Candele decorative: dove e come posizionarle

Dopo la scoperta del fuoco, sono state il più antico mezzo di illuminazione per secoli fino alla scoperta dell’elettricità. Le candele, oggi, sono principalmente usate a scopo ornamentale e decorativo non solo all’interno della casa, ma anche all’esterno. Per chi si chiede dove e come posizionarle, la risposta non è univoca; esistono svariati modi e soprattutto tipi di candele da sfoderare in diversi momenti e situazioni. Dall’incontro galante ad un bagno caldo e rilassante, troverete l’opzione più adatta. Per la posizione, oltre ai vari ambienti della casa, vi proponiamo la filosofia del Feng Shui. Scopriamo nel dettaglio dove e come posizionare le candele decorative.

Candele decorative: idee per ogni ambiente e situazione

Le candele sono affascinanti e rendono l’atmosfera romantica e rilassante; abbelliscono e adornano la casa ed i suoi arredi, donando quel tocco in più per i momenti speciali e personali. Vediamo come posizionare e disporre le candele decorative nelle diverse stanze della casa.

Sala da pranzo

Un pranzo o una cena speciali? Non importa che sia giorno o notte, le candele sono perfette per decorare la tavola e anche i mobili circostanti. Potreste posizionare un candelabro come centro tavola e creare dei portacandela con dei materiali riciclati o utilizzando i bicchieri come supporto delle candele stesse  per enfatizzare i segnaposti e dare un tocco di eleganza ai vostri incontri.

Bagno

Il tocco finale per un relax a tutto tondo. Ottimale per chi ha una vasca da bagno sarebbe posizionarle sopra un supporto rigido e accostarle all’angolo della vasca o sopra lo sgabellino da bagno. Sceglietene di misura medio-grande, colorate e magari profumate, aiuteranno ad un relax extra. Esistono anche in versione galleggiante.

Camera da letto

In  camera da letto vanno bene di qualsiasi forma, dimensione, colore e aroma. In questa stanza danno l’effetto romantico per eccellenza, ancora meglio se unite a dei petali di rose…Potreste lasciarne qualcuna sui mobili e sui comodini, magari riparate sotto una cupola; esistono dei contenitori di vetro apposta per le candele, oppure stile ‘vaso’ portacandela. Altre, magari più grosse, sarebbero da inserire in una (o più) teca da lasciare a terra, stile lanterna. Le più piccole usatele per decorare le mensole creando dei punti luce soffusi. Unica regola: non esagerare con le candele sparse, piuttosto create un ‘altare’ facendo spazio su un comò e utilizzate diversi tipi di candele per riempirlo.

Giardino/terrazza

Non solo gli zampironi d’estate per scacciare le zanzare, si può ricreare un ambiente magico anche all’esterno della casa. Ottime le grosse lanterne in vetro e metallo da posizionare a terra oppure da appendere per un effetto ‘lucciola’ da lumi sospesi. Anche un mini-vassoio mobile può essere convertito in un supporto decorativo pieno di candele. Le più piccoline e rotonde andranno a decorare il tavolo grande o anche quello da caffè. 

5 idee per decorare i cuscini in maniera sostenibile

Le diverse tipologie di candele

Come  sapete ne esistono di diverse tipologie e forme, vediamone alcune:

  • lumini o tealights: sono le più usate, quelle piccole e rotonde che si usano anche nei diffusori di incenso.
  • Fluttuanti: di forma arrotondata e schiacciata, possono essere posizionate in un contenitore pieno d’acqua con altre decorazioni per una candela galleggiante.
  • Candela allungata: sono strette e alte, ricordano quelle da chiesa o antiche; hanno bisogno di un supporto come un candelabro.
  • Candela grossa: alte o basse, le accomuna la caratteristica di avere una larghezza considerevole e soprattutto è una tipologia durevole nel tempo.
  • A tempo: sono quelle a cera d’api, di forma arrotolata e disperdono poco fumo. Possono arrivare ad emettere fino a 15 ore di luce.

Dove posizionare le candele secondo il Feng Shui

L’antichissima pratica del Feng Shui di origine orientale, ha come scopo quello di ristabilire l’armonia e l’energia tra noi e l’ambiente in cui viviamo. Quindi non solo la posizione delle stanze e degli arredi, vengono inclusi anche il posizionamento delle luci, delle piante e di tutto quello che compone la casa. Vediamo cosa ci suggerisce quest’arte in base alla posizione da scegliere:

  • Nord: vanno ad incanalare energia positiva e aiutano nel lavoro.
  • Sud: Riduzione della tristezza e di ansia; attraggono il successo, la fama.
  • Ovest: stimolazione della creatività e conduzione verso i viaggi.
  • Est: attrazione di energia riparatrice in caso di malattia e portano armonia.
candele decorative

Candele decorative: come e dove posizionarle – Africa Studio per shutterstock

Il colore delle candele decorative secondo il Feng Shui

Non solo riguardo i punti cardinali e la posizione delle candele, anche il colore che si andrà a scegliere è ricco di significato; ogni tonalità possiede una propria vibrazione:

  • Bianco: distrugge le vibrazioni ed energie negative. Rappresenta la purezza e la perfezione.
  • Nero: simboleggia il mistero e ciò che non conosciamo. Assorbe le vibrazioni cattive di una persona e la negatività.
  • Giallo: è il colore del sole, rappresenta l’ottimismo e l’intelligenza. Aiuta la stimolazione della mente e migliora la concentrazione.
  • Verde: è il colore della natura, della speranza e della serenità. Le candele verdi sono indicate per chi desidera chiudere una vecchia strada ed intraprenderne una nuova.
  • Rosso: rappresenta il fuoco e la forza vitale, la passione. Può risultare utile in momenti di depressione o brutte situazioni in amore.
  • Blu: è il colore del mare, che porta calma e tranquillità. Rappresenta la mente e la conoscenza.

IMPORTANTE: bisogna sempre prestare molta attenzione alle candele che si accendono in casa o all’esterno; si raccomanda di non lasciarle incustodite e di non coricarsi con le stesse lasciate accese. Dovete spegnerle. Oltretutto non allontanatevi troppo da esse e non lasciatele in balia di un minore.

Come armonizzare il bagno abbinando gli asciugamani alle piastrelle

Pillole di Curiosità- Io non lo sapevo. E tu?

  • Una candela può produrre circa 12,6 lumen di luce visibile per 40 watt di calore.
  • 1400 °C è la temperatura che può raggiungere la fiamma di una candela nel suo punto più caldo.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Interior-Garden designer& Web project