Dati casa smart: gli italiani hanno speso il 20% in più in un anno

Nuovi dati casa smart: secondo le rilevazioni di GFK, nel 2020 i dispositivi smart per la casa sono aumentati del 24% per un valore di 28 miliardi di dollari. L’aumento della spesa italiana a famiglia è stato di oltre il 17%.

Casa smart: impianto elettrico intelligente e sempre connesso

I dati casa smart della ricerca sui consumi

Tra le spese più importanti per le famiglie in lockdown ci sono state quelle destinate alle più diverse tecnologie domestiche. È stata individuata una crescita rilevante in particolare per:

  • gaming,
  • assistenti vocali,
  • pc e tablet,
  • piccoli elettrodomestici per la pulizia,
  • cucina.

inoltre, grazie al bonus domotica per l’efficienza energetica, ne hanno beneficiato o ne beneficeranno anche caldaie, termostati e climatizzatori. Oltre alla crescita di tantissimi apparecchi connessi, intelligenti e digitali rimane sempre al primo posto la security, che ha visto crescere soprattutto l’utilizzo di telecamere e l’impiego di un centro di vigilanza.

dati smart home - casa di domani

Dati casa smart: gli italiani hanno speso il 20% in più in un anno – Shutterstock1505061968 di pozitivo

I dati della ricerca di GFK

Secondo la ricerca GFK sulla smart home, durante il 2020 il segmento dei dispositivi smart per la casa è aumentato del +24%, per un valore di circa 28 miliardi di dollari nei 7 principali mercati europei.

In particolare, l’aumento della spesa delle famiglie italiane per una casa smart è stato di oltre il 17%. I trend di crescita di questi comparti risultano abbastanza omogenei e quello italiano segue bene questo andamento, soprattutto perché la pandemia globale ha costretto tutti a un lockdown totale che ha determinato, trend e previsioni d’acquisto convergenti rispetto a prima e, in generale, nella storia delle vendite di beni di consumo.

Il 52% dei consumatori italiani è convinto – in base alla ricerca GFK – che nei prossimi 2-3 anni le tecnologie digitali avranno un impatto assolutamente positivo sulla propria abitazione.

Il futuro della casa intelligente

Secondo GFK, che ha rilevato l’ostilità da parte di una particolare fascia di utenti ancora in difficoltà con le tecnologie digitali, è necessario che vangano spiegati in maniera più semplice quali sono i vantaggi e l’accessibilità delle tecnologie intelligenti per la casa.

Molti, infatti, in Italia e non solo, non sanno che si tratta di dispositivi, servizi e impianti sempre più importanti all’interno della casa e che rientrano quasi tutti nella sfera di agevolazioni fiscali e finanziamenti speciali che avranno luce anche nel 2021.

Casa Smart: la casa di domani costa meno di 500 euro

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Un dato interessante che emerge dalla ricerca è il seguente: i più favorevoli a un approccio smart sono i Millennial italiani che hanno speso più degli altri per apparecchi e servizi di casa intelligente. 1 su 4 ha proprio dichiarato di voler incrementare gli investimenti nel rendere l’abitazione più confortevole, più sicura e soprattutto più “sana”.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it