Oltre lo specchio: idee per ricavare uno spazio lavanderia in bagno

Ricavare uno spazio lavanderia in bagno può essere una scelta oppure una necessità. Tutto dipende dai metri quadrati disponibili. Vediamo insieme le soluzioni possibili per far convivere al meglio questi due ambienti funzionali.

Quando ricavare uno spazio lavanderia in bagno

Non tutti hanno la possibilità di destinare una intera stanza a locale lavanderia. Infatti nella maggior parte dei casi, questo spazio deve essere ricavato creando un angolo dedicato, sottraendo metri quadrati ad altri ambienti o integrato in altre stanze, come la cucina o ancora meglio in bagno. Una scelta che affiancata ad una buona progettazione, può facilmente risultare bella e pratica assicurando la possibilità di svolgere sia le attività legate al bagno che quelle della lavanderia.

Spesso la lavatrice viene lasciata a vista, il mercato propone tanti modelli, con cestello o carica dall’alto, con questi ultimi esteticamente più discreti.

Ma non sempre l’elettrodomestico può apparire bello da vedere e inserirlo nel bagno, potrebbe andare a discapito dell’estetica della stanza. Per questo motivo, può essere utile riorganizzare e riunire le funzioni lavanderia, realizzando ad esempio una parete attrezzata comoda e funzionale.

Come creare e arredare una parete attrezzata

Lo spazio utile per integrare la zona lavanderia in bagno

Come per tutti gli elettrodomestici anche per la lavatrici, gran parte delle misure sono standard. L’altezza è sempre 85 cm e la larghezza varia tra i 59,5 e i 60 cm per qualsiasi modello. Quello che cambia è la profondità: i modelli meno ingombranti occupano circa 45 cm di profondità, mentre quelli più capienti, per carichi fino a 9 kg, arrivano a 64 cm, oblò incluso. Mentre le mini-lavatrici possono essere profonde anche solo 33 cm. 

Occorre però tenere conto anche dello spazio necessario per lo scarico, il quale se posizionato dietro la macchina ha bisogno di almeno 10 cm. Se invece è laterale la lavatrice può essere posta più aderente alla parete. Da considerare è anche lo spazio per l’apertura dell’oblò, che dovrebbe stare sempre semi aperto, per evitare problemi di umidità interna.

Questo vale per la lavatrice lasciata a vista, ma se si opta invece per una soluzione a scomparsa, bisogna considerare qualche centimetro in più per schiena, fianchi e ante del mobile. 

ricavare uno spazio lavanderia in bagno creando una soluzione a scomparsa

Idee per ricavare uno spazio lavanderia in bagno – Shutterstock Di Dariusz Jarzabek

Come progettare la lavanderia nel bagno di casa

Introdurre nella stanza da bagno la lavatrice, non significa rinunciare ad un ambiente bello da vedere. La progettazione di questo spazio, dipende molto dai metri quadrati a disposizione.

Quando è possibile, ad esempio nei bagni lunghi e stretti, può risultare interessante sfruttare un antibagno e recuperare questo spazio inutilizzato. In questo modo il bagno avrà le sue dimensioni originali. Nell’antibagno invece si potrà allestire la lavanderia o disporre una parete in cui posizionare lavatrice e asciugatrice. Anche impilando i due elettrodomestici a colonna, sfruttando così lo spazio in altezza. Forse la lavanderia non sarà grande ma sarà comunque ben organizzata.

Se l’antibagno non è sfruttabile, la lavatrice va posizionata nel bagno e ancora una volta occorre pianificare lo spazio in funzione della planimetria.

Nei bagni lunghi e stretti, i sanitari sono generalmente posti in linea su una parete. Per creare la lavanderia viene quindi suggerito di scegliere una soluzione parallela, dividere il locale accorciandolo e inserire un armadio. Oppure, anche in questo caso, creare un vano con parete in cartongesso da chiudere poi con una porta scorrevole.

In alternativa se si tratta di un bagno piccolo, si può anche qui, impilare lavatrice ed asciugatrice e disporle a fianco della doccia, facendo realizzare un mobile colonna con eventuali pensili laterali. Se la planimetria del bagno è quadrata, lo spazio si può sfruttare meglio. Ad esempio creando una parete attrezzata nella prima parte del locale, opposta al lavabo, realizzando uno spazio adatto per un armadio in cui inserire tutto il necessario.

Oltre lo specchio: ristrutturare un bagno stretto e lungo

Gli accessori per allestire la lavanderia in bagno

Nella zona lavanderia oltre allo spazio per la lavatrice (e talvolta anche per l’asciugatrice) è utile pensare anche ad altri accessori pratici. Come il lavatoio per gestire i capi delicati o il cesto per i panni da lavare. 

Se si è scelto di realizzare una lavanderia invisibile, è bene invece pensare ad un mobile dotato di ante richiudibili, cassetti organizzati e pratici cestelli. Magari all’interno di una colonna, dotata di un sistema a estrazione o basculante. Un mobile in cui nascondere tutto, anche il cesto dei panni da lavare e un cassetto o una mensola per i detersivi,

Un mobile che va pensato in funzione delle vostre abitudini e di come questo spazio verrà vissuto. 

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu? 

  • Un sondaggio a campione condotto dall’Osservatorio sulla Casa ha rivelato che tra coloro che nel 2019 hanno effettuato dei lavori in casa solo il 5% di questi ha interessato il locale lavanderia, facendo figurare questa stanza solo al penultimo posto davanti al locale mansarda. 
  • Sempre un sondaggio a campione, condotto dall’Osservatorio sulla Casa ha chiesto a un gruppo di utenti i motivi per cui non avessero ancora effettuato intervento di ristrutturazione nella propria casa. Le risposte hanno rivelato che per il 58% la casa non necessita di interventi, mentre per il 31% la ragione è da riscontrare nella mancanza di budget mentre per il 6% il motivo è la mancanza di tempo infine altre ragioni per il restante 5%.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it