Quanti Paesi ci sono nel mondo?

I Paesi, ovvero gli Stati che ci sono nel mondo, in totale sono 208. Di questi, 196 sono riconosciuti a livello internazionale come sovrani e gli altri 12 sono Stati semi-riconosciuti o non riconosciuti.

Donne single nel mondo: la classifica dei paesi

Quanti Paesi ci sono nel mondo?

In totale ci sono 208 Paesi nel mondo; 193 Stati dei quali sono membri dell’ONU, lo stato del Taiwan è un ex membro dell’ONU e la Palestina e la Città del Vaticano sono osservatori permanenti dell’ONU. Degli altri 12 Stati non riconosciuti o semi-riconosciuti 5 sono i Paesi con riconoscimento parziale o minoritario: Abcasia, Cipro del Nord, Kosovo, Ossezia del Sud, Sahara Occidentale). Altri 5 Paesi sono senza riconoscimento di membro ONU, di cui Artsakh, Repubblica Popolare di Doneck, Repubblica di Lugansk, Somaliland, Transnistria). Altri 2 Stati sono in libera associazione con la Nuova Zelanda, di cui Isole Cook e Niue.

Abitazioni nel mondo: 10 case tipiche

Ecco quali sono gli Stati membri ONU

Ecco un loro prospetto in ordine alfabetico (ordinabile anche per data) che ne indica la data d’ingresso ufficiale nell’organizzazione.

Afghanistan 19 novembre 1946

Albania 14 dicembre 1955

Algeria  8 ottobre 1962

Andorra    28 luglio 1993

Angola  1º dicembre 1976

Antigua e Barbuda  11 novembre 1981

Arabia Saudita  24 ottobre 1945

Argentina   24 ottobre 1945

Armenia     2 marzo 1992

Australia 1º novembre 1945

Austria  14 dicembre 1955

Azerbaigian    2 marzo 1992

Bahamas   18 settembre 1973

Bahrein       21 settembre 1971

Bangladesh  17 settembre 1974

Barbados    9 dicembre 1966

Belgio    27 dicembre 1945

Belize   25 settembre 1981

Benin  20 settembre 1960          allora chiamato Dahomey; ha assunto il nome attuale il 30 novembre 1974

Bhutan  21 settembre 1971

Bielorussia  24 ottobre 1945               data riferita alla RSS Bielorussa, con il nome attuale dal 19 settembre 1991

Birmania      19 aprile 1948

Bolivia    14 novembre 1945

Bosnia ed Erzegovina     22 maggio 1992                parte dell’ONU come Jugoslavia dal 24 ottobre 1945

Botswana  17 ottobre 1966

Brasile 24 ottobre 1945

Brunei  21 settembre 1984

Bulgaria  14 dicembre 1955

Burkina Faso      20 settembre 1960         dal 1960 al 1984 Alto Volta

Burundi         18 settembre 1962

Cambogia  14 dicembre 1955

Camerun    20 settembre 1960

Canada 9 novembre 1945

Capo Verde            16 settembre 1975

Ciad          20 settembre 1960

Cile         24 ottobre 1945

Cina        24 ottobre 1945

Cipro     20 settembre 1960

Colombia         5 novembre 1945

Comore            12 novembre 1975

Corea del Nord  17 settembre 1991

Corea del Sud      17 settembre 1991

Costa d’Avorio     20 settembre 1960

Costa Rica    2 novembre 1945

Croazia 22 maggio 1992                parte dell’ONU come Jugoslavia dal 24 ottobre 1945

Cuba          24 ottobre 1945

Danimarca   24 ottobre 1945

Dominica          18 dicembre 1978

Ecuador           21 dicembre 1945

Egitto        24 ottobre 1945                membro comune con la Siria dal 21 febbraio 1958 al 13 ottobre 1961, con il nome attuale dal 2 settembre 1971

El Salvador    24 ottobre 1945

Emirati Arabi Uniti      9 dicembre 1971

Eritrea   28 maggio 1993

Estonia   17 settembre 1991

Etiopia  13 novembre 1945

Figi   13 ottobre 1970

Quanti sono i Paesi europei? Ecco gli Stati dell’Unione Europea

Filippine             24 ottobre 1945

Finlandia           14 dicembre 1955

Francia  24 ottobre 1945

Gabon   20 settembre 1960

Gambia         21 settembre 1965

Georgia            31 luglio 1992

Germania   18 settembre 1973         allora due stati: Germania Ovest (Repubblica Federale di Germania) e Germania Est (Repubblica Democratica Tedesca) riuniti come un solo membro dal 3 ottobre 1990

Ghana      8 marzo 1957

Giamaica       18 settembre 1962

Giappone       18 dicembre 1956

Gibuti   20 settembre 1977

Giordania    14 dicembre 1955

Grecia      25 ottobre 1945

Grenada        17 settembre 1974

Guatemala    21 novembre 1945

Guinea Equatoriale    12 novembre 1968

Guinea  12 dicembre 1958

Guinea-Bissau      17 settembre 1974

Guyana         20 settembre 1966

Haiti          24 ottobre 1945

Honduras        17 dicembre 1945

India      30 ottobre 1945

Indonesia        28 settembre 1950         con una sospensione dal 20 gennaio 1965 al 28 settembre 1966

Iran           24 ottobre 1945

Iraq        21 dicembre 1945

Irlanda 14 dicembre 1955

Islanda  19 novembre 1946

Isole Marshall    17 settembre 1991

Isole Salomone    19 settembre 1978

Israele   11 maggio 1949

Italia     14 dicembre 1955

Kazakistan     2 marzo 1992

Kenya      16 dicembre 1963

Kirghizistan 2 marzo 1992

Kiribati 14 settembre 1999

Kuwait  14 maggio 1963

Laos           14 dicembre 1955

Lesotho            17 ottobre 1966

Lettonia        17 settembre 1991

Libano   24 ottobre 1945

Liberia   2 novembre 1945

Libia          14 dicembre 1955            allora chiamato Regno Unito di Libia

Liechtenstein         18 settembre 1990

Lituania            17 settembre 1991

Lussemburgo         24 ottobre 1945

Macedonia del Nord            8 aprile 1993      parte dell’ONU come Jugoslavia dal 24 ottobre 1945

Madagascar         20 settembre 1960

Quanti sono gli abitanti nel mondo? Scopriamo insieme la popolazione attuale

Malawi 1º dicembre 1964

Malaysia           17 settembre 1957         come Federazione della Malesia

Maldive            21 settembre 1965

Mali          28 settembre 1960

Malta     1º dicembre 1964

Marocco           12 novembre 1956

Mauritania   27 ottobre 1961

Mauritius     24 aprile 1968

Messico          7 novembre 1945

Micronesia Stati Federati di Micronesia 17 settembre 1991

Moldavia        2 marzo 1992

Monaco            28 maggio 1993

Mongolia       27 ottobre 1961

Montenegro      28 giugno 2006 parte dell’ONU come Jugoslavia dal 24 ottobre 1945

Mozambico            16 settembre 1975

Namibia             23 aprile 1990

Nauru    14 settembre 1999

Nepal      14 dicembre 1955

Nicaragua      24 ottobre 1945

Niger      20 settembre 1960

Nigeria  7 ottobre 1960

Norvegia           27 novembre 1945

Nuova Zelanda  24 ottobre 1945

Oman     7 ottobre 1971

Paesi Bassi   10 dicembre 1945

Pakistan          30 settembre 1947

Palau       15 dicembre 1994

Panama          13 novembre 1945

Papua Nuova Guinea        10 ottobre 1975

Paraguay     24 ottobre 1945

Perù       31 ottobre 1945

Polonia  24 ottobre 1945

Portogallo    14 dicembre 1955

Qatar     21 settembre 1971

RD del Congo         20 settembre 1960         allora chiamato Congo (Leopoldville), poi Zaire (dal 27 ottobre 1971 al 17 maggio 1997)

Regno Unito        24 ottobre 1945

Rep. Ceca     19 gennaio 1993               parte dell’ONU come Cecoslovacchia dal 24 ottobre 1945

Rep. Centrafricana   20 settembre 1960

Rep. del Cong  20 settembre 1960         allora chiamato Congo (Brazzaville)

Rep. Dominicana           24 ottobre 1945

Romania         14 dicembre 1955

Ruanda  18 settembre 1962

Russia    24 ottobre 1945                come Unione Sovietica, con il nome attuale dal 24 dicembre 1991

Saint Kitts e Nevis      23 settembre 1983          allora chiamato Saint Christopher e Nevis

Saint Lucia 18 settembre 1979

Saint Vincent e Grenadine    16 settembre 1980

Samoa    15 dicembre 1976

San Marino  2 marzo 1992

São Tomé e Príncipe       16 settembre 1975

Senegal           28 settembre 1960

Serbia     1º novembre 2000          parte dell’ONU come Jugoslavia dal 24 ottobre 1945

Seychelles   21 settembre 1976

Sierra Leone        27 settembre 1961

Singapore     21 settembre 1965         come stato indipendente, ma parte dell’ONU come Malaysia dal 16 settembre 1963

Siria        24 ottobre 1945                membro comune con l’Egitto dal 21 febbraio 1958 al 13 ottobre 1961

Slovacchia   19 gennaio 1993               parte dell’ONU come Cecoslovacchia dal 24 ottobre 1945

Slovenia             22 maggio 1992                parte dell’ONU come Jugoslavia dal 24 ottobre 1945

Somalia         20 settembre 1960

Spagna  14 dicembre 1955

Sri Lanka         14 dicembre 1955            allora chiamato Ceylon; con il nome attuale dal 19 settembre 1991

Stati Uniti  24 ottobre 1945

Sudafrica       7 novembre 1945

Sudan del Sud     14 luglio 2011    parte dell’ONU come Sudan dal 12 novembre 1956

Sudan   12 novembre 1956

Suriname       4 dicembre 1975

Svezia   19 novembre 1946

Svizzera            10 settembre 2002

Swaziland     24 settembre 1968

Tagikistan       2 marzo 1992

Tanzania        14 dicembre 1961            con il nome Tanganika; anche Zanzibar faceva parte dell’ONU dal 16 dicembre 1963; l’unificazione dei due paesi è del 26 aprile 1964

Thailandia    16 dicembre 1946            con il nome di Siam; ha preso il nome attuale l’11 maggio 1949

Timor Est     27 settembre 2002

Togo   20 settembre 1960

Tonga      14 settembre 1999

Trinidad e Tobago      18 settembre 1962

Tunisia 12 novembre 1956

Turchia 24 ottobre 1945

Turkmenistan       2 marzo 1992

Tuvalu    5 settembre 2000

Ucraina                24 ottobre 1945               data riferita alla RSS Ucraina, con il nome attuale dal 1º dicembre 1991

Uganda      25 ottobre 1962

Ungheria    14 dicembre 1955

Uruguay     18 dicembre 1945

Uzbekistan  2 marzo 1992

Vanuatu        15 settembre 1981

Venezuela    15 novembre 1945

Vietnam       20 settembre 1977

Yemen   30 settembre 1947

Zambia  1º dicembre 1964

Zimbabwe   25 agosto 1980

Ma che cos’è l’ONU?

L’Organizzazione delle Nazioni Unite, in sigla ONU (United Nations, in sigla UN in inglese), abbreviata in Nazioni Unite, è un’organizzazione intergovernativa a carattere internazionale. Tra i suoi obiettivi principali vi sono il mantenimento della pace e della sicurezza mondiale, lo sviluppo di relazioni amichevoli tra le nazioni, il perseguimento di una cooperazione internazionale e di favorire l’armonizzare delle varie azioni compiute dai suoi membri. L’ONU è l’organizzazione intergovernativa più grande, più conosciuta, più rappresentata a livello internazionale e più potente al mondo. Ha sede sul territorio internazionale a New York, mentre altri uffici principali si trovano a Ginevra, Nairobi, Vienna e L’Aia.

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

La Santa Sede ha lo status di Osservatore Permanente per la Città del Vaticano come Stato non membro. Medesimo status è stato concesso allo Stato di Palestina con la Risoluzione 67/19 adottata il 29 novembre 2012. Lo SMOM ha ottenuto lo status di “membro osservatore” dell’assemblea generale il 24 agosto 1994.

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA