritanti, e per questo sono adatte per le camere di bambini e persone allergiche.
  • VOC A+: la certificazione VOC misura la quantità di composti organici volatili rilasciati da una pittura e le attribuisce una classe di merito (dalla più alta A+ alla più bassa C). Le pitture in classe A+ sono consigliate per le camere di bambini e persone allergiche.

Trend Colori 2022: come la Pandemia ha influenzato il mondo

L’importanza della finitura delle pitture

Anche la finitura è importante per l’aspetto delle pareti.

Le pitture con una finitura lucida e satinata sono più resistenti rispetto a quella con una finitura opaca, per questo sono più indicate nei luoghi con molto passaggio, corridoi e camere.

  • finitura opaca: maschera le imperfezioni della parete e le irregolarità dell’ambiente.
  • finitura lucida: riflette molto la luce e dona luminosità, mostra un po’ di più le imperfezioni della parete. È molto resistente.
  • finitura satinata: riflette leggermente la luce e dona un aspetto elegante.

Migliori pitture lavabili del 2021

A questo punto possiamo indirizzarvi verso l’acquisto della migliore pittura per interni.

Abbiamo scelto un brand che è particolarmente attento al rispetto dell’ambiente e della salute degli abitanti: MaxMeyer.

Si tratta di un’azienda leader nel settore delle vernici, MaxMeyer è sinonimo di affidabilità e garanzia nel risultato.

MaxMeyer, la pittura lavabile bianca, adatta a camere e soggiorno

MaxMeyer, la pittura lavabile bianca, adatta a camere e soggiorno

MaxMeyer, la pittura lavabile bianca, adatta a camere e soggiorno

La migliore è lei: Bianca di MaxMeyer.

Si tratta di una pittura con una super resa (per quanto riguarda il bidone da 4 litri arriva a 45 metri quadri).
Il bianco risulta piuttosto denso e non eccessivamente spesso, una volta data la prima mano.
Si tratta di una pittura già pronta all’uso, non è quindi necessaria la diluizione con acqua.

MaxMeyer, Idroppittura lavabile con tintura opaca

Passiamo a un altro prodotto dello stesso marchio che, questa volta, ci fornisce un bianco più opaco e con la specialità di essere antigoccia, perfetta per interni.

Anche la resa è buona, essendo indicati i 12 metri quadri per litro.
La colorazione fa sì che, con due passate, voi possiate coprire tutti i colori sottostanti; supponendo che voi vi vogliate sbarazzare di una colorazione, vi sarà utile questa pittura per coprirla definitivamente.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

Dipingere le pareti in modo green: pitture ecologiche

  • Secondo la legislazione Europea è stato introdotto il M. 16 gennaio 2004 n.44 che pone un limite alle emissioni di VOC legate all’uso di solventi organici. I VOC sono elementi caratterizzati dalla volatilità, ragion percui riescono velocemente a evaporare rimanendo però nell’aria domestica. Risultano pericolosi perché coniugati a uno scarso comfort termico provocano fenomeni fastidiosi quali emicrania, rossori, o, in casi limite, anche nausea. Per l’impatto ambientale sono nocivi perché contribuiscono alla produzione di rifiuti speciali, oltre all’inquinamento dell’aria. Tuttavia, è stato infatti stimato che in Italia vengono smaltite circa un milione di tonnellate di vernice.
  • Imbiancare è una delle operazioni che si compiono nel corso degli anni, per mantenere la casa in buono stato. La scelta del tipo di tinta è fondamentale per la riuscita dell’intervento di manutenzione della stanza. Scopri di più nel nostro approfondimento.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Particolarmente affascinata da tutto ciò che anticipa le mode, da qualche anno mi occupo di coolhunting. Sono specializzata in habitat e abitare. In Habitante trovo il mio posto perfetto nel mondo.