Pillole di Interior Design: la scelta dei pavimenti

L’arredamento è l’anima di una casa. La realizzazione degli interni, l’accostamento di colori e texture, l’atmosfera dell’illuminazione sono essenziali per vivere uno spazio con armonia. Arredare casa comporta uno studio d’insieme e richiede l’elaborazione di un progetto che consideri le scelte di tendenza, le proposte di design ed il gusto personale. Quando si deve arredare casa, la scelta giusta è quella di iniziare proprio dalla parte bassa cioè dai pavimenti.

Studiare e scegliere con accuratezza il rivestimento a terra più adatto ai mobili e ai complementi d’arredo pensati per la casa, è essenziale. Nella costruzione o ristrutturazione di un’abitazione le modifiche in corso d’opera sono sempre possibili, ma sarebbe molto complicato dover rimettere mano ai pavimenti. La soluzione da ricercare deve essere dunque in stile e duratura. Le ultime tendenze prediligono rivestimenti a terra funzionali e che rispettino la salute.

Pavimenti d’appoggio

I  pavimenti che si appoggiano, detti flottanti, sono tra i più apprezzati del momento. Si tratta di rivestimenti semplici da montare, che non richiedono alcuna demolizione. Sono pavimenti flottanti il parquet, il laminato, i pavimenti vinilici.

Parquet

Il parquet è un’opzione sempre molto apprezzata. Scegliere il parquet adatto non è semplice poiché sono tante le tipologie, le tonalità, i tipi di posa. Un parquet tradizionale o massello è costituito da listoni grezzi, levigati e verniciati dopo la posa. È molto resistente e duraturo. I tempi di posa sono abbastanza lunghi dunque richiede un costo più elevato. Un parquet prefinito, invece, viene levigato e verniciato  in fabbrica ed è composto da uno strato di legno nobile in superficie, posato su uno supporto di legno più povero. Il parquet prefinito conta circa il 90% dei consumi poiché è già pronto (levigato e verniciato in fabbrica), offre una scelta di finiture più ampia, i tempi di posa sono più veloci e i costi più accessibili.

Pillole di interior design: la scelta dei pavimenti

parquet prefinito in legno di Rovere WeroLegno quattordici di Nanni Giancarlo & c.

Laminato

I pavimenti in laminato sono un perfetto connubio tra qualità, prezzo e design. Sono rivestimenti in fibra di legno, con decori che si rifanno al legno o alla pietra. Sono apprezzati soprattutto nelle ristrutturazioni veloci perché non richiedono la demolizione del pavimento preesistente. I pavimenti in laminato sono differenti per resistenza, stabilità e capacità di mantenersi nel tempo. Il laminato è una soluzione funzionale, esteticamente gradevole ed economica.

Pillole di interior design: la scelta dei pavimenti

Pavimento laminato – Leroy Merlin

Pavimento in PVC

Il rivestimento vinilico in PVC di ultima generazione è un pavimento d’appoggio. Il rivestimento LVT (Luxury Vinyl Tile ovvero Piastrelle Viniliche di Lusso) ha rivoluzionato l’uso del pavimento in PVC. Utilizzato in passato quasi esclusivamente per il settore professionale (scuole, uffici, palestre) oggi il pavimento in PVC LVT è molto apprezzato anche nell’arredamento d’interni privato: un prodotto adatto per creare superfici con un certo valore estetico.

Pillole di interior design: la scelta dei pavimenti

Pavimento PVC – LVT flottante idrorepellente di Nanni Giancarlo & c.

Cementine

Le cementine sono composte da polveri finissime di marmo, cemento e ossidi naturali. Quelle tradizionali non vengono levigate o lucidate ma semplicemente trattate con olio di lino per essere rese idrorepellenti ed anti macchia. Accantonate per tanti anni, oggi le cementine tornano ad essere un must nel design d’interni.

Pillole di interior design: la scelta dei pavimenti

cementine – Leroy Merlin

Resina

Il pavimento in resina è un’alternativa di tendenza. Tale rivestimento, in passato utilizzato in ambienti industriali e commerciali, oggi pavimenta uffici, showroom ma anche case private. La resina costituisce una scelta originale e stilosa. La superficie trattata con resina è liscia e continua: un rivestimento moderno e adatto ad appartamenti, loft ed open space.

Pillole di interior design: la scelta dei pavimenti

shutterstock Di adpePhoto – pavimento in resina

Moquette

La moquette è un tipo di rivestimento coibentante, confortevole e antiscivolo. Regala una superficie morbida e un ambiente insonorizzato (una moquette di 1 cm di altezza ha un potere isolante pari ad un pavimento in cemento di 15 cm). La pavimentazione in moquette ha una grande proprietà di isolamento termico e consente un grande risparmio energetico poiché permette un minor consumo nel riscaldamento. Le nuove moquette con filati tecnologici non catturano la polvere e sono facilmente pulibili con l’aspirapolvere.

Pillole di interior design: la scelta dei pavimenti

moquette antibatterica a listone di Nanni Giancarlo & c.

Marmi e graniti

Il pavimento in granito e in marmo rappresenta una scelta di classe senza tempo. Costituiti da materiali ricercati ricavati da pietre naturali, questi rivestimenti possono raggiungere costi piuttosto elevati. Marmo e granito, grazie a nuovi metodi di lavorazione, sono ancora molto utilizzati.

Pavimento alla veneziana

Il pavimento alla veneziana sta vivendo una fase di rinascita grazie alla sua versatilità ed eleganza. Questo tipo di rivestimento si adatta perfettamente ad ambienti dal gusto classico e new-barocco, ma viene utilizzato sempre più spesso in spazi più contemporanei.

Pillole di interior design: la scelta dei pavimenti

shutterstock Di nontthepcool – pavimento alla veneziana

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • Ecco i criteri per scegliere un pavimento ecologico e biocompatibile:

– preferire i materiali naturali a quelli sintetici;

– tenere in considerazione le caratteristiche di riciclabilità del materiale e di rinnovabilità della fonte;

– valutare il contributo del materiale al risparmio passivo di energia;

– considerare l’impatto del materiale sulla qualità dell’aria domestica (tossicità, odori, radioattività e cariche batteriche)

– attenzionare i metodi di fissaggio e di installazione, le sigillature e le verniciature: tali elementi possono contenere componenti tossiche, come formaldeide e metalli pesanti, che incidono sulla salubrità degli interni in cui si applica il materiale.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Designer e Dottoressa in Lingue Moderne per il Web