Come coltivare l’avocado in balcone

Coltivare l’avocado in balcone è facile e divertente. Vi basterà conservare il seme del frutto dopo averlo utilizzato. Seguite questi semplici passaggi su come coltivare l’avocado in balcone, non mancherà più sulle vostre tavole.

Come piantare l’avocado a casa

L’avocado (Persea americana) è un albero originario del Sud e Centro America apprezzato per la bontà dei suoi frutti. Una pianta che per crescere al meglio necessita di un clima tropicale o subtropicale. Tuttavia, piantare un avocado è possibile anche in Italia, infatti con le dovute accortezze riuscirete a farlo crescere nel vostro balcone. Per farlo non dovrete far altro che assaporare un avocado, recuperare il seme e seguire i questi semplici consigli.

Frutta e verdura di stagione: cosa mangiare ad agosto?

Cosa serve per coltivare un avocado

A differenza di altre specie, la coltivazione dell’avocado è particolare perché prevede di far germinare il seme in acqua e solo dopo qualche tempo trasferire la pianta in vaso. La procedura è molto semplice e occorrono davvero poche cose per sperimentare in casa la coltivazione di un avocado. Per iniziare procuratevi:

  • un seme di avocado maturo, ripulito dalla polpa e lavato
  • stuzzicadenti
  • un contenitore
  • acqua
  • terriccio

Una volta procurato il seme, ripulitelo e infilatevi 3 o 4 stuzzicadenti perpendicolari tra loro. Quindi posizionatelo dentro un bicchiere con dell’acqua con la parte più rotonda rivolta verso il basso. In pratica il seme essere sorretto dagli stuzzicadenti in modo che sia immerso nell’acqua solo a metà. L’avocado ci mette dalle 2 alle 6 settimane a germinare, in questo periodo non dovrete far altro che aggiungere acqua all’occorrenza e attendere che la natura faccia il suo corso.

Ecco i 10 frutti più costosi al mondo

Trapiantare l’avocado

Dal seme inizieranno a spuntare piccoli germogli che diventeranno foglioline solo dopo un mese. Con il tempo la piantina diventerà uno splendido alberello. A questo punto il vostro piccolo avocado è pronto per essere interrato. Togliete gli stuzzicadenti e posizionate il seme con le radici e il germoglio in un vasetto di almeno 30 cm di diametro. Ricordate che, trattandosi di una pianta tropicale, necessita di calore e umidità. Evitate di bagnare eccessivamente il terriccio che tuttavia, dovrà essere sempre ben drenato. Sistemate il vaso al sole ma evitate esposizioni troppo luminose e assicurategli sempre una temperatura superiore ai 4 °C. Con questi semplici trucchi riuscirete a coltivare un avocado sul balcone fino a farlo diventare un vero e proprio albero.

Cucinare con gli scarti di frutta e verdura

Le cure da riservare alla pianta d’avocado

Durante l’inverno trasferite il vaso in un luogo caldo e soleggiato. Se l’avete piantato nel terreno, invece, ricordatevi di coprirlo con un telo di plastica per evitare gli shock termici fatali. In primavera- estate l’avocado deve essere concimato e irrigato. Nei primi anni l’avocado va ben potato, in modo da creare quattro o cinque rami principali da cui nasceranno quelli secondari. Tuttavia ottenere i frutti non è così semplice dato che spesso occorre accoppiare due o più piante appartenenti ai due diversi per consentire l’impollinazione reciproca.

coltivare l'avocado

Unsplash foto di delia giandeini

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo. E tu? 

  • La parola avocado deriva dallo spagnolo aguacate e significa testicolo, per analogia riferita alla forma di quest’organo. Nell’America latina di lingua spagnola è anche chiamato col nome d’origine chèciua, palta.
  • L’albero è di taglia media e misura circa 10 metri d’altezza, anche se può raggiungere i 15-20 m. Invece, il frutto è una drupa a forma di pera, lunga dai 7 ai 20 centimetri e con un peso che può variare dai 100 ai 1000 g.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continua a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.