Con lo smart working l’Italia risparmia una tonnellata di CO2 all’anno

Secondo un recente studio condotto da Carbon Trust il nostro Paese, grazie allo smart working, risparmia una tonnellata di CO2 all’anno. Stando a questo dato il lavoro agile potrebbe, in futuro, arrivare a far risparmiare fino a 8,7 megatonnellate di anidride carbonica all’anno.

Con lo smart working l’Italia risparmia una tonnellata di CO2 all’anno

Secondo i numeri dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, le persone che hanno lavorato in smart working nel 2020, in Italia, sono state 6,58 milioni, praticamente un terzo dei lavoratori dipendenti italiani. C’è chi ha visto in questa nuova modalità di lavoro una serie di svantaggi ma oggi grazie allo studio Homeworking sappiamo che il lavoro agile è un grosso vantaggio per il pianeta. Potrebbe costituire, infatti, una strada per ridurre in maniera importante le emissioni di CO2.

Lo smart working detta le scelte immobiliari degli italiani

Lo studio Homeworking

Lo studio di Carbon Trust, associazione non a scopo di lucro che ha l’obiettivo di aiutare le Organizzazioni a ridurre il proprio impatto ambientale, ha permesso di capire come lo smart working possa essere un importante chiave per abbassare l’inquinamento ambientale.

La ricerca è stata condotta in sei Paesi: Repubblica Ceca, Germania, Italia, Spagna, Svezia e Regno Unito. Qui è stata calcolata la quantità di emissioni di carbonio risparmiate grazie al lavoro da remoto prima, durante e, mediante ipotesi, dopo la pandemia. È stata posta particolare attenzione al pendolarismo e alle emissioni degli uffici.

Il bonus smart working raddoppia per il 2021 per sostenere il nostro Paese

I dati dello studio

I risultati ottenuti dalla ricerca ci dicono che per ogni persona che lavora da remoto in Italia il risparmio sarebbe equivalente a oltre una tonnellata, ovvero 1.055 chilogrammi di CO2, emessa in un anno. Lo studio ha calcolato anche che in futuro circa 8,23 milioni di posti di lavoro nel nostro Paese, circa il 36%, potranno essere svolti da remoto e che le persone in media lavoreranno da casa circa due giorni alla settimana. Mantenere questo trend potrebbe contribuire in misura importante alla riduzione delle emissioni di inquinanti nell’ambiente.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Il ricorso allo smart working potrebbe comportare un risparmio, in termini di emissioni, pari a 60 milioni di voli da Londra a Berlino.
  • La sede di Milano di Vodafone Italia ha registrato una riduzione delle emissioni di CO2 nel corso della pandemia. In un anno sono state risparmiate più di mille tonnellate di anidride carbonica.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Share Post
Written by

Biologa