Arredare un Loft: i consigli dell’Interior Designer

Nella progettazione dei Loft, ovvero questi ambienti unici chiamati anche “open space”, si deve porre  particolare attenzione  ad alcune caratteristiche tipiche di questo spazio particolare e unico.

È molto importante, in questi casi, farsi seguire da una figura professionale come una Interior Designer per una molteplicità di cose; in primis per la conformità delle norme edilizie e sanitarie, l’impiantistica e non meno rilevante la gestione degli spazi, soprattutto le altezze. Ciò che contraddistingue un Loft da altre tipologie abitative è proprio l’apertura, ossia la capacità di unire più ambienti non creando soffocamento. Nella progettazione della verticalità si prediligono i soppalchi creando così doppie altezze. Un ottimo modo di aumentare gli spazi interni o la vivibilità degli stessi è avere delle aperture sull’esterno così da facilitare l’ingresso della luce da vetrate o finestre, a tutt’altezza o non, per ampliare considerevolmente lo spazio interno.

Il loft si può dire è stato una fonte di ispirazione di nuovi stili di design e dell’ecosostenibilità, partendo dalla scelta dei materiali. Infatti le piastrelle sono state abolite, si è optato sempre di più sul legno perché è un materiale caldo ed accogliente, soprattutto per i “pavimenti”. Non a caso spesso si cerca di unire il legno a metallo o vetro, materiali  molto affini allo stile “URBAN”. Per quanto riguarda le pareti, per definire meglio gli spazi e i volumi , si cerca di usare delle tonalità neutre o comunque sia chiare, poichè l’utilizzo di questi colori garantiscono un espansione della luce.

Arredare un loft

Foto di PinkyWinky – Shutterstock

 

Un tassello fondamentale da non sottovalutare per la buon riuscita della progettazione è l’arredo poichè è ciò che delimita i vari ambienti all’interno dello spazio unico, compresa la divisione tra “giorno e notte”. Una libreria, ad esempio, è un arredo più che efficace per dividere la zona pranzo dalla zona relax, oppure la zona notte dalla zona giorno (quest’ultimo nel caso ove non fosse stato previsto un soppalco). Nel caso in cui ci sia un soppalco si cerca di utilizzare un arredo simile agli altri ambienti per non creare discontinuità nell’intero. Solitamente si cercano arredi semplici che amplifichino anche la luce dove è possibile. Con il soppalco si evidenzia la tipica presenza di pilastri portanti, dove i materiali possono spaziare dalla ghisa, pietra, mattoni, acciaio, moderni o d’epoca.

Arredare un Loft

Foto di 2M media di Shutterstock

.

Un ottimo elemento d’arredo, a volte non ritenuto tale, è la presenza di verde e piante sparse per la casa. L’unione di legno e verde è perfetto per dare alla casa la freschezza e l’apertura che la contraddistingue.

Fiori e piante per arredare la tua casa

Esistono un sacco di piante che regalano all’ambiente un tocco positivo e confortevole, così come diversi modi di integrare le piante e l’ambiente, ad esempio si possono utilizzare le scale o i parapetti del soppalco, mensole, ecc. Le piante sono molto più di un bel vedere, ci sono piante utili alla cucina come il rosmarino o il basilico, oppure quelle spesso presenti in bagno per le loro proprietà antinquinanti come l’aloe, il ficus o l’orchidea. Esiste uno studio approfondito sulla “scelta delle piante”, che in base alle loro caratteristica principale, dove possono essere posizionate.

Arredamento industrial chic per la casa

Come precedentemente accennato il Loft ha dato ispirazione a diversi stili di arredo, per citarne qualcuno abbiamo: lo stile industrial, rustic, shabby chic, l’urban design e il green living, questi ultimi menzionati sopra nella descrizione come esempi.

Di seguito riporto alcuni consigli di utilizzo dei materiali nei vari ambienti.

  • Sala da pranzo/Cucina: una parete di mattoni a vista accompagnata da un grande tavolo di legno basteranno a dare l’effetto desiderato. Possiamo giocare poi con i dettagli, puntando su un illuminazione con faretti industriali, mentre per dare un tocco personale e avere uno spazio dedicato a tutta la famiglia si potrebbe inserire un acquario, creando così una molteplice funzione, come divisione ambiente e condivisione.
  • Zona living: pareti attrezzate, divani e poltrone in tessuto e un bel tappeto, il tutto con colori accesi o tenui, a seconda della scelta dei colori adottati e il giusto gioco di luci per creare un ambiente accogliente e rilassante.
  • Camera da letto: l’idea è quella di lasciare la stanza il più libera possibile, dall’aspetto minimal con elementi d’arredo semplici, separè per suddividere zona studio a zona sport (ove fosse richiesto dal committente), un pavimento in legno e tessuti come il lino per riscaldare la stanza.
  • Bagno: qui possiamo usare mobili in legno prettamente rustici.
Arredare un loft

Foto di stock_SK – Shutterstock

.

Lo scopo nella progettazione è quello di prendere i lati positivi di ogni stile, dando un tocco “glamour” all’ambiente.

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Il termine loft deriva dal tedesco luft o dal norvegese lopt e si può tradurre semplicemente in aria. Indica dunque uno spazio comune molto ampio e arioso.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Share Post
Written by

Interior Designer e Personal Shopper