Come mantenere la casa fresca d’estate

Mantenere la casa fresca d’estate non è un miraggio. La bella stagione è ormai arrivata e con lei anche il sole caldo. Per evitare di andare incontro all’afa, le nostre case diventano veri e propri rifugi. È però necessario creare le giuste condizioni per evitare che l’abitazione si scaldi eccessivamente.

Alcuni accorgimenti per mantenere la casa fresca d’estate

Bastano alcune semplici abitudini per mantenere una casa fresca:

  • Durante il giorno, tenere tende e finestre chiuse durante le ore più calde. Questo impedisce all’aria calda e umida di entrare in casa. Le finestre vanno tenute aperte al mattino presto e durante la notte, quando l’aria è più fresca.
  • Spegnere le luci quando non necessarie e non lasciare apparecchi elettronici in stand-by poiché, in ogni caso, producono calore.
  • Evitare di creare umidità. Cioè riservando attività come fare la doccia o il bucato alle ore più fresche.
  • Installate tende esterne sopra le finestre e i balconi per schermare la luce del sole che passa dalle finestre. Inoltre, scegliere tende bianche, sia per gli interni sia per gli esterni, per migliorare l’illuminazione della casa in modo naturale, evitando accensioni di luci che provocano calore eccessivo all’interno dell’abitazione.
  • Cucinare poco e all’aperto prediligendo cibi freschi e ricchi di acqua, come insalate di verdura e frutta. In alternativa, prediligere tempi di cottura rapidi e non usare il forno.
  • Per dormire bene, utilizzare delle fresche lenzuola in cotone, da cambiare spesso. Evitare le fibre sintetiche che, a contatto con il corpo producono ulteriore calore. I cuscini è meglio sostituirli con quelli riempiti con grano saraceno, che lasciano passare l’aria e non trattengono calore. Per gli amanti della tecnologia, esistono anche guanciali termici.

Trasformare gli esterni per dormire all’aperto e sentirsi in vacanza

Pro e contro dell’aria condizionata

L’aria condizionata a volte è indispensabile, soprattutto nelle località dove si raggiungono temperature molto elevate. Questa però rischia di incidere sulle nostre bollette e, per qualcuno, sulla salute.

Gli sbalzi di temperatura dovuti al passaggio da ambienti caldi ad altri in cui l’aria fredda è eccessiva possono portare a raffreddori, febbre, bronchiti e cervicali. Ovviamente, se utilizzata con moderazione, l’aria condizionata non fa male ma anzi può evitare anche il sorgere di malori dovuti alle eccessive temperature, soprattutto per anziani.

Non bisogna però esporsi troppo ai getti d’aria diretti e il condizionatore non va lasciato sempre acceso. Basta regolare l’impianto con circa 4-5 gradi di scarto rispetto alla temperatura esterna.

Optare per un ventilatore

Il ventilatore può essere un alleato prezioso per mantenere la casa fresca d’estate e consuma circa 15 volte meno rispetto condizionatore.

Bisogna però saperlo impostare correttamente. La rotazione delle pale in senso antiorario consente al ventilatore di generare un flusso d’aria costante che rinfresca a lungo gli ambienti interni. Davanti al ventilatore si può anche posizionare un recipiente con del ghiaccio che renderà la stanza fresca. È utile collocare dei ventilatori in bagno e in cucina, in modo che l’aria calda prodotta dai fornelli e dalla doccia si disperda velocemente.

Le piante che purificano l’aria in casa

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu? 

  • Nei momenti di massimo calore bagnare viso e polsi con acqua fredda.
  • Se la temperatura è molto elevata, si può optare per tenere gli indumenti in frigorifero per qualche minuto prima di indossarli.
  • Le piante sono fondamentali per una qualità dell’aria priva di sostanze nocive e alleate contro il calore. Tra queste, la palma Areca, l’Epipremnum e la Sansevieria possono rigenerare completamente l’aria delle nostre case convertendo l’anidride carbonica in ossigeno.
  • Se possibile, la scelta più efficace per rendere la nostra casa naturalmente fresca d’estate, senza dover ricorrere a impianti di condizionamento, è la ristrutturazione energetica completa o, se non fosse possibile, parziale.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post