Turismo: il 39% degli italiani preferisce un alloggio immerso nel verde

Turismo: italiani più sostenibili

Sostenibilità e contatto con la natura sono i concetti su cui oggi gli italiani basano le proprie vacanze. Il turismo così cambia faccia. Le vacanze non sono più solo fatte di relax da dedicare a se stessi bensì un modo per avvicinarsi alla natura attraverso una rinnovata sensibilità ambientale.

Vacanze estive in montagna: pro e contro

Turismo: il 39% degli italiani preferisce un alloggio nel verde

Le diverse richieste dei turisti stanno modificando il mercato legato al turismo e di conseguenza il settore economico ad esso collegato. Cresce l’interesse verso esperienze di viaggio dinamiche e più sensibili all’ambiente. Difatti secondo i dati ottenuti da un sondaggio condotto dalla piattaforma PiratinViaggio, che ha coinvolto 6.000 utenti, emerge che per il 39% degli italiani l’alloggio ideale è completamente immerso nel verde. Si evince così una preferenza per agriturismi, campeggi, sistemazioni ecosostenibili o soggiorni originali tra cui case sull’albero e glamping.

Dal medesimo sondaggio è risultato, inoltre, che il 25% degli intervistati è interessato in particolare alle vacanze a contatto con la natura. Questa percentuale sale fino al 29% per la fascia d’età che va dai 18 ai 34 anni. La maggior inclinazione dei più giovani verso soluzioni di viaggio green è confermata dal fatto che la Generazione Z, ovvero i giovani nati tra il 1995 e il 2010, sia la fascia d’età che è maggiormente interessata alle proposte legate alle vacanze più sostenibili. Queste vengono difatti scelte con il 17% delle preferenze. Si tratta di una tipologia di esperienza che unisce in realtà generazioni molto distanti tra di loro poiché secondo il sondaggio anche gli over 65 hanno registrato la medesima percentuale. Mentre la percentuale media nazionale si attesta al 14%, che comunque conferma la crescita del nuovo trend legato al turismo green.

Le iniziative sostenibili nel mondo: ecoturismo e vacanze ecologiche

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Secondo i dati elaborati dall’Istituto Nazionale di Statistica e da istituti demoscopici è emersa un’inversione di tendenza dovuta alla pandemia di Covid-19. Già nel 2020 le persone hanno preferito per il 90,9% rimanere in Italia, spostandosi in regioni diverse dalla residenza. Il crollo dei viaggi all’estero ha determinato di conseguenza un utilizzo maggiore dell’auto. Questa difatti è stata scelta come mezzo di trasporto dal 73,9% degli italiani e ha comportato un 50% in meno degli spostamenti in aereo.
  • La preferenza a rimanere in Italia è stata confermata anche nel 2021 con un 63,6% dei vacanzieri che si recherà fuori dalla regione di residenza ma dento ai confini nazionali. Il 33% degli italiani è invece rimasto nella propria regione e solo il 6,2% di essi ha scelto l’estero come meta per le proprie vacanze.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Biologa