Perché si forma la polvere in casa?

La polvere è un elemento presente in tutte le case, inevitabilmente. Ma da cosa è composta e come si forma? Capire da cosa dipende è un passaggio fondamentale per capire come trattarla e “combatterla”.

Da cosa è composta la polvere

A volte ci chiediamo perché, anche se spolveriamo sovente i mobili troviamo costantemente, uno strato di polvere sulle superfici del nostro appartamento. Questo dipende prevalentemente dalla sua composizione. La polvere, infatti, è formata da minuscoli frammenti di sostanze disgregatesi da tutto ciò che è presente nell’ambiente. Qualsiasi elemento, artificiale e naturale, concorre quindi alla produzione di polvere.

perchè si forma la polvere in casa?

perchè si forma la polvere in casa? – fonte unsplash di austin ban

Quindi in base all’ambiente in cui si sviluppa contiene particelle differenti. Per questo motivo all’aria aperta sarà composta prevalentemente da sabbia, terra, pollini, frammenti di erbe, particelle di smog e di materie plastiche. Mentre quella domestica comprende piccole briciole di alimenti, muffe, cellule di sfaldamento umane, peli di animali domestici, feci di acari, particelle di detersivo, oltre al terriccio, alla sabbia e ai residui che ci portiamo addosso dall’esterno. Anche l’inquinamento, che entra in casa quando teniamo aperte le finestre, partecipa alla produzione e all’aumento di questa sostanza in casa.

Polvere e allergie

Il mix di elementi spiega anche perché l’allergia alla polvere non è la stessa per tutti. Spesso una persona che pensa di essere allergica genericamente alla polvere non sa che in realtà è semplicemente insofferente a una sola particella presente in essa. In quest’ottica si è sperimentato come in Norvegia, ad esempio, moltissime persone allergiche alla polvere siano in realtà risultate sensibili al merluzzo, che nel Paese viene conservato ed essiccato all’interno delle abitazioni.

Pulire casa in modo naturale: 6 prodotti per farlo!

Falsi miti: polvere, piante e riscaldamento

Anche se le piante sono spesso ricoperte da uno strato di polvere più resistente e spesso, questo non significa che ne siano la causa. Più semplicemente le piante aumentano l’umidità dell’ambiente in cui si trovano e conseguentemente portano le particelle presenti nell’aria a legarsi alle microscopiche molecole d’acqua. Quindi la polvere diventa più pesante e ricopre le foglie.

Analogamente anche l’idea diffusa che i termosifoni siano produttori di questo elemento rappresenta un falso mito. La polvere infatti si forma a prescindere dall’attivazione o meno del riscaldamento domestico. Il fatto che in inverno si percepisca maggiormente la sua presenza dipende unicamente dal fatto che, riscaldando l’aria, i corpi scaldanti mettono in circolo le particelle già presenti nelle stanze. La casa appare quindi maggiormente impolverata.

perchè si forma la polvere in casa?

perchè si forma la polvere in casa? – fonte unsplash di katie pearse

Spolverare: metodi utili e prodotti da evitare

Spesso si associa l’immagine delle pulizie a quella degli spolverini. Eppure togliere la polvere utilizzando un piumino può rivelarsi controproducente. In questo modo infatti le microparticelle grigie non vengono realmente rimosse ma solamente spostate. Spot pubblicitari a parte, il modo migliore per pulire mobili e oggetti dalla polvere è intrappolarla. Tra gli strumenti più idonei da utilizzare troviamo sicuramente gli stracci, meglio ancora se inumiditi o bagnati. Anche i tanto sponsorizzati panni in microfibra con azione elettrostatica sono ideali per trattare uno dei più temuti “nemici domestici”, in quanto tendono a catturarla senza graffiare le superfici.

Perché ho tanta polvere in casa? Motivi, rimedi e come eliminarla

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • L’Osservatorio di Assocasa, in collaborazione NielsenIQ, ha analizzato il comportamento degli italiani nei confronti delle pulizie a un anno dal primo lockdown (febbraio 2021). La ricerca ha evidenziato come il trend della cura della casa abbia raggiunti un aumento del 7%.
  • Guidano l’importante aumento delle vendite i coadiuvanti lavaggio (+8,2%) seguiti dai detergenti (+5,0%). Inoltre sono cresciuti a doppia cifra anche mercati maturi come il comparto stoviglie (+13,6%), pari a 61 milioni di euro, e le candeggine (+16.8%), pari a 32 milioni di euro, sostenuti probabilmente dalla maggior permanenza in casa dei consumatori e da una maggior attenzione alla pulizia.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Architetto e Art Curator. Curiosa e appassionata di tutto ciò che non conosce: ama rilassarsi con un buon libro, viaggiare alla scoperta di nuovi luoghi e, last but not least, visitare mostre e musei.