Come coltivare le mele nel tuo giardino

Le mele sono uno dei frutti più conosciuti e consumati al mondo, inoltre fanno molto bene alla salute. Perché allora non provare a coltivare le mele nel proprio giardino? Vediamo come farlo, come scegliere la giusta varietà, quando piantare e come concimare gli alberi di melo.

Come coltivare le mele nel tuo giardino

Il melo è una pianta molto bella da vedere e anche semplice da coltivare. Questo la rende perfetta per il giardino. L’autoproduzione consente, inoltre, di avere frutti sani ovvero privi di pesticidi e fungicidi generalmente usati nella coltivazione su larga scala. Vediamo quali sono i passaggi e gli accorgimenti cui attenersi per coltivare le mele e ottenere un buon raccolto a Km 0.

Le mele: lassative o astringenti?

Come si coltiva il melo

Innanzitutto è bene sapere che il melo è una pianta autoincompatibile, detto in altri termini significa che uno stesso albero non è in grado di impollinarsi da solo. Sarà quindi necessario piantare almeno due alberi di melo che abbiano come caratteristica quella di fiorire nello stesso periodo.

Per far avvenire l’impollinazione è poi indispensabile la presenza di insetti impollinatori, come le api, che trasportando il polline da una pianta all’altra faranno avvenire la fecondazione. Questi insetti sono generalmente attirati dalle piante e sicuramente avrete già visto qualche ape svolazzare nel vostro giardino.

Scegliere la varietà di mele più adatta

Quando si vuole coltivare alberi da frutto nel proprio giardino il consiglio è quello di scegliere piantine dalle varietà selezionate, da comprare in vivaio, piuttosto che partire dal solo seme.

Quando si compra una pianta innestata è bene sapere che questa è formata da due parti: il portinnesto, che corrisponde all’apparato radicale e il nesto, cioè la parte superiore formata dalla chioma con i rami. Dal primo dipende la capacità della pianta di adattarsi al terreno e la sua resistenza a condizioni climatiche particolari. Dal secondo dipenderà, invece, la varietà delle mele.

La scelta del melo è personale, ovvero dipende da quale varietà di frutto gradite, ma si consiglia di farsi guidare da personale esperto, lo stesso vivaista, per quanto riguarda gli aspetti più tecnici. In buona sostanza l’albero di melo dovrà essere adatto al tipo di terreno di cui è composto il vostro giardino e alle condizioni climatiche.

Coltivare mele - albero di mele

Come coltivare le mele nel tuo giardino – SHUTTERSTOCK di Serhii Hrebeniuk

Quando e come piantare un albero di melo

Il momento migliore per piantare il melo è la fine dell’inverno, quindi tra febbraio e marzo. Si consiglia di evitare giornate di pioggia o i periodi in cui il terreno risulta gelato. La posizione è molto importante per far crescere rigogliose le piante. È necessario scegliere una zona del giardino ben esposta al sole e priva di ristagni d’acqua. Inoltre bisognerà mantenere una distanza di almeno 3-4 metri da altre piante, siepi o edifici.

Una volta individuato il posto adatto procedere scavando una buca che abbia un diametro e una profondità pari a mezzo metro. A questo punto posizionarvi la pianta in modo che stia ben dritta e riempiere lo spazio vuoto compattando bene il terreno. Questo permetterà alle radici di aderire bene al suolo.

Per concimare il terreno è possibile usare del compost autoprodotto oppure in alternativa dello stallatico in pellets, della cornunghia o della cenere di legna. Il concime può essere mescolato al terreno con cui poi si andrà a riempire la buca.

Quando annaffiare il melo

Una volta reso compatto il terreno annaffiare in maniera abbondante la porzione circostante la pianta. La prima irrigazione è molto importante perché sarà l’operazione che consentirà alle radici del melo di addentrarsi e compattarsi con il suolo.

Il melo apprezza i terreni drenati, ricchi e freschi, ma senza eccessiva umidità, perciò nel corso del primo mese innaffiare quotidianamente poi farlo con regolarità evitando i ristagni d’acqua. Meglio irrigare alla sera. Quando si forma il frutto, innaffiare copiosamente una volta alla settimana, lasciando asciugare il terreno tra un’annaffiatura e l’altra.

Frutta e verdura del mese di maggio

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Esistono circa 7 000 varietà di mele di diversa origine nei vari Paesi, differenti per colore, consistenza, sapore e contenuti nutrizionali.
  • Si stima che al mondo si consumano più di 85 mila tonnellate di mele l’anno, merito anche delle molte varietà disponibili.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Biologa