Covid, oggi la decisione sulle nuove regioni arancioni e rosse

Si sta discutendo, nelle ultime ore, il passaggio di alcune regioni da zone meno restrittive a zone in cui le regole sono più stringenti. Sarebbe programmata per oggi la decisione sulle nuove regioni arancioni e rosse.

Covid, oggi la decisione sulle nuove regioni arancioni e rosse

Sono 4 le regioni italiane nel mirino delle nuove misure, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Veneto e Campania. Queste Regioni rischiano il passaggio dal giallo all’arancione o al rosso, in un’Italia divisa cromaticamente in tre dalla pandemia di Covid-19. Tutto dipenderà dall’analisi dei dati che sarà fatta oggi dalla cabina di regia del ministero della Salute.

Covid-19: quali misure restrittive sono più efficaci per limitare i contagi?

 

La situazione in Campania

Vincenzo De Luca, presidente della regione Campania, annuncia nuove misure restrittive in arrivo, tra cui l’istituzione di zone rosse “nelle città dove si registra un alto livello di contagi” e forti limitazioni per i negozi.

Interviene anche il ministro Luigi Di Maio che dice: “Arrivano immagini terribili dalla Campania, ieri una persona è morta al pronto soccorso del Cardarelli di Napoli, altre stanno sulle barelle in condizioni preoccupanti. Questa non è più un’opinione. Non è una gara di battute tra chi è più sceriffo. Abbiamo davanti strutture ospedaliere al collasso“.

Lo sceriffo in questione sarebbe, appunto, De Luca che dopo aver minacciato il lockdown regionale, senza proclamarlo, continua a invocare da molti giorni quello nazionale. E che oggi ha rinfacciato nella videoconferenza con gli Enti locali a Boccia di aver avuto solo sette anestesisti a fronte di una richiesta di 1.400 sanitari in più, un mese fa.

Covid-19: l’ordine dei medici chiede il lockdown totale

Lo scontro sulla Campania relega quasi in secondo piano le ordinanze emanate in Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia nel tentativo di arginare la diffusione del contagio. La decisione sul passaggio della Campania e delle altre regioni da zona gialla a un grado maggiore di allerta, con restrizioni più dure, sarà presa oggi dopo l’analisi settimanale dei dati.

Tutte queste decisioni vanno verso un’Italia più serrata, soprattutto nei fine settimana, per cercare di frenare i contagi ed evitare un vero e proprio lockdown nazionale.

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Biologa