Tessuti stampati per la camera dei bambini

La camera dei bambini è un luogo molto importante. Ecco perché oltre ai mobili e allo stile bisogna prestare attenzione anche ai tessuti, soprattutto colorati. Dalle tende alle lenzuola, tantissimi elementi possono essere decorati e rinnovati con tessuti stampati.

Cameretta bimbi: 5 consigli utili per creare un angolo studio sostenibile

Tipologia di camera

Innanzitutto bisogna prima suddividere tra camere per bambini e camere per ragazzi. Queste si distinguono tenendo conto di:

  • età
  • funzionalità

Quelle dei bambini infatti richiamano solitamente il mondo dei giocattoli o dei cartoni animati. Qui infatti ci si può sbizzarrire con la fantasia e giocare con stoffe sempre diverse. Queste stimolano la fantasia e creano un ambiente rassicurante e su misura per i più piccoli.

Se la camera è dei figli più grandi, la scelta ricadrà su stoffe dai colori più tenui come il bianco laccato o il verde petrolio.

Come scegliere le stoffe per la camera dei bambini

Per dare un tocco fantasioso alla camera. Qualunque sia l’atmosfera da creare, la cameretta dev’essere un luogo intimo e accogliente dove trascorrere momenti speciali. Ecco perché le stoffe per bambini hanno un ruolo davvero importante. Valutare le proprie scelte in base ai seguenti aspetti può aiutare a scegliere i tessuti giusti in modo da rendere questa stanza un angolo speciale per ogni bambino.

camera dei bambini - idee tessuti

Tessuti stampati per la camera dei bambini – Shutterstock478964791 di Photographee.eu

Un punto di partenza

Per la biancheria da letto, per i tappeti e per le tende, scegliete due o tre scale colore per non appesantire troppo l’ambiente. In questo modo, la stanza diventerà un luogo di riposo e benessere. Per quanto riguarda la scelta vera e propria dei tessuti per i bimbi, le possibilità sono davvero infinite e dipendono anche dalla stagione.

Si sa infatti che il cotone, grazie alla sua leggerezza e alla capacità di lasciare respirare la pelle, è perfetto per le lenzuola e il copriletto, soprattutto durante la stagione primaverile e autunnale. Inoltre, si presta bene a stampe fantasiose che rallegreranno i più piccoli. È l’ideale anche per tende allegre ma che rendono la casa fresca e luminosa.

Il lino è invece antiallergico ed è consigliabile nei periodi ad alto tasso di umidità, come l’estate.

La lana, infine, grazie alla sua capacità di riscaldare, è perfetta per i periodi più freddi e per tappeti colorati lavorati artigianalmente.

Non solo azzurro e rosa

Solitamente per le camere dei bambini si opta sempre per il rosa o l’azzurro. A volte però è bello stravolgere i piani iniziali per dei risultati inaspettati. Colori come il giallo, l’arancione o il verde sono perfetti per iniziare la ricerca della stoffa per bambini.

Il colore ha sicuramente un ruolo importante nella scelta perché può diventare il protagonista della stanza oppure creare piacevoli contrasti. Scegliere il colore giusto permette di dare equilibrio ai momenti di riposo e gioco. Mixare i colori tra loro permette di liberare la creatività e dare un aspetto diverso agli ambienti.

Quali fantasie utilizzare per la camera dei bambini?

Scegliere delle stoffe con buffi personaggi, dagli eroi preferiti ai piccoli animali, aiuta i bimbi ad addormentarsi tranquillamente e ad avere “alleati” contro i mostri notturni. Anche stelle e pianeti conciliano bene il sonno.

La fantasia geometrica renderà invece l’ambiente ricco di colore ma abbastanza sobrio, perfetto per quando i bambini cresceranno un po’ di più. In ogni caso, basta sperimentare per dare alla camera un tocco unico di vivacità.

Decorare la cameretta con la carta da parati

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Il riferimento normativo per definire la metratura minima di una cameretta è l’art. 2 del Decreto del Ministero della Sanità del 5 luglio 1975 che recita: “le stanze da letto devono avere una superficie minima di 9 m², se per una persona, e di 14 m², se per due persone”. Al di sotto di queste misure le camerette non hanno i requisiti igienico-sanitari per poter essere abitabili.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it