Parco eolico a New York: la città si accenderà con il vento

Ci vorrà ancora un anno per vedere realizzato il parco eolico offshore di New York, progetto che prenderà vita nel 2023. Sarà il vento a donare energia pulita e rinnovabile per la grande mela, un’impresa titanica ma decisamente innovativa. Il parco eolico a New York, la città si accenderà con il vento sarà qualcosa di molto vicino al concetto di futuro e sconvolgerà ciò che si è sempre pensato della città metropolitana.

Danimarca, un’isola artificiale produrrà energia rinnovabile per 3 milioni di famiglie

Obiettivi del parco eolico di New York

L’approvazione del progetto arriva proprio dall’amministrazione americana attuale, l’amministrazione Biden. Il progetto “Green Deal” prevede non solo il parco eolico a New York, ma anche la costruzione di fattorie eoliche che saranno presenti nella costiera dell’Atlantico. I principali obbiettivi sono i seguenti:

  1. La raccolta dell’energia eolica è fondamentale se l’America vuole ridurre la CO2 che deriva dall’energia fossile.
  2. Tutte le centrali offshore in programma saranno costruite nelle acque fiancheggiano le coste più ricche dello stato.
  3. Hanno intenzione di utilizzare uno dei doni principali di cui il paese gode: il vento.
  4. Il progetto comprende un’installazione a Long Island e anche nell’isola gemella di Martha’s Vineyard, il vero gioiello della classe progressista americana.

Prima volta per una zona metropolitana

È un progetto che sa di futuro e indubbiamente è la prima volta nella storia americana in cui  si trova coinvolta una città metropolitana come quella di New York, in un progetto tutto green. La porzione territoriale degli Stati Uniti è potenzialmente in grado di produrre 10.459 GW (Gigawatts), un numero che è pari a nove volte il fabbisogno energetico dello stato. Questo progetto darà il via a molti investimenti nel settore, per via del fatto che è la prima volta che vediamo coinvolta una città di questo tipo. L’amministrazione Biden ha intenzione di espandere la risorsa naturale al 20% del fabbisogno nazionale. Ma questo non è l’unico progetto che l’amministrazione ha in serbo. Prima dell’arrivo di Biden, ci sono stati diversi timori a riguardo. Per via del fatto che molti uccelli sarebbero morti nelle pale dei mulini, e anche perché il rumore delle pale avrebbe creato disagio ai cittadini. Ma alla fine una parte più razionale ha approvato il progetto.

Il Parco tra i cittadini: il nuovo progetto di riqualificazione urbanistica a Somma Vesuviana

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • La New York City Economic Development Corporation (NYCEDC) e il sindaco Bill de Blasio hanno presentato un piano da 191 milioni di dollari (163 milioni di euro) per rendere New York City una destinazione leader per l’industria eolica offshore. Il piano 15 anni di Offshore Wind Vision (OSW) mira a mettere la città su un percorso per creare oltre 13.000 posti di lavoro e generare 1,3 miliardi di dollari in investimenti medi annui.
  • Il parco nazionale più visitato al mondo è il Great Smoky Mountains National Park in North Carolina e Tennessee, con oltre 12 milioni di visitatori all’anno. Comprende 211.415 ettari (522.419 acri), che la rendono una delle aree protette più grandi degli Stati Uniti orientali. Il parco è stato designato come sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1983 e Riserva internazionale della biosfera nel 1988.
  • Hyde Park è uno dei parchi più grandi di Londra e uno dei parchi reali. Creato nel 1536 da Enrico VIII per la caccia. Nel 1536 il re Enrico VIII confiscò Hyde Park ai monaci dell’Abbazia di Westminster. Era usato principalmente per la caccia. Re Carlo I aprì il parco al pubblico nel 1637. L’attuale disposizione del parco è stata progettata dall’architetto Decimus Burton nel 1825. Con una superficie di 142 ettari (350 acri) e oltre 4.000 alberi, un grande lago, un prato e giardini fioriti ornamentali è uno dei più grandi parchi cittadini del mondo.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it