Raccontare il progetto: intervista a Nora Santonastaso

Raccontare il progetto d’interni tra social e fotografia

Nora Santonastaso, architetto e design blogger, progettista ed esperta ormai da alcuni anni racconta con il suo stile unico, il mondo del design e del progetto. Un punto di riferimento per coloro che cercano consigli ispirazioni suggerimenti sul mondo della casa. Siano essi degli addetti ai lavori che appassionati della materia.

Tendenze Colori Casa 2023: i trend dell’arredamento post Covid

Come hai iniziato il tuo percorso come comunicatore nel campo del design e dell’interior design?

Il mio percorso di racconto del design italiano e internazionale è iniziato sulla scia di una passione che risale ai tempi del liceo: quella della scrittura. Ho sempre fatto ricerca nell’ambito della mia professione di architetto, aggiornandomi sulle tendenze sia attraverso la lettura di testate di settore, sia grazie alla visita di fiere e manifestazioni. A un certo punto ho sentito il bisogno di mettere nero su bianco le mie scoperte e, allo stesso tempo, di scrivere di cose belle, e così è nato il mio blog design outfit. Il primo post porta la data del 22 febbraio 2013, quindi manca poco al decimo compleanno!

Quanto porti della tua formazione e professione di architetto in quello che raccolti ai tuoi lettori?

Credo di non fare l’architetto, ma di esserlo, nella mia natura più intima e profonda. Quando ci si occupa di qualcosa di creativo è impossibile scinderlo dalla parte privata della propria vita, a mio parere. Anche in vacanza non smetto di studiare lo spazio, la luce, i materiali. Raccontare quello che amo viene come naturale conseguenza di questo legame inscindibile tra professione e tempo libero.

Sul tuo blog si parla spesso di casa su misura, ma esiste secondo te uno stile nell’interior design che potrebbe calzare bene a tutti?

Forse la mia risposta potrà risultare impopolare, ma è di certo negativa. La casa è lo spazio che più di tutti deve calzare a pennello alla persona che la abita. Nella definizione di un progetto di ristrutturazione e di interior design conta dunque moltissimo il fattore personale, oltre che i dati di contesto ed epoca dell’edificio originario, così come la luce naturale, i colori e i materiali del luogo.

Raccontare il progetto

Raccontare il progetto intervista a Nora Santonastaso – crediti: Edi Solari per concessione Nora Santonastaso

Come vedi cambiato il mondo della comunicazione oggi rispetto a quanto hai iniziato?

È cambiato tutto! Se prima il design e l’architettura potevano essere, sui social, l’oggetto di un racconto sviluppato per sola passione, ora, su questo racconto, è possibile costruire una vera e propria professione. Principale o parallela a quella più tradizionale e consolidata dell’architetto. Molte aziende del settore sono interessate a promuoversi, comunicando su blog e account social specializzati e di alta qualità. Questo fa sì che le dinamiche cambino rapidamente e che si sviluppino di volta in volta nuove strategie di racconto e condivisione.

La fotografia ha un ruolo importante nel tuo modo di comunicare il design, interior e viaggi che rapporto hai con questo mezzo?

La fotografia svolge un ruolo complementare importantissimo! Proprio ora, mentre sto rispondendo alla domanda, sto pensando a come organizzarmi per un servizio fotografico che devo fare a Roma, la mia città, a corredo di un articolo per una testata a cui tengo molto. Gli scatti sono utili per dare sostanza e immediatezza al racconto. E aiutano anche me a capire se quello che scrivo sta andando nella direzione giusta o meno. A volte, anzi, arrivano prima le fotografie e poi lo scritto e, una volta insieme, si completano a vicenda.

Quando sono importanti i Social nel tuo lavoro? Esiste un tuo Social preferito e perché?

I social sono importantissimi per raccontare il mio lavoro perché lo rendono comprensibile e “a portata di mano” anche per chi non è del settore ma semplicemente interessato alle tematiche del design e dell’architettura per motivi diversi. Può darsi, per esempio, che l’interesse nasca a seguito della necessità di prendere informazioni prima della ristrutturazione o del restyling della propria casa. Attualmente la piattaforma social che curo di più, pubblicando contenuti giornalmente, è Instagram. Conto però di riprendere presto in mano anche Pinterest. Normalmente lo uso soltanto per motivi di ricerca e invece, genera moltissimo traffico e interesse di follower/lettori.

Nei tuoi progetti così come nelle collaborazioni con brand di design quali sono gli aspetti fondamentali che cerchi di comunicare a chi ti segue?

Cerco soprattutto di essere coerente, pulita e sincera nel racconto. Solo attraverso questo approccio la comunicazione può risultare efficace e coinvolgente. Perché si sviluppa in linea con i miei valori e il mio approccio alla professione di architetto. Quando un brand mi chiede di raccontare un progetto, un prodotto o un evento cerco sempre di darne una lettura immediata e semplice, pur tenendo conto delle complessità alla base. La cosa più difficile, anzi, è tradurre le complessità in qualcosa di approcciabile e condivisibile anche con i non esperti del settore. 

Tendenze arredamento 2023

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Stando alla nella ricerca Design Economy 2022 di Fondazione Symbola il settore Design conta 30.000 imprese attive. Esse hanno generato nel 2020 un valore aggiunto pari a 2,5 miliardi di euro con 61 mila occupati.
  • Sempre secondo la Design Economy 2022 di Fondazione Symbola le imprese si distribuiscono su tutto il territorio nazionale, con una particolare concentrazione nelle aree di specializzazione del Made in Italy e nelle regioni Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Share Post